Olire Autunnali Preferite Specialità del Premiato Laboratorio Chimico Farmaceutico LIPPOL PEPTONÀTO DI FEItìlO JLIPPOL1S — Scientificamente riconosciuto il miglior preparato ferruginoso. Guarisce l'anemia nevrastenla radiiti sino e qualsiasi debolezza dell'organismo derivante da impoverimento del sangue. CHINA (1!IINA AL CACAO — Tonico nutritivo per eccellenza di sapore gradevolissimo. ('MINA CHINA ALLA NOCE VOMICA — Rimedio sovrano nelle irregolari digestioni. Umilissimo nelle depressioni nervose. CHINA CHINA ALLA NOCE VOMICA ARSENICALE — Ricostituente di prim'ordine. La ditta F. Lippolls è sempre largamente provvista dell'ottimo Olio di Fegato (li Merluzzo speciale, che importa direttamente dall'origine e ne garantisce l'assoluta genuinità e purezza. IL LIQUORE TONICO PURGATIVO LIPPOLIS è ottimo ausilio dell'organismo nei periodi delle cure, perché migliorando le funzioni digestive facilita la tolleranza del farmaco e ne aumenta l'assimilazione. (OLI OVULI 1)1 SICUREZZA LIPPOP1B < antifecondativi » sono di effetto sicurissimo. Si badi però che 1' ovulo sia completamente sciolto). IR FATTORI Unica seria Gora a basa di ! lina e soda salicilato ecc, i medici lo prescrivono da oltre 25 anni nella T A ARTRITE REUMI ELISIR FATTORI si vende a L, 2,00 per boccetta. Se per posta aggiungere Cent. 60. Opuscolo gratis a richiesta dai chimici Gk FATTORI <&. C, Vm Manforte N. 16 EMORROIDI INTERNE ED ESTENE sieno pure allo stato cronico si guariscono radicalmente con le rinomate iole solventi antiemorroidali liso faciiisssiììo Pillole i. 50 L 2,50 Vaso d'unguento L 2 • Se per posta ceni 25 in più, dai Chinaci O# Fattori circlecopyrt O., via FOSFOMETAR.SIf,ANATO DI FF .>(() per uso Interno e pervia epidorniMa Contiene oltre il f*^*"**.»» il '* >ro 'I.' e l'firsoaSoo (Wilo metiì arsirne';} allo stato organico Rimedio sic* ' «tn effetto ne'ia FEBBRI P: ' ' «AEROSI. MEURA$T£N1*v, r.'ACHITISMO, SCROFOLA negli ESAURIMENTI NEBV03» s *.*. • Di MALATTIE INFETTIVE eli; 11. IGLIORI: R:r;os]lTl|ENrE PER f BAMBINICT Lira b Botti?!!.*! 3 li Scalila di aip^liir VMD.&Ì p In fari: Si vsndh u fnft« \», F?^ nte. v ì Rfl ^ ì * IXTO» \ v % ; f>N \ L7, 4 Via Calabria sr A.F»O finr,six*r Si.p Fu»» fttìfìH Jìurwrj 8 Ci Pianini * V g tonico digestivo Dopo molteplici ed aoiuuit is esperienze si può M'icuwred) Indovinato iì miglior ii^u<!> tavola. e por r . SA «r < <ì. Pi K « A ha avuto fur1K perfetta y ìfl Ouartrouse ', Cuna ed al ire ioitan» i i it« irati' Diploma d'onore e m*id,ifltb d'uro f wtiiu'o i" cruore, Parigi 1900, ... t*Hi, •CTJ tuli a costei 50 JJITU. di vela ' E' vii «.maro, »TA \ il pili gradito. ! uoucmg ali' KiuopB. uìtera cho ir ut < tntuiie ì dolìa Fut'h.i si fablrionno d"i liquori j ? si e <suUiu?< L«i.*i( eUi da tot ? •™SI&ìl''<& fSSTHATTC Klf FOUCifil Liquore salutare per 1^ sue proprietà tonioli' a pariti1, «*, digestive e ti i bnougubtai. T/l.lloUlfl t «<:Ji< >iel Jury — Bf{iosiKiou« Frac» "' coTtaLano—Parigi 19C)3. m uvilupim aervendoCJuesto n.PI sa)a, ohe ritiro d*>U<3 primarie fatiorw di 8ioilia, nane d& me a«iour?itttB..tìrii« (Irfjgato con china ed altro so t&ntft touiohe e ricostituenti. Massima oaorificenKo duve cuu corse. ÌTL"!l[riUJIIII'ÌÌJIttfìP.llilii'l.'l<t^BJ^tÌ!IL*lIWi*f^llLt!'l||lU 1 ' * **"• lo ben Dftstò entusiasmo a Londra afll 1903. Sodo corrispondente della Società Naeionale JeiChimiciFariaaciBti di PalorinOi fi Sig. WITtì CASSANO' DI OOil^f S BMÌÌ Via abate Giinma 47. OLXIG ITìjnitturcirclecopyrt ci.es IJL3 TIOSSG J 2 Non dimenticate per la vostra BARBA e CAPELLI bianchi la N. Ì502 bis sistema VITTORIO BONOMI MILANO Premiato con Medaglie d'Oro all'Esposizione Internazionale di Milano 1901 N. 1500 — Orologio movimento Roskopf ricordo Esposizione di Milano 190G grandi conio disegno, cassa nichel inalterabile con miniatura a colori allegorica dell'esposizione prezzo L. 5,75, franco di porto nel regno L. 6. | N. 1501 — II medesimo in cassa arlihtifpe cesol \ lata in rilievo, elegantissimo L. 10. \ N. 1502 — Orologio per Signora ricordo Esposi | zione di Milano in cassa acciaio interamente 'inaii aia con allegoiia cloH'e3poiiizione in smalto a colori L. 10. ' II medesimo in cassa argento dorato L. 16,75. CASTANIIfA IatantEinea e» LA RSIGUORE TINTURA DEL MOUtoO Raccomandata alle persone cui altre Tinture produssero Pruriti, Eruzioni, Eozema. Progressiva: flacone grande L. 3,50 — flacone medio L. 2,50 Istantanea: »L 5,— (per posta Cent. 80 in più) f O. BWìrS13T.il..lC. "Vta Broletto, SO TUtlnno pervennemi sua Giovedì risposi sperando fosse pervenuta in tempo duolmi ritardo progola fare ricerche informandomene afiettuosisMim saluti cordiale stretta di mano — Thera. L'importo delle ordinazioni va diretto a VITTORIO BONOMÌ « filano Via Vincenzo Mt.nti, .32 Grafss a richiesta ii catalogo speciale di Orologeria II Doti, Arturo NepI speeiahkta in Dermoxifi'ópatia riceve tutti i giorni dalle ore 0 alicirclecopyrt 12,80 in Bari, Corso Vittorio Emanuele (ingresso Via Lombardi 51. Ha una completa ìnbta'lazione per la cura del Lupus ed altre dermopatie, mediante la Radioterapia. ! % ^ìfTUnrin»! Annina Magnifico proLd OigilUililu fessoiesba pedagogia, 'irebbe lezioni qualsiat>i matena, prepalebbe privatiste. Trattative, duigeroi NioolaSIegnifico ibunale, Bari. BUCATO adoperate soitioto li con grandi vantaggi la cenerò, la lisciva, 0 e le materie corrosive (cloruro di calce occ.) toglie le 0 macchie del vino, sangue ecc. Rende la biancheria can 0 dida e morbida seita?a roderne il tessuto. 0 La Saponaria ò sinonimo di: ù 1. Economia di tempo o di sapone. • Q 2. Igiene e coueervaaicno della biaueboria. 0 UrfA'iC L'INIEZIONE BEL PItOF. LA MONACA Pratiicainlo di qui t a"qua V( lamento miracolosa un' iipp/ion»1 la mattina td una la sera qualurqiie iculo veiM'ieo, sia vecchio, sia preso da roceute, spabiSLe toTalmente, in quattro ftl laassono cinque giorni senza lasciar traccia di sé. Eiaendo composta di meciiCinaii innocenti, non porta nessun dolore e non !aLginipnto uretrale. df Ila boccia oon istruzione bre 2; con pacco postale lue 2,75. Tre bottiglie bastano per la cura e guantone della Ooocctta cronica no Iran"he A donar ilio il c'to ppitu'iua, vaglia di L 7. i( La più Efficace Cura Depurativa del Sangue « I! l SATB LP Parigina Fluida Jodurata OA F. — Guarisce a ilati certi 1 Jwptle, la hi,,tl i , v il Reumatismo; la .Rachitide, la tilam hr a e la*JJebole!/.a ca a >eilV>rta, il (Jo'oul > pallido gh ingorghi glandulan, le Macchi» Viofola, il H°trnisu'1(>nt0> la^Ooccetfa e ivfc lo alila nul.Ui, ^ a.ii. ^. pri dai iniQ'ioii m'uic per coi ib tt n li ^ ^' ohe a don i< o I'H i i 'J l'è /.AH 'n J. Ut , i i | i i ,' '. > fUPOsJìFJIfiTE &C5OPfelìTli i PILLOLE AFRODiSlAfME 1)1 COCA E JtERliO \ Curano P gtiaiiscono rapidaii'< • te I npot. nza. —• Colai io IJ. 5 la scatola di SO ,>?' pillole <•'•••« ' i pei pò»' li. ~Ì 2 > J1 ITI >l ],,,\ i, ti , • Pio!. rKA\CKSCO LA MONACA— Chimico farma< I •A Dej t « In 1' ai nella sola Ditta I\ì ] pò 2*[ n t "* 26 — In ^Ppi h in ila Dii'a ^u< oebsori l^arbeio Via Ruma II KOJ" 1VTfC7*C> L LUSER'S TOURISTENPFLASTER (Trfl'n1, dei "X'oti contro i OAW.I*"!KDS.3lf's!$5;rft3TI é quello i di cui rctuli, oltre al marchio di faobr.a (•• % T/T'KNìSI'A,, =07 ap; c'o uìh f^rriT^. ILCSl'Hi. porlnno I'STBBIOR.WEXTK (sr 11'isti /l'ine rne h i« ;o^r>; cX l^TKRNATlìj'A'lij ^ i 11". si uccio in fattone) l<i marca depositila (.i,,torfotti rui la funto) dalla Dilla A. Mi' NZONI & C. cu Jlllimo, Koraa. Oonovat um^a roic ^loiuna per la vendili in lìahadi detto prodotto. Rt/lutare qualsmai rotolo P> <vo r< T, nnnrln tulli q»"cil> r! ri articoli che tmtlnniio coi cara'fri ci' i /r.nittn'inn 1! : rrn "B.ijsipr *Tourtsten*»Sta«««r,, in/"» «'w »i /eie n'a ijn/usion:t.d a lorprendere la buona fede de <jin Rotolo L. 1,40 «"Trai o j ^ J E ' a L. i,C5. CA STIGLIA 2(1 I lutituti «lei regno. I RARI prfwso F. Mei', 'eons Vi Mi M P Viofola Htrms111» ' un \L/JJ O ncuiaori.1 del sangue^. ViPno )j i tiroide m qualunque stagione. Cinque bo ' ' ' ' ' • fi'MO 'l'I' ' ' ' ' *•[ < S farà U* LX1C0 LL<ìlTOKE l'ilENICO E DIGESTIVO 1£!"SVOJRtT1 A >JI<> i'VJi? PREDATA SPECIALITÀ DISTILLERIA FRATELLI FALlLilliiiTA Aquila (Abbvnzzi) Uu pacco campione con 4 bottiglie asportile si riceve fr.u.ou invio di L. 5,G0, g In BARLETTA [nesso HIABIA81) DELUSANTI 0 0 •A§ontl0 generale por le 3 Paglie, escluso la piazza ed Q 0 ^ Circondario di fo.msMvoro. 0 0 «U.SOA » ravviai § # m • 4ro Volete in TP'A disturbi di cuoro ' organismo. l uenrissirao scacciare per bo.npre i vostri onici? Volete robustezza, calma perenne H organismo. Doman.lalo QJJUSCOÌO Gralis al Premiato l r«.h. Oit. Candela — Via *rauoo d Al' auo U'jnova. Martedì 13 Novembre 1906
JP8S» CORRIERE DELLE PUGLIE Per acclamazione viene lo stesso Mal ( lardi designato a tale carica. cju*"nti, salito bui palco, dopo aver ringraziato l'assemblea dell'onorevole incarico, riepiloga i meriti indiscussi ohe rendono meritevole dei suffragi del Collegio l'avv. Luciani, il quale, egli dice, e per studi e per avere, sarà uno strenuo fi uidipeudeute difensore degl'interessi locali e della dazione. Nella ferma speranza perciò di trovare le simpatie e lo appoggio di tutti intorno al nome élelI'HVV. LUI iani, invita l'assemblea ad enuAtero il proprio parere. Fragorosi ed unanimi applausi coronano la proposta Maliardi e per acclamazione vitm proclamato a rappresentante del Collegio di Acquaviva al ParìcUiianto Nazionale l'avv. Vito cav. Luciani . Meno anche ad uuanimità approvata la 2. proposta del Maliardi, circa la formazione di un Comitato generale com posto da tutti i presenti, ai quali il Maliardi raccomanda di «pendere la loro ope TU per la riuscita del degno candidato del Collegio. Allo 10.oO preciso, con militare puntualità, giungo il Candidato accompagnato dai sindaci del Collegio itranne quello di S. Nicandro). Vien ricevuto dal 'xmim. Maliardi e dal cav. Latrila Pre sidonte della Congregazione di Carità, ( dopo pochi minuti entra nella sala accolto da uno scoppio di applausi e di: evviva Luciani. Appena preso il posto assegnatogli, circondato dal Comitato provvisorio composto dai sindaci e consiglieri Provinciali intervenuti, viene presentato all'assemblea dal comm, Maliardi, che gli rivolge il saluto di cuore a nome del suo paese e l'omaggio a nome dell'intero collegio, raccomandandogli le sorti: della nostra ferrovia e l'allacciamento SamolicheleGioia, quei paesi che come Sannicandro, Cassano e Loaeto ne son privi. Fa anche voti perché il e andidato spieghi la sua opere sita per una sezione di Pretura a Cassano. Dopo aver detto che ciò che il collegio chiede e gli elettori cogliono è semplice giustizia e non lavorio imparzialità e tutto ciò ohe è onesto, cede la parola al cav. Luciani. Questi, ricordando con piacere tutti •coloro che gli diedero il primo attestato di stima ed affetto li accomuna con i nuovi amici, chiamandoli tutti affezionati e cari amici. Prima di tutto ha un mesto e doloroso dovere da compiere, quello cioè di commemorare il Deputato già morto ed amato tìglio di Casamassima on. Zolla Melillo. • Noi non siamo convenuti ad una festa, come s'è da taluni malignato, ma <)d ima funzioni' ro.sfifiiziona/r dorerosn flutti*' ni tfoiititiit il* un 1 (itfi'osii'ai'i'fiiiittillto. » Manda perciò un saluto alla sacra memoria dell'illustre estinto, alla desolata famiglia ed al paese che gli diede i natali. Lo ricorda dal lato morale ed intellettuale, promettendo che egli non può essere tacciato d'ipocrisia perché può provaci, ae di prove vi fosse bisogno, che ta'i furono sempre i suoi sentimenti. Ringrazia rieonoscentissimo per l'insigne onore fattogli nel designarlo candidato politico e successore di tanti uomini illustri che lo precedettero, tra i quali .Nocito e Zella Milillo, Ricorda i meriti che distinguono il comm. Maliardi, qualificandolo uomo ui.Hjgne e conosciutissimo in Provincia pel sao ministero che compie lodevolmente da tanti anni, non disgiunto da una, più unica che rara, modestia la di cui ultima prova ha data in questa evenienza <beuey Dice che il suo programma lo fece al tempo della precedente candidatura H venne dato alle stampe per'he restasse pegno nei cuori degli «lettori e guida nelreòplicaziouc del suo mandato. Modificarlo non gli pare !>< inanimo . Lo conferma adunque esponendo alcuni principali problemi da risolvere. Promette che egli oggi appoggia il programma del Governo perché c'è consonanza con le sucirclecopyrt idee, pwó è pronto abbandonarlo quando ciò più non tosse. La sua indipendenza lo rende forte contro ie maldicenze dei pochi (appianai fragorosi . Tre sono ì punti principali sui quali occorrono riforme importanti: 1. Legge a favore del Mezzogiorno, la di cui attuazione sarà presto uu fatto compiuto o che pur essendo, in essa stati trattata la provincia di Bari aìla stregua di alcune regioni della Sicilia e delia Sardegna, la si deve per ora accettare per quel tale principio di adattamento della Legislazione ai bisogni locali, facendo però voti e sorvegliando a che Governo e Parlamento vogliano mantenere le promesse. ,:. Problema ferroviario. Accenna, deplorando, ai disastri ferroviarii, ai quali spera, sarà posto riparo con l'attuazione di talune leggi che saranno presentate al Parlamento. Si dimostra contrario all'autonomia de1 servizio, partigiano del riscatto di tutto le linee ora iu mano di privata Società; vuole aumento di materiale fisso, sviluppo delle reti ferroviarie, non essendo lecito lasciare alcuni comuni senza ferrovia, dato che in tutti v'è continuo sviluppo commerciale. 3. Conversione delia rendita. Diverse sono le correnti che *i sono manifestate per la destinazione degli avanzi del Bilancio Nazionale, in seguito alla Conversione, e che si prevedono in 63 milioni annui. Ma vuole che lo Stato destini tali avanzi ad antichi impegni che ha con i Comuni, altri, a sollievo dei contribuenti, una terza vuole sia applicata al buon andamento dei pubblici servizi. Ognuno ha qualche buona ragione, tranne però quello dello sgravio del dazio d'importazione sul grano e farine (Beneì, perché oltre a danneggiare la produzione Nazionale, nessun altro risultato s'avrebbe se non quello d'impiguare le borse di pochi speculatori senza reale beneficio del popolo (Bene). E' d'opinione: che meritano invece 1# S'ajravio: il petrolio e lo zucchero. Il primo che rappresenta la vera luce del povero ed il 2. come parte integrante dell alimentazione del popolo che oggi in Italia, consuma, per ogni abitante, appena 8 kg., mentre in Inghilterra ne Consumano 80. Ohe si provveda al miglioramento dei pubblici servizi e delle funzioni dello Stato, in ispecial modo il servizio postale e Telegrafico, quello della Pubblica Sieiiruzza, addirittura insufficienti. Che sia risoluto il problema dell'istruzione, la deficienza nelle Università, nelle scuole secondarie ed in quelle primarie, l'accoglimento dei desiderata dei Professori e Maestri che reclamano invano un migliore e giusto trattamento, tHeiiei ed inoltre il problema della magistratura. Ripete quindi eho il Candidato che sarà eletta avrà il dovere d'ispirarsi nella risoluzione di tanti problemi Nazionali ed a tutti i bisogni locali. liingraziando l'ospitale cittadina di Casamassima dell'accoglienza cordiale fatta a lui ed ai convenuti dei paet>i del Collegio, e dicendo dio questo giorno rimarrà ricordo graditissimo e profondamente impresso come principio di quella cordialità di legame tra lui ed il Collegio i tutto, promette che se le urne gli sa ! ranno favorevoli si farà un dovere recari in ogni singolo Comune per conoscere ;li elottori e dar loro un attestato di fedo e di riconoscenze. Tale in brevi cenni il dotto discorso del cav. Luciani. Ogni commento guasterebbe. Auguiii semplici di presto l'i , vederlo tra noi. ACQUA VI VA DELLE FONTI 11. — (.V.) La cittadinanza di Acquavivaha voluto rendere un vero attestato di stima all'svv. Luciani col cooperare alla splendida riuscita del Comizio di Casamassinia. L'amministrazione era rappresentata dal Sindaco cav, Piotroforte e dell'assessore Palante. Il partito di opposizione, poi, in COÓ! solenne circostanza ha voluto contribuire in numerosa schiera alla bella manifestazione di simpatia, coll'organizzaie un imponente ìoguito di vetture, che ha formato la gaia nota del 'Homo. L'esito del comizio è staio supcriore ad ogtii aspettativa, e sin da ora siamo in grado di assicuro nel nostro paese una votazione plebiscitaria in favori* dt;l Luciani. Un audace furto BARLETTA 12. '\;j.,r, Ieri, vei.,o le ore 18, la bignora Fusonti Filomena, vedova Longo, c.'ie convive con una sua sorella nubile, in una casa di via San Marte, N. ?>'à, andò a far visita ad alcuni suoi parenti, che abitano a poca distanza da caoa sua. In questo mentre, la rinomata Ditta Ignoti eC; profittando dell'assenza della signora Longo, sfondata la tettoia e praticato un buco ad una delle pareti della camera d'aspetto, penetrò in quella da letto, ove, da un tiretto del cassettone, involava mille lire in contanti e circa sei mila lire In gioielli antichi. Verso le ore 20, la vedova Longo rincasata con la sorella, restò osterefatta nel vedere in disordine lo masserizie di casa e subito s'accorse del danno sofferto. La pubblica sicurezza attivamente indaga per la ricerca degli audaci ladri. MONOPOLI 12. — Furto — \Ego) Nella Casina di campagna anticamente appartenuta al sig. Domenico Ramunno furono rubati effetti di vestiario ed altri oggetti d'un valere piuttosto rilevante, ed il ladro un tale Sardano Sante sarebbe rimasto impunito se questo maresial10 dei RR. CC. Rig. Citro Guglielmo, spiegando una attività fenomenale od uno spirito indagatore finissimo, non fosMfe riuscito ad arrestare il colpevole non solo, ma a recuperare la refurtiva. MO.NTltONK ]•_'. — ireste patronali <". { u grando e meravigliose, successo hanno avuto quest'anno lo feste in onore dei i.ostro Patrono S. Tritone. E va data sincera lodo all'intera commissione, ed in ispecie al suo instancabile presidente signor Vito Bellomo, il quale con giovanile entusiasmo nulla ha tralasciato a che la festa riuscisse solenne e maestosa. Splendida l'illuminazione del rostro Ranieri; i corpi musicali di Acquaviva delle Fonti, di Casainas.nma, di Canneto ci hanno allietati per tre giorni; e ricordo gli applausi ottenuti dal concerto di Casama.ssima, elio veramente é destinato ad essere uno dei migliori della nostra Provincia, grazie alla intelligente direzione del giovane maestro Gidiuli. I fuochi poi sorpassarono di gran lunga l'aspettativa. Si distinsero i pirotecnici di Montrone e Triggiano, per la loggia delle loro strepitose e figurate batterie ottennero il premio su quelle incendiate dai pirotecnici di Capurso e Casamassinia. Molto fantastico l'interminabile bombardamento, e riuscitissimo il getto dei palloni del Cespites di Capurso. Commovente la funzione della consegna delle chiavi al Santa che venne disimpegnata con spiccata galanteria dal nostro giovine e simpatico sindaco avvocato M. Stea. Tutto, tutto è andato poi bene, e noi co na congratuliamo sentitamente con. tutti coloro che presero parto cesi diligente ed attiva per la riuscita della festa. E permettete a me uno slancio del cuore, nel ringraziare a nome della no ttra Montrone i suoi tìgli, ohe nelle lontane Americhe, ove col sudore della fronte travagliano le loro future agiatezze, hanno cosi sfarzosamente contribuito a che la madre patria avesse tatto solenni onoranze al suo Protettore. II pellegrinaggio dei forestieri è stato immenso; la fiumana della gente per tutte le vie principali del paese, ne ostacolava il transito. Per ordine pubblico son venute parecchie guardie di questura, ed 11 servizio di P. S. fu affidato all'egregio prof. Cataro, assessore delegato, il quale con abnegazione e con fermezza incredibile, fu invincibile padrone della situazione. Niente di auoimale è accaduto, tranne due incendi di lievissimo conto che non produssero slcur. danno. NOCI 12. — Avvelenato da! funghi ~ Un bambino di 12 anni circa, figlio di Giacomo Campanella, raccolse dei funghi, che con ansia portò alla madre, per prepararli e mangiarne insieme coi fratelli. Era trascorsa appena un'ora dacché aveano mangiato che i tristi effetti cominciarono a manifestarsi con stordimento, perdita della coscienza e sonnolenza. Chiamato d'urgenza il dottore Semeraro constatò i sintomi d' avvelenamento e praticò subito le Opportune cure; in seguito a cui dopo parecchie ore i bambini cominciarono a riprendere la coscienza ed ora sono salvi. I drammi dell adulterio NOCI 12. — {Falstalf) Sin da parecch mesi il contadino Leonardo Solone da Noci, era continuamente tormentato da sospetto che la moglie lo tradisse, essendogli stato riferito da persone di famiglia che rapporti intimi passasbero tra lei ed il giovane Quarato Domenico, ahi tante in una camera attigua alla sua. Turbato da mille pensieri, costretto dal suo mestiere a vivere lontano dalla sua famiglia si studiava il mezzo come sorprenderla in flagranza e rendersi cos sicuro e cosciente di tutte le dicerie, che correvano sul conto di lei. La sera del 7 corrente mese, ispirai da un triste presentimento si decide d recarsi in paese ali' insaputa della mo glie e, caso fortuito, entra in casa, sen za essere visto da nessuno giacche tante la moglie che i due bambini s>i tratto nevano nella casa del Quarato, preparandosi alla prossima cena. L'essersi introdotte in casa sua. senzt essere stato accorto da nessuno dettt a Solone la migliore occasione per nascon dorsi ed assistere così a qualche i>ceiia certo non piacevole per lui. Infatti, un camerino attiguo alla sua tanza fu il posto di agguato ed ivi attese nchè i due colombi dal desio portati si on introdotti nella stanza per cenare inienre, avendo loi già preparato dei ùnghi. Noi non sappiamo certamente quali paolo e quali scherzi passarono fra loro ed cui il povoro marito dovette assistere, ttendendo forse il colmo dell'idillio; ma on ebbe la calma di vederne l'opera oinpibta. Iu un attimo vieliè fuori e"" n grosso e pesante bastone e di santa agione ne distribuisco a tutti e due. Il inarato perdette subito la coscienza e adde a ttrra quasi cadavere, perche col0 da commozione» cerebrale; la moglie bbe la forza d'implorare perdono, a cui edotte l'ira del povero Solono. Allo gria dei bambini è accorsa una giovane lipote del Quarato, la quale a stenti ha iotuto trascinavo lo zio nella casa; menre lei con una bambina ha avuto il tempo di fuggire. Il dottoro Semerare) chiamato a «occorrere il Quarato ha riaeon rato delle gravi ferito alla testa, con gravissima contusiono addominale, dichiarandolo in pericolo di vita, II Solouo e tuttora latitante, TRAM 12. — Al Circolo degl' impiegati: 1 dono della bandiera. — <L'Eco) II gentil pensiero di donare una bandiera a questa fiorente Associazione fra gì' impiegati Civili e Militari, cho in sì breve tempo tanto sviluppo ha proso, parti dalla gentile ed intellettuale signora Luisa Rollini, moglie del segretario del Sodalizio, o trovò eco fortunata fra lo altre signore dei soci. Sicché a questa importante associazione, di cui altrove si sta prendendo V esempio, non manca neanche la bandiora e iersera nelle belle salo del Circolo assistemmo alla graziosa festa per il dono. Bellissime parole disse la signora Rollini nell'atto della consegna del vessillo e non le commentiamo, ma qui le riportiamo perché è bello vedere con quanto entusiasmo e con q»anta altezza di pensiero si accinsero per la splendida offerta le gentili dame: « Auspicata negli animi volenterosi, pensata e compiuta con simpatica energia come un simbolo di vita e di speranza, ecco innanzi a noi la bandiera sociale. Nelle pieghe seriche del di appo, nei vaghi ricami, si nasconelono i voti dei nostri cuori, i voti d'una completa fratellanza, di un buon comune, di un lieto avvenire, nel cjuale, congiunte le forze disperse in unità di propositi, il lavoro trovi la sua poesia, lo sconforto la sua pace e gli occhi tendano ansiosi verso la luce che illumina il mondo dello aspiratori umane: la luce del progrosso ! La nostra bandiera è segnacolo di pace, di concordia che tutti ci raccoglie in uu pensiero di mutuo amore, cho ci difende dalle insidie dell' ozio, dalle ingordigie del mere ato, dalle partigianerie o dall'oblio dei posteri; non la gonfia il soffre) delle passioni, non freme essa alla tempesta delle ambizioni e degli odi, uè combatte il fratello: ma il fratello chiama a se o lo tutela e lo accompagna nel cammino non sempre lieto della vita! Ed è fausto vaticinio per la nostra Associazione cho la bandiera s' inauguri in un giorno solenne sacro alle più care memorie nel quale in tutti i cuori del popolo ritorna il canto della grande eipo pea, onde emossero la libertà e 1' unità d'Italia, auspice P opera dell' Augusta Casa Savoia ! Ed è con un saluto commosso al Ke, ai destini della Patria, ili feogm el' una Italia sempie più granile'e più folte, cho con le deboli mani di donna aftido allo vostre forti e leali, o soci del Circolo, questa nostra bandiera ! Custoditela e spiegatela ovunque hia un diritto da eotiquidtare. un doloie da lenire, una gioia onesta da obpn'more, e. attorno ad essa, eoino ael un talismano di \ittoria stringetevi, pensando cho ogni vostro bene è il bene dello donno cho vi sognano con l'animo in questa consacrazione d'amore e di civiltà ! ' Seguiremo altre parole, non m1 n>< bollo dell' infaticabile presidente cav. Mancia e alcuni versi del consigliere: lì zzardi detti dal figliuolo di questi. Ci fu della musica o si ballò fino a tarda ora. Sedè al piano il bravissimo l'Vrdinando Ferrara che oltre una buona quantità di ballabili ci fece gustare Y I»:n> ci vie dellVW.s fatto ce)n ìtisupervbile maestria. 11 signor Francesco Ferrara cantò la romanza dui Simon Boccanegra o « K'ia giammai m'amò <> del Don (ar/".s. La gentilissima simpatica signorina Ida Alleva cantò con gran passiono e piecisiono « Tii lo sajìeri » della Cavallerie /,'rsti•ani', t Viit,i d'arte » della Ttv"1 " 1/' chiamano Alitili > dolla lìohhii" e Si'li'i; bellissima romanza orientale'. Teresina Ferrara, una ragazzina di appena !) anni, ammiratissima nell'aria eli berta del Barbiere di Siviglia e Domenico Gagliardi e Lorenzino Ferrara, entrambi appena di 14 anni, destarono stupore e furono festeggiatissimi nel duetto finale del primo atto del Barbiere. In ultimo Gino Alleva strappò l'ilarità elei presenti con la bella macchietta, det ta con molto brio ed arte, 11 Balbuziente, ed accompagnò al piano il iratello Poppino e la sorella Ida nel duetto « I buemiens » che piacque moltissimo. Furono servite delle paste e dei liquori a profusione e la festa si protrasso fino a tarda ora. Notai le signore: Maneva, Rizzardi, Giberti, Alleva, Ceccarelli Landiucci, Maffia, Di Natale, Pappagallo, Maizzoni, Cantuzzi, Laginestra, Spezzaferri,DeGen naro ecc. le signorine Ferrara, Giberti, Landiucci, Manera, De Gennaro, Rizzardi, Ronco, Maizzoni ecc, TRA NI 12. — Noterelle diverse. — i Fertili s) Ieri verso le prime ore del mattino sviluppavasi un incendio nell'abitazione di Maria Musicco, maritata Fabiano, in via Ognissanti 58. Avvisato P ufficio di polizia urbana, prontamente accorsero sopra luogo il sergente sig. Lopane Salvatore e le guardie Sabatini e Taverne!li, che moltiplicandosi per P attività e sano criterio, riuscirono a domare subito l'incendio. Il danno ascende a dirca lire cinquanta. I nostri vivi complimenti all'egregio sig. Lopane ed alle due distinte fuardie che seppero evitare ad una prova isgraziata guai serissimi aiutando la miseria per quelle povere straccio sot | tratte al fuoco. | — Nel pomeriggio uno sconosciuto elio : montava una bicicletta, percorrendo vìa Statuti marittimi alla gran carriera, investiva il bambino ottenne Dilernia Pietro, producendogli lesioni guaribili tra i IO giorni. Non c'è più avvedutezza che basti: un povero diavolo ormai sa di iiscire sano e non può assicurare che rincaserà nelle stesse condizioni. Tuttocchè le guardie o l'assessore corchino crai tutti i mezzi di ovitale disgrazie, elevando contravvenzioni ad ogni momento, puro lo sconcio continua. —Ieri sera nella sala superiore del nostro teatro, gentilmente concessa dalla nostra Amministrazione comunale vi fu grande riunione di tutti gl'impiegati di manza della provincia e di quelli conservatoria delle ipoteche, per ottenere dal governo dei miglioramenti nella loro ;lasse. Presiedeva il signor Poppino Pece che tre va modo di frazionarsi fra la professione, la vita pubblica e lo riunioii leghiste. Parlarono applauditissimi il signor Castoro Parlato impiegato demaniale di Andria ed il presidente Pesce. Dopo una vivace discussione si esposero desiderata, e costituendosi in comitato permanente di agitazione decisero di inaiale al ministro delle finanze il seguente .ologramma: « Commessi demaniali provincia Bari •iuniti, interpreti aspirazioni colleglli Italia, invocano V. E. provvedimenti che riconoscano in essi qualità impiegati governativi, cottraendoli penosa soggezione rivata là quale contraddico pubblici doveri che essi compiono. Fidenti giustizia, quanimità V. E. assemblea inviale riverente augurale saluto ». E' tempo ormai elio i giust desideri impiegati siano accolti e che. come per li altri, si definisca la loro posiziono iuridica. Auguri cordiali di successo. » L'onor. Cipriani Mannelli TERLLZZI 12, — Allo oro il proveniente da Napoli è giunto qui l'ou. Cipriani Mannelli. NTurnere>siss)mi amici o gran lòlla sonosi recati alla staziono del tramvia per dargli il benvenuto, acclamandolo entusiasticamente. DALLA L'KOVINCIA DI FOGGIA Corriere foggiano FOGGIA 12. Pel comune di Castellucclo Yalmagglore — L' opera del Sindaco — Mnldacea al Danno —• lElios) Fra le altre deliberazioni importanti prese nella sua reconte sessione il Consiglio Provinciale elictro una elaboratiosima relazione del Conte Desiato Iauigro consigliere provinciale e sindaco del comune di Castelluccio Val maggiore, approvò la immediata costruzione eli una strada che allacci il comune di Colle S. Vito con la provinciale Castelluccio Valmaggiore Facto. Il comune di Castelluccio Valmaggiore ora il solo comune} della nostra provincia sprovvisto di strade, e la nostra Provinha assunse tutta la spesa che avrebbe dovuto cadere a carico del comune, nell'intento di dare al simpatico paese dol Subappennino, non una strada mulattiera, ma una strada rotabile. Di tutto ciò si deve essere grati all'egregio e distinto Conte lanigro, il quale, nella doppia qualità di consigliere e di sindaco, sponde tutte lo sue giovani energie pel bonesse re dol suo paese diletto. — Stasera debutto della compagina di Varietà diretta dall'artista N. Malelacca. Le prenotazioni per le quattro serate sono stato tali e tante che è impossibili poter trovare un posticino, al nostro Danno. CRONACA Uf/lcio li direzione ed amutinM/razione Corso Vtit, JFtwan, 2V. J02. N. 105 CAZEiritATlIO NOVEMBRE(30)—Martedì 13S. Omobono f Leta il sole alls oro 7,0:> e tramonta alle ore ),B7. Luna nuova il W. Bollettino MBtgreniaglsn Qsiatidlancr dell'Osservatore di iìari Altezza %n\ livello del mare m. 28,2 Giorno 12 Novembre 1300, ore H PreRsiono barometrica a 0. mili, 700 10 Temperatura aradi cfiitiRradi l'.'.,0 Umidità, rcjlativa 0[0 Tensione pel vapora nrm. Vnti+n ( Direzione Vento ( velocità ali' ora Krn. Nebni. in decimi di croio coperto Stato del mare lugs;. Nelle 24 ore precedenti: Temperatura { $~a B?dl enti* IHjg 2 % ilOfi 8(10 "VV 6 fi mosso ' " ( Totale», dell'acqua caduta dal 1. Settembre 1906 mm. He genetliace) dol Ro, iu inviato il seguenCorriera Agrario e Commerciale Korcìito iti Uiiri (Frazzi correnti): VINI: Da taprlio superiori (Et*.) — ,( 6niJ2 Jprtì,OO; correnti 15(10,—, bianchi 15CO,15 a i5,00; — Mosti —,— UV£ IM Pl«lAK"K:Fine |—; primaticcio — a —. OLI U OLÌ VA: Frutteti lt'2 —T,—; extra o, .toprafllni 110,—[120,—, lini 0.">.—[—,—; muz/i £ni 100,—[—,—; mangiabili «._,,— iO3. 'fRANI e LElìllìAl: Duri tìi.i V!7, \n,HÌ la correnti 2<i[2(>,50 teneri 2i,7~,\L'.K>,'2 none 16|17,OQ; orzo 18ióO,—; avena l. fagiuoli 2o,~ i"0; fave foraggio 17]—,— macina —] —,—: iel. ott.ura —j—,—. MANT>OKL.R: 1. Bari r^n —,—( CARRL'BJ* Aini'l 16 ."A,—; mass l'0 .,—: corr <; gra—[22; ; reo 14,* i'l,.0. FICHI SKO*Hl: M SEMENTI: Kmtii |lr>,00 HiK' •_* — ; I'C 'jKn°a MU—. COLONIALI l esa rio«tt, •£},—,—,70,00|7.">,0O; «nocchio JUIJII" fiori' 'ii[~. iI. IL i'cc. CAMBIO PER Zm curro LE i _, i 'l'iiuii 3.» II DOGALE Roma '.: M pmK/.o «ìol cambio poi <^rt>(> (>••;;.! in «mio elazi doganali ò (issato 100,(1) Roma 1'. prezzo che appHchorami !in.v.i* dui 12 a! 17 :i non Biip"rie>ri aL. jii'»;abiji iu biglietti, è fissato in L, 1$ O Kt £* 15 , (.(votazioni di ieri) 11 |>iv/,ze> ib'l cambio il qual» ruur'ta liUla media 'lui sindacati dolio Borse. Ita'«»,' <\ oggi iu L. '';I,'.IS. Kwma (Mllano;Ocnova!i'lreir>e le No*. U<O, 100,00. !ì l|2 0|0c. H0 . 3'OjÒ Banca d'Italia Oreiì. Itali ano Banca Comm. NRV. g«n. Ital. Raflinoiift Forr. Merid, > Meditar CAMIU chèque Francia Londra 0 orman ia Svizzera Vtt\%\ chius. Fran.S0|0am. > 0 OiO per. Italiana 6 ò]0 Cani. Londra • Italia Rend. Turca Banca Parigi Ungherese Spagnuola Banca Ottona. Argento fino Credito Fond Russo 1901 Londra Inglese 2 'ó\i Italiana Spagnuola Turca unif. Egiziana Giapponese <!i O 102 lòilft!,. l'if.HO ,l'i !W 10J.J<J 10!,od >i ÌVJI j.sy,— 50. • 1373 « JTlSS,— 44« • 11»,— 122,02 95,80 95f>7 J03..0 202,65 1,8 93.75 16 10 £•« M, est;,— 121,102 h8,18 9i»,87 25,2.1 122,1*0 9l).8f>! 25,21 ! 725,i2122.80122,92j Vienna Cred. Austr. B. Ang. Aus. B. Aus. Ung. Napol. d'oro Cam.s.Parigi » Londra Lire italiane Ren.aus. arg. » carta Rend. Ungh. B. Paesi aus. Berlino C. su Londra » Parigi » Italia C. M. Anat. Rend. Ital. p. » fin.j Rend. Turca 1 JDorsa di GenovaÌ dei ( fr Media ufficiale cairìbii Cambio a vista su Francia f 99,91 '/s > > Londra > 25 1\'< • > > (Germania» 122,90 » » » Svizzera > 99,95 > » . Belgio » 99,17 ' » » Austria » 104,47 67l,rO un, 17 49 19,36 95,65 24 ],:{,» 95,75 98,90 99,05 94,7?. 442,— 2)1,25 Giovane latitilo ^u ^' un Srrs8° fabbricato, si IfiUluUi domandono Lire Diecimila verso equo interesse. Rivolgersi via Sparano N. 83. serio dattilografo corrispon elente contabile già impiegato presho ditte fra le più importanti di Milano ooouporebbesi in questa città come amministratoremagazziniere rolondocauzione. Scrivere Rolla posta. impiegato contabile a Lire 40 mensili. Dirigere domande — Radio termo poata Bari. Echi del genetliaco del In occasione del dal nostro Comune to telegramma: S. E. Primo Aiutante Campo Generale S. M. — San Rossore: Pensioro cittadinanza boreso rivoltesi oggi più riverente ed affettuoso alla Augusta Reale famiglia, augurando suo amato Sovrano lunghi prosperi anni bone Pallia. Compiacciasi E. V. porgere S. M. sentimenti immutabili nostra devozione, ProSindaco — MILELLA. Audio il proietto comm. Buganza inviò un nobile telegramma, ul ejuale fu ieri risposto. Medaglie per lunga navigazione Maselli ci telefona da Rema 12: Solili stato coucusbo lo medaglie d'argento per lunga navigazione a: D'Alos<sio G.ictauo, padrone, Min<,uncu Giovanni iel , Mtlella Pietro, marinaio, di Baii; Di Slofiino Gennaro, marinaio, Azzariti Francesco, iel. di Traili; Azzarita Vincenzo, marinaio, di Molfetta; Evangelista Carlo, marinaio, di Bisceiglie; Dell'Aquila Angelo Raffaele, marinaio, Loreuzo Antonio, id. di Barletta. L'associazione «logli impiegali di Commercio ed il Ministro di Agricoltura II Ministro di 1. A. e C. on. Cocco Orto, cosi ha risposto al telegramma eli saluto inviatogli dalla giovane o già fiorente Associazione mutua fra gl'impiegati di commercio: Presidente Associazione inìjiiegati Aziende Cirmviercìali industriali •— Bari Grato S. V. notizia costituzione cexlesto sodalizio esprimo vivi auguri cho sua azione giovi eflioa cernente interessi socii e sviluppo condizioni oconomiuhe codosto importante centro vita commercialo industriale ItaliaMinistro — Cocco Oicrr Per UH cantiere municipale II signor G. A. ci scrivo compiacendosi che finalmente t>i sono iniziati i lavori di sit,tomaziono in piazza Umberto 1. Nel tempo stesso deplora che la Civica Amministrazione non si sia ancora elccisa ael abbatterò quel cantiere municipale ch'è in piazza XX Settcmbie. Anche noi ci auguriamo che si pensi a toglievo quell'inconveniente cho elolurpa la bella piazza. Le prediche del Prof. Predella Nella Chiesa deil Cannine eia Domenica ha cominciato lo sue conferenze sull'ottavario dei nie>rti il Prof, Fiancesco Ciin. Fredella di S. Agata di Puglia, cho anche qui ha confermato la sua faina di detto e valoroso conferenziere. In queste scorso sore una folla dì pubblico si è riversata in quolla Chiesa ael ammirare la forbita eloquenza, dell'usimio oratore. Per la Pubblica Assistenza Por l'invio del volume Storia ^viluppo o mi gli ora meri te » som pervenute quest'altre oblazioni: Campione l'H'tio L. iì, Rogier Franc.esce> Luigi Tenente Generale comandatilo l'XI Corpo d'Armata L. 5. Piccole note di cronaca — L'ebanista Lorusso Francesco, di l'i .incocco, eli anni JJ5, tibitnnto in via Trevisani N. (!!)_ ieri, mentre lavorava si causò elisgrazintamnnto de'llei contusioni eel f'Koosiazioni alla fronte, giudicale guaribili in eliooi giorni dal dott. Sciaeovelli della P. A. — La diciassettenne Mineccia Soralina di Nicola, abitante in viaCalciati N. 265, con un coltello e por di .grazia .si produttiva una l'urittv Iaculo incioii a) deuso della mano destra. 11 elott. Sciacovulli dolla P. A. la. giudicò guaribile oltre i dieci giorni. — Da una caduta, lo studente Cosario Nicola di Luigi, eli unni Ili, abitante i:i via De Giosa N. 11, riportava iersura una contusione al polso sinistro, guaribile» in 10 giorni, a giudizio del dott. Ugenti dolla P. A. ltuona usanza La famiglio Do Tullio De Nicolo per la lut'uosa circostanza della morto del Sig. Enrico Capriati versano a nostro mezzo L. 20 all'Osdodalelto dei Bambini poveri. Per la medesima ragione il Sig. Vincenzo Lombo da Lecce, ci fa tenero lire dicci, incaricandoci versarle alle sordomute. 11 Dottor Giuseppe Lnpis ha trasferito il suo domicilio in Via Roberto da Bari N. 145 (Palazzo Magai etti . Ricovo quivi tutti i giorni delle 7 allo 0, ed alla Casa di Salute, por molattio chirurgiche e ginecologiche diretta dal Dott. liicchioni in Via Crisanzio 12!), dallo 12 alle 14. Cure Autunnali Preferite, indispensabili por diminuire lo sofferenze nella stagione rigida, e mettono P organismo in condiziono di sopportaro meglio la snervante stagiono estiva. NelP uso degli Ovuli di Sicurezza si ossorvi scrupolosamente la norma dettata), ^edi avviso in quarta pagina). Guanti ! Guanti ! Ricchissimo assortimento di Guanti di Capretto di Genova por Signora da o a 18 Bottoni. Guanti Inglesi per uomo veri Havkarii pelle di henna * Camoscio. Specialità unica, taglio perfetto siston Jmmn . T)ret,ao la Ditta Giuseppe II più grandioso assortimento in copribuhti o calze por donno di seta, ana, filo e cotone trovasi prc&se> i Magazzini eli Profumerie o Generi eli Gran Moda della Ditta F. Sorrentino, Via, Piocinni 77 a 85. Malattie dei bambini II D.r Antonio De Vicariis, di ritorne dallo cliniche pediatriche eli Parigi, Boriino e Praga si è fissato in questa città o fa visite a domicilio e eia consultazioni dalle 9 alle 12 per le polo malattie dei bambini noi proprio Gabinetto al Corso v. E., N. ìac. Caffè Espresso Assaggiate alla Birreria Svizzora'Corso V. E. O'J il Caffè Espresso fatto alla tanto elccantata macchina Idealo o datemi il vostro giudizio. Non costa cho cent. 15 la tazza. F. Ciuadda, Grand Hotel Toledo via Toledo Raccomandiamo a tutti i nostri lettori cho si recano a Napoli di prendere alloggio all'Hotel Toledo, dovti troveranno lutto il confortabile possibili) e modicità noi prezzi. Unico deposito Apparecchi d'Jlummaziouo clolrica dolla Ditta Rodolfo Dilmar presso: Tiì fono Diasparro — Bari. Alla Pubblica Assistenza Servizio di poliambulanza Meelicina dallo 8 alle D in lutti i gloria. Chinirgia dallo 1) allo 10 » » Ostetricia e ginecologia ila!lo 10 alio 11. A) Noi giorni di Martedì, Giovedì a Sabato dal Sig. Doti. Florenzo d' Erchia. b) Nei giorni di Luneeli, Morcoloell e Venerdì dal Sig. De)tt. Salvai. Altomare. Malattie dei bambini dalle? 11 alle 12 nei giorni di Martedì, Giovodì e Sabato dal Dott. Volpo Mio.bolo. Malattie dolla gola, nano od orocHiie): lime'di, mercoledì o vrnereli, dalle llìnllo 14: cav. dott. Domenico Mandragora. Oculistica dalle 12 alle l;J. a) Lunedì, Mercoledì o Venerdì elal Sig. Dott. Luigi Cav. Passatore. li) Martedì, Gmvedi n Sabato elai U:gg Dott. Cav. Lucciola n Cav. Duianti. Malattie venereo o (lolla pe'lei elnlio D alle 12 nei gieiriii di Martedì, Giovedì a Sabato elal Sig. Dott. Volpo Francesco. Gabinetto por analisi chimiche o ìnicroscopiche elallo 8 allo i'ì dal Sig. doti. Gustavo Cav. Tanzarelln. Guardia medica dalle ore 8 »l!e 20 dai Sigg. Dott.Poaita.no, Ugenti eSciacovelli. Corriere Teatrale ma Joiien Borea. Al Petruzzelli Ieraora, obbo luogo l'annunciala aerata in onore elella sopraua Maria Ferranti con l'ultima recita di Sonnambula. E la serata non poteva riuscir migliore: la gentile ed applaudilissima beratanlo, salutata »vl suo primo apparire eia una calda ovazione, fu festeggiala du rante tutta l'opera, nella quale ella profuse le belle qualità elol sue) canto. Dopej il 2. atto la Maria Ferranti osegui le variazioni di Prodi e furon per lei nuovi applausi, nuovo foste: chiamata insistentemente al proscenio, lo vennoio offerti un anello et'oro con feinoraldi e brillanti, ed una corbeille, dono dell'impresa Quaranta; i fratelli BiUaud, jiropriotarii dolla Compagnia, lo offrirono una collamua in oro eoa brillaiiliui t perle. Tutti gli altri bravi esecutori ottonnoio conio al solito, uu lieto succedo. * * * muefua «era: si ripete por hi penultima volta la. Geisha, cho si el'i pure per tor.ita d'onoro doll'eilorantis&imo buffo Al tre io do Mavco, tanto bono accetto al nostre) pubblico per i suoi brillanti couplet*. L'aimunzH) basterà perché il teatro blasuva sia affollato. >• / Domani sera avremo il barbiere di Sirigl"i, oou la goni ilo o yrazio&a signorina Dora Theor, graditisKma e'.onoscenza del nostro pubblico, cho recentemente no ammirò il boi cauto o l'arto sorprendente. Al De Giosa Come abbiamo precodonteinwilei annutiziato, staswa, la Compagnia itiUian» di oporetto etl opere buffo condotti! dall'artista Adolfo Marlmez e diretta da Giovanni Gargano, debiliterà al Do Giosa con Mibs llc/ge!/, operetta in 3 atti di Audran. La compagnia ai fermerà a Bari por aui ì,ulo recito. Corriere Giudiziario Corte (V Assise di Bari Uelionza del 12 uovombro Un delitto misterioso Presidente Guerra — Giudici Montulli e Ciinmino — P. M. avv. Salluco — av.veicati di P. 0. Uccelliti Domenico o De Finis Leopoldo — Avvocali eli dilata CRV. Ferrara Riccardo e Koppo Vincenzo — Cancelliere Corrado. L'udienza si apro alle 10. Prima di procedere oltre nell'audizione dei testi di carico aggiunto, l'avv. Reochia sente il bisogno eli rivolgere parecchie domande all'imputato Donvilo, contestando sopratutto a quest'ultimo varie circostanze di fatto, specialmente nei riguardi del teste Losito e sulla diatriba* zione della ore di lavoro durante la giornata dol 12 e la notte precedente il IH agosto in cui avverino il delitto. Cominciata l'audizione dei testi, è surta la necessità di doversi reca/o nella località, dove avvenne il delitto o gli avvocati di parte civile a quelli di difesa hanno richiesto l'accesso sopra luogo, cho la Corte ha accordato e che avverrà domani. I testi escussi di carice) aggiunto hanvo avvalorato gl'indizi cho gravano sull'imputato Donvito, riportandosi alle dichiarazieni scritte, mentre i primi testimoni di discarico tendono a dimostrare che il Donvito è incapace a commetterò delitti. II teste Antonicelli, zio dell'ucciso osclude che il Lattarulo Pietro, altro iueliziato, avesse potuto commetterò il delitto, di cui è imputato il Donvito, eel è convinto invece che costui «ia capaci»" anno di uccidore, essendo stato anclr'cgh una volta minacciato. Si ordina per mercolodi la citazione di altri testimoni, fra i quali dev'essere inteso il toste Losito di discarico, la dichiarazioni del quale sono atteso con un corto interosse. L'udienza ò tolta allo 1G. Il ricorso Colacicco respinto in Cassazione ROMA 12. — (M.) Oggi, dinanzi la prima sezione penale della Cassazione, si è dibcuaac il ricordo di Nicola Golw.Martedì 13 Novembre 1906
CORRIERE DELLE PUGLIE c'ci o contro il cav. Luip;i 2\eUi, di ,°ÌIM si era costituito parte civile, con l'ubsistonza dell'avv. Kaifaello Riccio. Ricorderete che il piocesro destò giantlu clamore a Ban, ed esso fini con la condanna dui Colacicco a, <S anni, o della uaraeriersi, che dicevasi abusata o assoggettata per osceni esperimenti fotografici. L» Corte Suprema ha respinto il ricorso e confermata la sentenza della Corto di Assise di Bari. Così che il Colacicco passerà ora al reclusorio. Processo « Corriere della Sera » e « Corriere di Genova » GENOAA 12. — Domani, dinanzi al noativ, Tribunalo, s'inizierà il processo di diffamazione, promosso su querela(loL Corriere della Sera di Milano contro il Corriere di Genoru. Fra i testimoni citati dal Corriere delia Sera, figurano gli on. Giusso Fian•chotti e Orlando. Il Corriere di Genova non ha prodotto testimoni perche i suoi difonsori domanderanno che il procosso sia unito con l'altro processo di aggiotaggio. Si dice che se la domanda della difosa del Corriere di Genova non sarà accolta, i difensori abbandoneranno la toga, o cosi il processo si farebbe in couteraacia. Si fitta Denti e dentiere a mese o ad anno una casiu mobiliata con grande giardino bull'altura del Pioono. Per trattative dirigersi in via Putignani N. 211. artificiali costruita sui recenti sistemi americani, di tacilo o comoda applicazione con la maggiore garenzia di solidità, presso il dentista signor Nicola Moschetti, via Andrea da Bari N. 16, tutti i giorni dalle 8 alle 17. littori la rinomata Ditta Angelo PascaHIUGII licchio o figli di Turi di Bari, proprietario di vivai di alberotti di mandorli, ulivi o ciliegi, rende noto alla sua spottabilo clientela cho anche quet'anno è in grado di fornirne pianto scoltissime di qualunque età a prezzi da non temore concorrenza. Per le trattative e per altri chiarimenti al riguardo, indirizzare cartolina doppia al suo rappresentante, in Turi, signor Giovanni Coppi. Si locano grandi e piccoli magazziniper deposito ali' Estrainurale Via Bitritto, a pochi passi dall'abitato. Rivolgersi al Sig. Teobaldo Stera. Corso Vittorio Emanuelo S7. "OJUTTIM» ORA (per telefono o per telegrafo al Corriere delle Puglie) Koma 12 k sonyocazionc della Camera L'ordine del giorno Interrogazioni di deputati pugliesi (M.1 Oggi si è pubblicato l'ordino del giorno dolla Camera, che, come bupoU», e convocata pel 27 corrente L'ordine del giorno reca: interrogazioni; soiteggio dogli uffici; seguilo della discussione del bilancio di Grazia e Giustizia, la cni discussione fu iniziata sotto il miniatero Sonuiuo, o •dovetto ossero sospesa per la sopravve nula crisi. L'ordine del giorno comprendo anche gli altri bilanci non approvati, e per cui ci tu bisogno dell'esercizio provvisorio, (deliberato dal Parlamento, e cho scade il 31 dicembre. Vi sono allri disegni di legge. Fra le interrogazioni dei deputati pugliesi, noto: una interrogazione dell'ori. Malcangi, al ministro della Pubblica Istruzione per bapere se intonda provvedere al mighoì amento della sorte dogli inservienti dei Convitti Nazionali. Un'altra interrogazione dello stesso on. Malcangi al ministro di Agricoltura per sapere se intende provvedere al miglioramento degli stipendi degli insegnanti dulie scuole pratiche speciali di Agricoltura. L'on. Abbruzzese ha una intenogazione sulla cppoituuità di aggiungere sulla linea BariTaranto una o due vetture per viaggiatoli al treno facoltativa '21)15, che parte da Bari alle 1^,10. L'on. Codacci Pisanelli ha un'interrogazione al ministro dei LL. PP. per sapere se e quando la Commissione dei porti e la Commissione di navigazione interna farà noti i risultati degli studi sulle opero neceesaiio per mettere i piccoli polli in condizione di fruirà delle vio acquee, che verrebbeio cosi sistemati tit ampliati con l'esecuzione del piano per la navigazione interna. Lo stesso ou. Codacci ha un'interrogazione ai ministri dei LL. PP., della Marina e dell'Agricoltura sulla opportunità di riformare, nell'interesse della economia nazionale, il riparto dello spese per i piccoli porti. L'on. Marosca interroga per la regolarizzazione ed esecuzione della legge sulla riabilitaziano dui condannati, e come la auto)ita eroda di regolaci sino all'ap^ piovazione di essa. L'on. latta interroga il ministro della P. I. circa la cattedra di cllnica medica della .Regia Università di Palermo. E' bene notare che parecchie interrog.izioni e interpollanze non h*nno ragione di ussero, e verranno ritirate, o saranno dichiarate decaduto, porche il Gosurno ha già provveduto. b'ia le proposte d'iniziativa parlamentato da l'bHniinar.si ancoia dagli Utlici iUHa Camera, ve n'e una dell'ori. Pansim sulla imlaggibilità di quei deputati la cui elezione precedente tosse stata annullata por corruzione. l'u'allr.1 proposta d'iniziativa parlamultare ò dell'ou. La '.zuro, e riguarda la modificazione sulla leggo elettorale politici). Fra le proposte da svolgersi v'è quella di Petroui, isottoccntta anche da altri disputati della provincia di Baii, por una tombola in tavore di Bari. Questa proposta fu annunziata nienlemono cho nella soduta del i «piile e letta l'8 aprilo 11K'5. JV. d. A'. Dall'b upnlo l'.'U."1 Quale faUhlà per tutto «juello che oi nguardal sempvo cosi. I progetti per i lavori (in da quell e\w& approvati dal parlamento dorinouo o LI dibattono tra le promesso delude e lo trepidante della nostra popolazione; e viino per caso il turno di una proposta di lotteria dopo l'J mesi cho son passati nell'oblio. . Oh! ci asteniamo da ogni commento. b:i tano i punti ammirativi che hauuo Ui.t'j e sì triste significato ! Un'onorificenza all'oli. Lucifero L'on. Alfredo Lucifero, comandante dolla R. nave Umberto I, è stato insigni Lo molli proprio del Ito della croce di utliciale dell'ordino doi S. S. Maurizio e Lazzaro. Un'intervista con Marconi Miglioramenti radiotelegrafici La stazione BariAntivari II Giornale d'I/alia pubblica stasera una interessantissima intervista con Guglielmo Marconi. 11 nostro grande inventore ha riferito dei dettagli sui perfezionamenti tecnici apportati al suo sistema. Importantissime sono le innovazioni Vor la trasmissione a grandi distanze, cho facilita il lavoro del personale addotto alle stazioni. * Marconi ha confermato di aver fatto degli esperimenti per la dirigibilità dello onde, in una piccola stazione presso Londra. Altri esperimenti di questo genere sarauno fatti in Italia; non però dal Marami, ma dal ministero dolla Marina. .%li non volle dire il luogo dove questi esperimenti si faranno perché il mi"istoro della marina vuoi mantenere il secreto. Marconi ha smentito cho sia fallito il suo sistema por le trasmissioni a grandi distanze. In proposito egli ha detto che fra un anno comincerà a runzionaro la staziono di Colt.mo. Ila parlato della visita doi Sovrani a questa si(iziono,e doi loro compiacimento. Circa le stazioni BariAntivari, Marconi cro'lo elio alla scadenza dell'obbligo assunto jmr il ìnanreuimonto, o cioè noll'agosto del 1U07, osse continueranno a fu iziouare. La staziono di Antivari appartiene ad una società inglese, che paro la voglia conservare. Circa la stagione di B.in, Marconi crede olio il Governo italiano sia disposto a riscattarla, porche questa stazione potrebbe sol viro anche (Oino stazione costiera. Richiesto sulle eccezionali passività della staziono di Bari, Marconi ha risposto: — Non tanto, quanto si dice. Ed egli è in grado di saperlo perche dove pagare metà delle perdite. Ha detto che è ancora possibile che nulla cambi, se si otterrà di unire la stagione di Antivari con la rete delle stazioni balcaniche e con la Turchia. Anche la Serbia tratta per l'impianto di una stazione a Bukarest (?). Se però il riscatto da parte del Governo italiano della stazione di Bari non dovesse avvenire, egli nulla ancora Jia pensato circa la sua decisione. Marconi ha poi accennato alle risultauzo favorevoli della radiotelegrafia da campo, sperimentata nelle ultime manovre dall'esercito, in Italia e Inghilterra. Egli ha smentito di aver fatto dono al Governo di un automobile fornito di stazione ^adiotelegrafica. Ha detto che ha dato solo facoltà al ministero della Guoira di valersi de1 suo bievetto e di fornirsi degli schiarimenti necessari per l'impianto di apparecchi per un automobile speciale cho il ministero d'illa Guprra farà costr lire. Circa la spinosa qi catione della recente conferenza radiotelegrafica di Berlino, Marconi ha dichiarato che su di essa non è stata detta l'ultima parola, e l'indipendenza della trasmissione col sistema Marconi sarà conservata. Anche la Tribuna pubblica una conversazione col marchese Solari e con Marconi, circa la staziono di Coltano a la conferenza di Berlino. Il Re di Grecia a Roma La visita in Vaticano E' stato stabilito il cerimoniale per In visita che il Re di Grecia, durante il suo soggiorno a Roma, fa>à al Papa. Re Giorgio sarà ricevuto in Vaticano con gli onori dovuti al suo grado. La visita avverrà il giorno 25: il Re muoverà dalla sede del suo ministro, accreditato presso il Ito d'Italia. Lo riceverà in Vaticano, unitamente agli altri digmlari, monsignor Belenda, vescovo letino di Atene. Re Giorgio giungerà a Roma il 23 corrtmto; vi ìimarrà 4 giorni e sarà osrdtj del Re. Al Quirinale occuperà rapparlainonto che ha già ospitato Guglielmo II e Loubot. Re Vittoiio darà in suo onoie un pranzo di gala od un ricevimento. Un a1 Ut) ricevimento sarà dato dal Municipio in Campidoglio. La missione militare italiana che si recherà al confino por incontrare Re Giorgio, sarà composta dal tenente f;eil. Mario Lamberti, comandante l'Vlll Corpo di Annata, o dn duo aiutanti di camiio doi Re. La crisi nel Consiglio della Massoneria In seguito all'ordine del giorno votato ieri dal Grande Oriento della Massoneria italiana, contro l'on. Fortis,l'on. Camera ai è dimesso dalla carica di grande oratore che occupava nel consiglio medesimo. Per la istituzione delle VI classi 11 ministro dulia P. I. UUT, Rava ha inviato ai prefetti una circolare circa la istituzione delia sest' classe elementare, in applicazione della legge dell'8 luglio 1904. L'oncr. Rava, nella sua circolare dice che a tuttora i comuni, che pur avrebbero dovuto sentire l'obbligo di compiere tutte lo formalità, 04 non vi hanno adempiuto cho in parto e 25 non hai;no adempinto in nessun modo. L'on. Rava fa rievare inoltre come solo 94 cornimi siano stati solleciti ad aprire 1" seste classi in virtù della logge del U01, e come sia esiguo questo numero se si consideri che sono 1061 i comuni a cui quella legge impone l'obbligo di tara altrettanto. 11 ministro dice essere necessario che i prefetti avvertino i comuni a tempo debito sieno compiuti pii atti preparatori per la istituzione della sesta classe nell'anno scolastico 1007908. E poiché l'anno scolastico principia il 15 ottobre di ogni anno, i comuni devono stabilire nel bilancio del 1907 la somma occorrente, dalla decorrenza di quel giorno, per gli stipendi da pagare agli insegnanti delle seste classi istituite, nella misura prevista dagli art. t! e 10 della logge dui luglio. L'amnistia e l'indulto Secondo il Corriere d'Italia, in occasione del genetliaco del Ro, doveva essere elargita una ristretta amnistia ed _. u indulto per lo contravvenzioni sui reati di stampa; o por quei reati di indole sociale e cioè per chi avesse riportato condanne, per dimostrazioni di indole economica, politica e simile. I decreti di amnistia ed indulti sono pronti, e saranno pubblicati appena coordinati. Gli anarchici arrestati ieri Degli anarchici arrestati nelle dimostrazioni di ieri, 35 sono stati rinchiusi al care ere di Regina Coeli e rinviati all'autorità giudiziaria, e gli altri sono stati messi in libertà. Pei crediti comunali e provinciali Oggi, a palazzo Braschi, si è riunita la commissione reale per i crediti comunali e provine.ali. Il conte di Torino Stamane, proveniente da Torino, è giunto in Roma il conte di Toriuo. Gli auguri dell'esercito al Re La risposta del Sovrano II ministro della Guerra, generale Viganò, ha inviato a tutti i comandanti i Corpi di Armata, il seguente telegramma: « La Maestà del Re, alla quale ho avuto l'onore di esprimere, in nome dell'esercito, l'attestato della sua inalterabile devozione ed i voti fervidissimi di prosperità ir. occasione del suo genetliaco, si è degnato di rispondermi col seguente telegramma, che mi affretto darò comunicazione a questo comando perché sia portato a conoscenza degli ufficiali e dei soldati ». Ministro della Guerra — Roma « Ai voti che Ella oggi mi ha espresso in nomo dell'esercito, corrispondo con sentimenti di viva riconoscenza e di piena fiducia, e per Lei rondo cordiali grazio ». firmato: VITTORIO EMANUELB Per l'educazione fìsica II ministro dell'Interno ha incaricato il signor Michelangelo Ierace, autore degli Sports Nella Scienza e nell'Educazione, di compiere una ispezione in tutti i riformatori del Regno come sono costituiti e conio si svolge l'educazione fisica, per darà poi quell'i.l'iirizzo pratico che più si confa a 'ii''ó'i istituti. Il conte Von Tschirsckhy e il genetliaco del Re Un telegramma da Berlino annuuzia che ieri, in occasione del natalizio del Re d'Italia, il ministro d gli Esteri, conte Von Tschirsckhy si recò all'ambasciata italiana a visitare l'ambasciatore conte Lanza, al quale espresse i vivi sensi di augurio e di omaggio pel Re d' Italia, ripetendo il suo vivo compiacimento per le accogliense da lui avute in Itali i. Pel commercio con la Tripolitania e Cirenaica Stamane al ministero delle Poste si è riunita !a Commissione che deve stabire le norme per il servizio cumulativo ferroviario e marittimo con la Tripolitania e Cirenaica, e pel servizio cumulativo per i piccoli colli delle merci in esportazione dall'Italia per i porti del Mediterraaeo. Ha inaugurato i lavori il ministro delle Poste on. Schanzor, il quale ha illustrato gli studi fatti, raccomandando alla Commissione di risolvere sollecitamente la questione per dare al commercio italiano maggiori benefici. La Commissione, dopo il discorso del ministro, ha nominato una sottocommissione coll'incarico di preparare tutti gli studi inerenti. DANIMARCA Re Federico a Berlino Copenaghen 12. — Re Federico è atteso a Berlino il 18 in visita ali' imperatore Guglielmo. INGHILTERRA Alla Camera dei Comuni Londra 12. — (A. S.) Alla Camera dei Comuni Lou.sdaìe chiede se l'Italia detto all'Inghilterra qualsiasi assicurazione reIptivamente alla sua posizione rispetto al a triplice alleanza. Il sottosegretario di Stato Runciman risponde no. Nessuna comunicazione di qu.'sto genere fu chiesta, nò offerta, né è da aspettarsi. Nelle prime ore di martedì (i corrente in Giovinazzo, colpito da improvviso malore, spognevasì, all'età di circa 70 anni, la nobile osistenza del Nobile EBV, GIUSEPPE FfiflffiBiHNO d:l .Viali,te ita da Riminl vcia fjgura di gentiluomo, che avevat|M> a t ut ! .i la SUD vita aH'nifotto della Uimglia ed al beuo del paese. Alla famiglia Frarnarino e specie allijrl'o dell'estinto avv. Ignuzio lo nostre sentilo condoglianze. Minata da un anno L'anemia aveva compilila I' opera sua L' uso delle Pillole Pink ha tutto riparato. La Signorina Lenatti Pia ha 18 anni, abita a Chiesa, Via Somprato n. 27, (Prov. di Sondino). Coll'assentimento di suo padre, felice di veder, finalmente, la figliuola in buona salute, ella ci partecipa la bella guarigione ottenuta mercé le Pillole Pink. Signorina Lenatti Pia (fot. Mevio Tamir Sondrio) « Da un anno — essa scrive — ero minata dall'anemia. La malattia cominciò, in seguito ad un sovraccarico di lavoro, con una sensazione di debolezza e una perdita quasi completa dell'appetito ma, disgraziatamente, non posi abbastanza attenzione. Numerosi malesseri vennero ad aggiungersi alla mia prima indisposizione, tanto che tutti se no allarmarono. Infatti, in qualche giorno, ero divenuta pallida da far paura; le mie digestioni eran lente e penose.Le mie semplici occupazioni di ragazza di casa, mi cagionavano una fatica troppo grande per le mie doboli forze. Avevo punture ai lati al più piccolo sforzo, ronzii agli orecchi, oscuramenti della vista. La mia debolezza aumentava sempre e la notte non riposavo più. Durante un anno sono rimasta in questo stato e posso dire di aver sentito la malattia fare, in me, progressi. Non c'è dubbio: se non si fosse posto rapidamente un argine al mio male non avrei potuto vivere più a lungo. Durante un anno mi curai con vari rimedi. Finalmonto mi vennero consigliate le Pillole Pink, Queste pillole mi hanno salvata. Mentre con gli altri rimedi non risentivo nulla, con le Pillole Pink, fin dalle prime dosi, mi son sentita molto meglio e più forte. Sentivi» che le Pillole Pink mi rendevano tutto ciò che l'anemia m'aveva preso. Le Pillole Pink mi diedero una bellissima guarigione. » L9 Pillole Pink sono il {rifugio dogli anemici. Esse furono fatte per guarirli e non falliscono mai al loro scopo, perche in realtà danno languo ad ogni dose, sangue ricco e puro, e ciò fa precisamente il caso degli anomici i quali intristiscono e muoiono a causa della povertà del sangue, per mancanza di sangue. Le Pillole Pink sono sovrane contro l'anemia, la clorosi, noviastenia, debolezza generale, mah di stomaco, emicranie, nevralgie, reumatismi. Sono in vendita in tutte le farmacie e al deposito A. Merenda, Via S. Girolamo, 5, Milano; L. 3,50 la scatola, L. 18 le (S scatole, franco. Un mudico addetto alla rasa risponde gratis a tutte le domando di consulto. RICOSTITUENTE SANGUE FABBRICA BARESE di Ghiaccio, Neve ed Acqua Distillata BAI VIA CAVOJR ^BARI VIA CAVOTJRSTABILIMENTO FUORI BARRIERA DI MOLA garose Sifoni Acqua Distillata tipo Vichy è la regina delle ncque da tavola Bottiglia da litro centesimi 13 — Bottiglia da 1|2 litro centesimi 8 CERTIFICATI Egregio Ingegnere, l acq ' ^ che l'Acqua di Vichy artificiale da lei preparata olire tt/• **" <ni% **?* assai ?radita al palato, è preferibile allo acque conl ti "?**? Poteatlssimfdi sterilizzazione di cui ella dispone nella ghiaccio, è sicuramente priva di quei germi che sogliono inquinare f. Dottor CORRADO BALACCO. 8n ,, me mec^imo e su altri della mia clinica prii£w2ì?ljJPr*ta neI1<* vostra Fabbrica e vi assicuro che il rimi.dioZ,1T Pcrfetta™™te identico a qwllo che si ha deWacqua dellodi oltre Alpi. f# Dot£p c&y FRANCESC0 L^Nstesse?£LdioZ,1Tstesso nome di oltre &y F VT,^LPMTaZSfla vofra^9ua UP° Vichy. Favorite inviarmene venti bottiglie.Unirete alla spedizione la relatxva fattura. f, Dottor STEPAHO BAU? "medico yyrorinciate) PflSQUflLE DE FILIPFIS BORI DEPOSITO MATERIALE DA COSTRUZIONE PER LA STAGIONE INVERNILE Grande A««ortimexito di Caminetti, Franklin e stufe a calorifero in terra, refrattaria di Castellammonte, Stufe a circolazione d'aria ed a ventilazione, per uno e più ambienti, specialmente adatte per ospedali, scuole, uffici caserme eccLA PERFETTA Stufa a regolatore di lamiera extraluoida rivestita internamente di terra refrattaria. ACCESSORI PER STUFE Cataloghi e preteritici a richiesta. Società Anonima Barese Esercente i MAGAZZINI GENERALI DI BARI Costituiti come per Legge e forniti di Ufficio Doganali di La Classe Ullìci Yia Andrai da Bari 25 Grandiosi Magazzini in città: Per depositi di merci diverse in Via A poli, adiacenti alla Stazione della ferrovia BariBarletta e per depositi Xaferrovia di Olii in apposite Piscine in Via Abate Gimmo, N. 107 a 205 (Palazzo Ciotta). Stabilimenti Vinicoli fuori dazio .mila Via Vecchia dì Valenzano. Si ricevono in deposito Merci Nazionali ed Estoro e si omettono fedi di Deposito e Warrants. Warrants e si applicano condizioniSi accettano allo sconto i relativi vantaggiose di Magazzinaggi. Situazione delle Merci in deposito al 31 Ottobre 11)06 Rimanenza al 30 Settembre 1(JO(5 . . : Mg. '2hti,300,3 Entrato nel mese d' Ottobre » 2(50B48(i » 53J388J8 » 493,260,1 Uscito » » Rimanenza al 31 » » Fedi di deposito omesse in Ottobre » » in circolazione al 31 Ottobre N. 1 12. A richiesta spediscono Tariffe o suhiaiunenti. N. oo. GRANDE ASSORTIMENTO per STUDIO, SALOTTO e SALA da pranzo FORNELLI E STUFE 9 SPIRITO aooessori presso MICHELE CASSUHO FU ONOFRIO BARI — Corso Vittorio Emanuele N. 13 e 15 — BARI Fenomenale è l'assortimento chesfanno la Ditta ha queDirettore Prop. MARTINO CASSANO Gerente responsabile, LEONARDO MORISCO Irolina Rtìche di fama mondiale è prescritta dalle cole biità mediche nelle AFFEZIONI DELLE UIE| RESPIRATORIE. 5 Nclli> t'impacio in flac.origiiiali a L. 1,—al fi Ouurdursl dulie contraffazioni NOCERAUMBRA, * (SORGENTE ANGELICA) •, \ e qua Min era/e dì) Tavolà " MONDIALE „ è il nome d'una macchina da caJza, con la quale ognuno(uomo o donna) stando a casa propria può guadagnare •,eivn. fatica un [minimo di Lire £$ e! giorno » porche noi comperiamo tutto il lavoro eispfruito —I nostri cataloghi istruiscono, comprovano e spiegano i prandi della • Mondia'e ». Per schiariI vantaggiBmeoti rivolgorni al sig. Giovanni Floritta,|via Dante Alighieri N. 335 p. p. Bari, Ajpmte per lo Puglie della Società per le Macchina da Calza ad uso di Famiglia Maostro o C. Milano. Presso il detto Agonto m' i ma collina in funziono. in stoffe per abiti per signora, Confezioni — Palotots—Mantelli — Pipistrelli — Figari — Politecene — Stollo di alta novità por confezioni — Karakal — Peluelio — Velluti Telerie — Coperte — Maglierie — Tappeti — Corredi da SposaBiancheria personale e da letto. Visitate i magazzini Tabernacolo prima di fare i vostri acquisti: rimarrete contenti La BANCA COMMERCIALE ITALIANA SUCCURSALE DI BARI Via Sparano N. 62 eseguisce ordini di borsa per acquisti e vendite tanto nel Regno che alP Estero. Giardiniere Fiorista DQH9T0 9HT0NIGELLI Piazza Umborto I, già Atouoo N. 17 Dietro ordinazioni si eseguiscono lavori in fiori d'ogni genere a prezzi untissimi. Si assumono impianti e manutenzioni di giardini. PEL BUCATO » A. r» o a* i wr A. Vedi avviso in 4. pagina. Stati, Tip. del "Corrière delle Puglie" TUCH UNICA SEDED'ITALIAVia Vittoria3B A «MILANO Importazione Uomo e Signora Domandato il nuovo campionario di AutunnoInvento assortito del lo ultimo Novità, Spedizione gratis e franco. Prezzi fissi di fabbrica anche al privato ELETTRICITÀ Si assumono impianti intorni di Iu<<> olollrica, campanelli elettrici, linee telefoniche, parafulmini (Astemi Franklin e Kelsensì come «la attestati governativi. Por qualunque impianto sei mesi di garenzia e si accettano manutenzioni. I>ejjos*ito «li »;p;pa:i?cioo*i i ed accessorii por impianti di luce elettrica. Lampada ad in. candoscenza di 1. qualità luce bianca garantita. GIUSEPPE RAWERI • ottico t'orno V. E. (ì(i ~ IÌASI SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONI contro i danni della Grandine, dell'Incendio e sulla Vita doll'Uomo Anonima Cooperativa a capitale illimitato *wnT™&£™^?S^izioni di Torino 1898 e Voruna 1U0°SEDE IN T ERONA — Via S. Eufemia (Palazzo proprio) Chi desidera assicurare i propri beni, la propria vita alla Società ed avere schiarimonti dirigersi all'Agente Generale in Bari sig. cav. NICOLA SAGARRIttAVISCONTI Via Picoinai 5 GEMENTO ARMATO CON LAMIERA STIRATA (Expanded MetaJ — Metal Déployé — Stradi Molai) L'Armatura ideale per sicurezza e facilità d'impiego. Fabbricanti esclusivi per l'Italia e Colonie Ferriera di Bolzaneto STUDIO TECNICO IN GENOVA PER SCHIARIMENTI: Dentico«Bari Martedì 13 Novembre 1906
Corsa Vittorio Emanala, 192 (Conto corrente con la pùnta) ABBONAMENTO: IN ITALIA: Anno L. 16 — Semestre L. 8 — Trimestre L. 4 — AM/ESTEBO: Anno L. 35 — Semestre L. 20 Trimestre L. IO. — Gli Abbonamenti si ricevono presso l'Amministrazione del Giornale in Bari e presso tutti gli Uffici postali del Regno — Pagamento anticipato — Un numero, Cent. «5 — Arretrato, Cent. IO. Le Inserzioni a pagamento t,\ ricevono esclusivamenle presso l'AiaminiRlrazione dei giornale in Bari. — TAJUFFA: Prezzi per linei o spazio di linea dì 7 puuti: IV pagina, !.. O.M) ~ III pagina, L. 1,50 — Corpo del giornale, prima della firma J.I .. i »/w Avvisi funebri, L. 1,50 — Comunicato, dopo !s firma del gerente, L. 2,00— Pagamento anticipato.del gerente, L. 2,(X) m UMÌHICA LINEE SETT11ANALI TAnea A Da Valenza, Marsiglia circlecopyrt scali fcED. SANDOR h Nov. 9OG SZT. LASZLO 12 » ANDRASSY 10 » HAT. &IRALY 2tì » por Trieste e Fiu me, Da Trieste e Fiume RAKOCZT 7 Nov. WBD.SANDOR li » SZT. LASZLO 21 » ANDRASSY 28 » gio Calab., Biposto, Catania, Palermo,Napoli, Genova, P. Maurizio , Marsiglia , (Barcellona e Valeaau. il SZAPARY ARPAD TISZA ZRINYI "Linea JB Da Fiutila e Trìests» 4 Nov. 906\ 11 18 25 Jper Catania, Mal "ta, Roggio Cai., iMessia», Napoli, jNizssa e Marsiglia are. Da LUSITANA 14/18 Nov. BYZANZ 22/26 » \per Rott?rdam, Amjburgo,Brema e staijB.Hint interne sul Aliano e sull'Elba (con traab. a Rottura1 aia od Am/'burgo. Per sulùarii^enti su noli od altro tìitji r; l'ari all'agente rals per le Puglie, Sigiar TITO DI IL. AICAKDI Ancora UÌMI Triplice '.' — Xel Marocco II giornale « Strana » da, sul viario del ministro degli esteri, Isvolsk, delle informaziouii abbastanza nin>ve circlecopyrt interessanti. Gli armamenti febbrili dol Giappone, i quali, per il contraccolpo elio potrebbero esercitare nelle Indie e uoll'Indocinu, avevano alquando impensierito anche l'Inghilterra; le difficoltà che s'incontrano nella applicazione del trattato aDglorusso sulla Persia, difficoltà che si credono create dalla Gorrnania, o infine l'eventualità di un imminente cambiamento sul trono turco, furono tie elementi che indussero il minibiro Isvolski al suo recente viaggio, allo s;opo di promuovere una nuova triplice, che doveva averu co me pietra fondamentale un trattato militare tra la Trancia o l'Inghilterra e pepremessa una riforma dell'alleanza francomesa: dunque una lega anglofr.iTic.o russa. Isvolski sperava però di rinomo anche a perfusvicro la diplomali:, p;oimanica che la Itussin, promovendo questa Triplice, non intendeva punto di ;ognire dei piasi aggressivi, ma voleva solo tutelare i propri legittimi interessi. Sui risultati del viaggio, l'infoniiatoio del detto giornale da i sfoglienti ragguagli: La mancanza d'hiWCdsi fra le tre potenze succitate ora già slata accettata prima del viaggio; ma la diplomazia inglese e più ancora quella francese non intendevano che l'alleanza si limitasse ai tre Governi, ma volevano cho si estendesse anche alle nazioni. Perciò Bompard, ambasciatore di Francia a Pietroburgo, disse elio il Governo russo abbisognerebbe ancora di un voto di fiducia della rappresentanza popolare e quindi sarebbe stato oppoituno differire la conclusione del trattato a dopo convocata la Duina. Isvolski invece sperava di poter dimostrare, noi suoi colloqui con coloro che dirigono la politica francese, che il gabinetto Stolipin è precisamente il ministero di cui il popolo russo abbisogna e che desidera, e inoltre che, in vista della situazione internazionale soggetta a frequenti o rapidi mutamenti, sarebbe fatato desiderabilo di affrettare la stipulazione «lai trattato di alleanza. Ma ciò non gli riuscì e pare cho egli abbia tutti i motivi di attribuire la colpa dell'insuccesso a Bompard. * * * Gli incidenti provocati da BenMansur, luogotenente di El Raisuli a proposito dei pozzi della spiaggia, termineramo col pagamento di indennità che saranno vernate da tutti coloro che fanno uso dell'acqua dei pozzi e cliu lo legazioni aggiungeranno ai reclami poi lunari da piOhunture al Aluglizoii. La pioggia torrenziale ha calmato un po' la ragion» ci El Baisuli ha fatto il toinpo eli maturare dei progetti di conquista. Oli si attribuiscono infatti (o nulla gli imceliaco di cambiare ideai l'intenzione di scegliere Tangeri come obiettivo dello sue operazioni. Di quanto ha detto a Catania l'ou. Maiorana ci siamo occupati in parecchi articoli, nei quali abbiamo senza preconcetti manifestato le nostre impressioni. E queste impressioni vengono confermate dalle stesse critiche, che ci avviene di rilevare da parte di alcuni giornali di opposizione, i quali però serbano la misura di una certa obbiettività nei loro apprezzamenti. Tra questi teniamo calcolo di quanto al proposito scrive l'insospetto Giornale di /Sicilia, il quale non si uniforma alla parola d'ordine, che in parecchi giornali di opposizione vuoi far passare il discorso dell'on. Maiorana come un insuccesso. La importanza del significato si riduce sol perché nel discorso non vi sono quelle tali larghe promesse, a cui ineluttabilmente siegue la delusione per la mancanza della proporzione dei mezzi al fine. Il Giornale di Sicilia, che non é contento di parecchi punti del discorso del ministro del tesoro, non può negare che questo discorso « costituisce un avvenimento, del quale i cronisti ed i critici politici, in qualunque partito militino, non si dissimulano il significato. Si può apprezzare, ed è logico e naturale, la situazione secondo il diverso punto di vista: essere soddisfatti o meno dello affermazioni avvenute intorno ad uomini e cy&e; ma non si può non riconoscere che a Catania bi è compiuta una specie di glorificazione del roinistoro attuale o della sua maggioranza, e che questo compito ò slato ufficiato all'on. Maiorana ». Ed aggiunge: «• Del resto', per quanto vellutato nella forma, per quanto sfrondalo di ogni intenzione di glorificazione personale — la modestia dell'uomo è, d' altro canto, pari al suo valore — il discorso rimane, per forza dogli eventi medesimi, di un'intonazione sufficientemente significante. » Ed è ciò che è innegabile. Il discorso dell'oli. Maiorana é un discorso programma, un programma cioè del lavoro che si propone il ministero e del lavoro parlamentare fhe dovrà attendere alle più immediate esigenze per quel riordinamento, i cui metodi possono •jbdre discussi, ma non possono in alcun modo essere esclusi senza il più grave, il più disastroso danno dei pubblici serviz1'. L'on. Maiorana, per esempio, ha fatto sapere che il suo collega on. (Jianlui'co proporrà una cifra di mezzo miliardo con la emissione di un prestito por lavori ferroviari. Ohi può osare iu quest'ora così grigia por lo uontre ferrovie muovere una sola difficoltà a questa proposta ? Si può al massimo desiderare cho dui mezzo miliardo si ascenda al miliardo, ma è questo il caso di invocare una larga discussione, senza evitare battaglie, lo quali dovranno tendere all'obbiettivifà che s'impone ed esclude ogni ripicco patigiano. Nò meno importante è quanto è conformato tulle proposte per i servizi postali e telegrafici o fan quanto il niiirintro on. Cocco Ortu prepara por Li soluzione dei vitali problemi riguardanti l'agricoltura. Basterebbero que:r i propositi e questi proponiti che hanno quella baso finanziaria, cha con misura previdente ed esatta è tracciata dal ministro di 1 tesoro, por dare la più assoluta impronta di serietà e di «•onsiHtenza al discordo dell'on. Jla ionum, il quale si è ispirato alla coscienza vera dei bisogni dol paeHO lenendone conto in quella specie di graduatoria di urgenze, delle quali nel nostro precedente articolo ci siamo occupati. Non sapremmo quindi spiegarci la smania aggressiva, che si spiega contro il giovane ministro, il quale con una sintesi rnirabilo e con una analisi sincera ha sapulo raccoglie' re e rilevare al paese i propositi del ministero e preparare una, preventiva d.scussione sino all'apertura del parlamenio. Dobbiamo dubitare che il parlamento non corrisponda a questi propositi ? Non ne avremmo ragione. La maggiorauaa della Csm^ra può dirsi che a Catania sia siala, autorevolmente ed eiìioacomente rappresentata e l'intervento dei senatori non ò rnei'o notevole. l\ron ci pare quindi d'illuderci se aspettiamo vui lavoro profìcao e sollecito alla riapertura del parlamento. UTÌUZIOHE IH eussia (Per telegrafo) L'orribile espressone di una bomba ^lojrti circlecopyrt foriti TIFLIS 12. — Durante una perquisizione di un appartamento iu unii casa di via Pethanski, eseguita dqpo mezzanotte, scoppiò una macchina infernale. In seguito all'esplosiono rimasero uccisi due agenti di polizia ed un portiere e ferito un ispettore di pubblica sicurezza. I locatari dell'appartamento cho si perquisiva non erano presenti. Sotto un letto furono trovati programmi rivoluzionari. L'esplosione avvonno nel momento in eia si muoveva un piccolo armadio; l'intero appartamento crollò. Un treno svaligiato TIFLIS 12. — Fra le stazioni di Diskumaly a lantschtuiy otto malfattori assalirono un trono proveniente da B&tum derubarono i viaggiatori di seconda classe e ferirono duo conduttori. Poi fecero lei mare il treno e fuggii ono in un bosco vicino. L'attentato contro un prefetto di polizia MOSCA 12. — Stamane alle oro 11 in via Tv or.kaia, fu lanciata una bomba contro il prefetto di pol'zia gtmorale ilambot che rimnb& illeeo. Un sergente di polizia uccise l'autoro dell'attentato. USinocsia di m gpinÉ sciopera di macchinisti in America LONDRA. 12. — Telegrafano da New York: I marohiuiati od i fuochisti impiegati in alcuno grandi Compagnie americane miimcoiano di metiersi iu isciopero se un •iiiineuto di salario o diversa altre picoo'.'i concessioni non saranno loro iicccrdato. DjIle trattative si inizieranno subito, a quanto si dice, tra i loro rapprcsen imiti e quelli dei direttori delle OompagJiiu por giungere ad un accordo. la diversi ambienti, specio nei circoli commerciali ed industriali, si cercherebbe di persuadere le Compagnie a cedere per quanto è possibile dinanzi alio domande dei macchinisti e dei fuochisti il cui sciopero porterebbe grave pregiudizio ni cnrimctfio amosicano e di più potrebbe piodurre gravi disordini. Una solisvazione a! Transvaai &i bn. da Capo: Si ammusa u lucia Imeni e che un transvaaliano chiamato Ferrerà e parecchi altri bopri. recentemente impiegati nell'Africa del Sudoccidentale tedesca, sono penetrati nella Colonia del Capo al nordo\t>rt, tentando di organizzare una ribellionQ. Hanno «orpre<o il campo occupato da Aibea. a Mitkop. H.inno ferito due soldati v si iiopa'l ioti irono delle armi e munizioni, poi tocco p*"gIa:iiero un caporale di polizia ad A biquasaar. Ferrerà ha fatto deì'e recluto e marcia OLI Ziv:nUt)odder. Si diof> ohe costringe i nttavjii ari unusi a lui, persuadendoli ci.e tnui tolli vaaioio è imminente al Transvaai. L'ispjttoro Whist t' pentito coti quindici soldati j'br hbanaro la strada all'agitatore. Yunti'i.!nquo rsi/lomtori della frontiera sou<> t.t.iti chiamati od il colonnello Lukin con ITO fucilieri montati della Colonia del O.ii.o paUirà immediatamente por Prieskr.. Il Uoi'erro dol Capo prendo tutto le misure ii»cojssf.rie pur reprimere il movhumlo, tua non io considera come una ribellioni? 'cria. Il p'jr'Oulo risiede nel tatto cho gh abitanti del paese, ron avendo quai ìelazioni co! resto del mondo, possono ossere inj>nv u:\ti da relazioni eri genito dei succedi i!t Ferrerà. I principali ()] incinsi del abii8tiU I'H' Xord (1 dui Governo. consigliano agli ettersi dalla parte a |2ì!a BBrgQHsaticB fói Un premio di 250,000 lire L'ii'iz'ativa dfl Mai'./ di Parigi per U'ia :.',ai:i iii'VO'ia'.iM per palk.ni diligi bili ciie l'ovrob! ero potare da Parigi a Londra, vi'tca'i'1' > IH iininca, ha suscitato vivks:ma ci'ioi;iono, non solo tra gli nerponauh, ma iu tutto il pubblico. Il iin'inio di 250 mila franchi*ofieitj dal h'tt/iH poirà ceri,'.mento iu moto ria sei a drj'ii luiiiojji, che ^eriauuo desLiuati alla ci atiuasiime dei palloni, che pa toS D h i di Bwmania a Monaco .MONACO Di BAVIERA 12. — L'Inipc.i'iitor»' e l'Imperatrice sono giunti stamane ricevuti alia stazione dal principe ro^Ronto, ria. tutti i principi reali, dai ministri bavaresi e dalle autorità,. I SOVIMIÌ ^'i sono recati alla Reggia outuoiaitioam(.uto acc'amati. ciperpnuo alla gn<a. Santos Dumont ha già nninifebtuto l'idea di partecipale al concorso. N"ti si sa ne ri »ervlrà di aereopiauo o di uà dirigibile. <r Pe la corso dove se aver luogo tra un mese — eu'.i dsste — ucn esiterei: mi dirigibile bi imporrebbe: ma fra due anni, clii bivV Duo auui alla nostra epoca e perla mec:nu;ca è un tempo consideìevole. Si caiutnii.a a [ a*t'i di giganto &u questa str.i'"^: e ni Ila prova che i palloni diigibiL non bi vedano soppiantati tra di'o «tini, o anche prima, dygli aereopl.ini. Una cosa cho credo assicurerebbe al eoncorto del Maiin un successo prodigioso sa.obbe la libertà di concorrere con qualsiasi sistema di dirigibile o macchiile volanti. » Sautos Dumont espresse l'intenzione sua di iiiirire al Maini ìiii'le franchi doutinati alla coniazione di una medaglia d'oro commemorativa. il milionario signor Arohdeacon, presiduiico dell'Aereo Club, esprime la fiducia che il concorso sia vinto da uno di quegli aereoplani, di cui è fervido propugnatore. Afliirma cito il progresso dei dirigibili è lento: il Franca del capitano Ronaud a il Krcbb, costrutti nul 18S1, erano identici ai dirigibili odierai, tranne por quanto coucorne il motore, chf era più poianU. L'uso dolle macchine volanti sarà ripreso dopo la prova fatta da Salitoti Dumont, che ha percorso sessanta metri al di sopra del suolo. Il conte De la Vanlx, che tiene il record del più lungo percorso iu pallone, fa notaro come il record del più lungo percorso in dirigibile è di Lebaidy, che ha, compiuto uu riaggio di 90 chilometri. Da Parigi a Londra vi t>ono o50 chilometri. Si vedo quindi quale sforzo si ikhi«de;à p r vincerà la coppa del MaItn. An< ''<• ì ingegnere .lulliot, iuventorp 'lei pallone Lobaudy, annuncia di voler |)urt"<'i)):ue alla gara. V armato itollono ed m Un parallelo significante 11 tenentu generale del Genio navale comm. Alfredo Micheli, recentomento intervistato circa la potenzialità del nostro materiale da guerra marittimo e intorno alla sua etficienza in confronto a quello austriaco, ha fatto importantissime dichiarazioni. ^ Egli ha detto: « Le sorti di una guerra sul maro non possono essere decìse che dalle navi atte a sostenere combattimenti, cioè le corazzate, e dalle navi destinate ad agire per via di agguato, cioè le siluranti. Dalie prime in molto maggior misura che dalle seconde, come roconti avvenimenti hanno potuto coniessare. Volendo quindi fare un confronto tra le forse di vera efficacia militare delle quali dispongono l'Italia e l'Austria Ungheria sul mare, bastorà limitarlo per entrambe a queste due categorie di navi. « L'Italia alla giornata d'oggi disponi) di Li navi corazzato, 15 controtorpediniere, 12 torpediniere di 1. classe, 43 torpediniere di 1. classe, un sottomarino o '.ì sommergibili. « Le 14 corazzate sono le seguenti : Iter/ina Margherita, Benedetto Brin, Regina FAona, Ammiraglio IH Saintlion, Kmaunele Filìbcrto, Ituggero di Lauria, Francesco Morosini, And rea Doria, Dandolo, G. Garibaldi, Va re •'e, F. Ferraccio, Carlo Alberto o Vettor Pisani. 1Jon vi sono comprese le quattro navi: Re Umberto, Sicilia, Sardegna, Marco Polo per la ragiono che la cintura corazzata al loro galleggiamento è costituita da piastre di acciaio semplice, di appena 10 centimetri di grossezza; ciò che costituisce mia difesa ionio effimera da far considerare queste navi come, asfoluiame.nte inadatte a sostenere un combattimento. Per le prime tre, ohe sono lo maggiori, vi è di più: la loro ituinersiono, ancha quando non si trovano in completo carico di guerra, è tale da non permettete loro il transito dei canali che da ?lalamovco conducono a Viwzia. Esse non potrebbero perciò avvalersi neanche di quest'unico punto di appoggio, che, purtroppo, avrebbe la nostra iioita in Adriatico in caso di una guerra con 1 ' A ustriaTJngheria. C'è di più. Nel novero delle 14 navi suddette vi sono poi incluse navi di scarsa efficienza militare, come la Carlo Alberto e la 1 etior Pisani, lo quali, con un dislocamento di circa (>50O tonnellate ognuna, non hanno neppure nn cannone di calibro superiore ai 152 inni. Per la Carlo Alberto vi è inoltre il gravo inconveniente che in rarico di guerra 'a sua cintura corazzata al galleggiamento sarebbe tanto immersa da rendere di nessnna efficacia 3a sua difesa sulle parti fuori del ridotto centrale. In analoghe condizioni si troverebbe altresì la nave Auimhaglio di Saint*Uon. A mettere fuori di combattimento questo due noii, in tali condizioni, potrebbero esseri» sufficienti pochi proiettili esplodenti 1 1 meschino calibro di 7(5 min., che and; <•soro a colpire iu prossimità del loro galleggiamento nelle parli appunto fuori ridotto centrale. Fra le 14 navi corazzate figurano la Dando/o, ohe ha tutte le artiglierie indifese sistemate silo t3coperto e vi figurano le tre Isinria. Moroxini e Doria sprovviste d'artiglierie moderne. In quanto al naviglio silurante le 48 torpediniere di 2. classe raggiungono a stento le 17 miglia. La marina austrovi ugarica dispone alla giornata d'oggi, di lw navi corazza'o, una controtorpediniera, 7 torpediniere di 1. classe, 21 torpediniere di 2. classe. Le coiazzato sono le seguenti: Arpai, Babenberg, Jhtdajtcòi, Fr?hcr~og, Karl, Habsburi/, Kanerin, Maria Teresa, Kaiser Kurl VI, Kronprinz liudolph, Kronprincestoit Sieplian'c, Monarci», Sai utGei rg, Wicn. Nessuna di esse trovasi in deficienti condizioni di duesa al galleggiamento ed hanno tutte inodorile artiglierie. La forza dol naviglio torpediuiero è inferiore di greci lunga, corno si vede, a quella del nostro, senza contare che anche le 21 torpediniere, di 2. classe dell'austroungarico non potranno riuscire di qualcho utilità in tempo di guerra, per la stessa ragione della loro bassa velocità. La proporziono delle due armate navali, che da qualcuno si ò voluta stabilire come 1,5 sta ad J, è dunque probiematica. Fra tre o quattr'anni l'Italia potrà contare JU altro navi, cioè: 7 corazzate, 4 controtorpediniere, 1S torpediniere di alto "mare e 3 sommergibili. Lo 7 corazzate ora in allestimento sono: Vittorio Enionuele, Henna, Napoli, San Giorgio, San Marco, Amai fi e Pisa, con teria, che debbono essere licenziati dall'esercito in seguito ai disoidim che hanno causato recentemente, avrebbero complottato di vendicarsi sugli abitanti di Brownsille e di Elreno per le misure prese contro di loro. Delle truppe bianche furono mandate sul posto poiché si teme che avvengano gravi disordini il giorno in cui i soldati negri saranno licenziati. Usi attentato ol He di Spagna #»«jti «alitilo Londra 12. — (A. S.1! I giornali pubblicano il seguente dispaccio: Madrid 12. — Ieri era circolata la voce di un attentato al ile che ò assolutamente infondata. Il Re e la Regina passarono il pomeriggio in casa di Del Campo e ritornarono alle ore 5 a palazzo. Verso le 6 il Ra prese il thè coli' infanta Isabella. II Re è in perfetta salute. Alla Camera francese Lo discussione sulla Iggis di ^o Parigi 12. — (A. S.1 Alla Camera si riprende la discussione delle interpellanze sulla legge di separazione. Piou esamina la situazione fatta alla chiesa cattolica dalla legge e dichiara che il Papa non poteva accettarla. Louis Dumont rimprovera a Piou di eccitare la guerra religiosa (applausi a siiiislra). I KSBÌ! sii tosp in Inpiififsrra Portstnutli 12. — (A. S.) E' giunto oggi il gachtVictoi'ia and Albert avente a bordo il Re, la Rogina e il principe ereditario di Norvegia. L'arrivo Londra 12. — II treno recante la famiglia roale di Norvegia è giunto noi pomeriggio alla staziono di Windsor. Trovavano alla stazione ad attendere i Sovrani di Norvegia il Ile Edoardo, la regina Alessindra, i Principi di Galles, i diguitari di corto e le autorità. LÌI musica del 1. regg. della guardia suonò l'inno ìiorvcp;estì. Dopo un cordiulissimo scambio di .",iluti e la presentazione dei rispettivi seguiti i Sovrani d'Inghilterra e Norvegia salirono in vetture di gala e si recarono al castello tra le acclamazioni della popolazione.GROÌlGTTfALIAlA' un complesso di (> e li! canuoni da 251 ir cannoni da 305 min., mm., 08 cannoni da 203 min. L'Austria potrà alloia, a sua volta, contare su di altre 5 navi corazzate, 11 controtorpediniere, 28 torpediniere di prima classe. Due delle cinque corazzate, cioè le Jìrzi'ierzog Friederich e 1"Lrzhnzog Ferdinand Max, sono in avanzato corso di allestimento; le altro tr», elio avranno una molto maggiore potenza militare di queste ultime, dovranno essere impostate in cantiere quanto prima. In complesso, queste cinque navi saranno provviste di 8 cannoni da 305 mm., 24 cannoni da 240 inni., 24 cannoni da 191 mm. Riassumendo: l'Italia disporrà allora, in complesso di 21 navi corazzate, l!j controtorpediniere, 30 torpediniere di 1. classe, 5 sommergibili, un sottomarino. Le 21 corazzate saranco, in complesso, provviste di 1(> cannoni da 30ó min,, 31 cannoni da 254 mm., 94 cannoni da 203 mm., 119 cannoni da 152 mm., 12 cannoni da 105 tonnellate. L'Austria disporrà allora di 17 navi corazzate, l'i controtorpadiuiore, 30 torpediniere di prima classe. Le 17 corazzate saranno, in complesso, provviste di 13 cannoni da 305 min., 5ò cannoni da 2H3 mm., 41 cannoni da 191 ioni., SO cannoni da 150 mm. Come si vede anche fra tre o quattro anni la superiorità dell'armata navale italiana sarà sempre problematica, se non si provveder» efficacemente e iu tempo. Metto di soldati negri nel Texas LONDRA 12. Telegrafano da NewYork: Un telegramma da Galveston ^Texas^ alla Tribune dice che si sono ricevute notizie da Brownsville annunciatiti che i bolùati uegri del 25. reggimento fau(per lettere e cartoline) Un malato che si appicca nell'ospedale Torino 11. — Nell'Ospedale Civile di Carmagnola era ricoverato Matteo Osella. Questi aveva già manifestato a parecchie persone la idea fissa di porre fine ai suoi giorni in un modo o nell'altro; ma, data la sua avanzata età di anni BI ben pochi credevano ali» serietà dei suoi truci propositi, tanto meno poi la moglie ed i 'ìgli, i quali sono quattro e di cui il meno anziano ha ;0 anni. Eppure stamane egli venne rinvenuto cadavere nel cortile dell'ospedale tra un pilastro e l'altro del porticato, appeso alla gola per una cordicella ad una sbarra di Segno cho serve a reggere il pergolato. Ep!i nulla notte era disceso pian pianino, e quindi, indisturbato, dalla camerata nel cortile portando peco Mia sedia ed un pezzo di sapone con cui unee una cordicella che trovavasi appesa al mino per stendervi il bucato e che egli strappò col suo coltello. Quando i ricoverati, virso le 5.1Ì0 di slamane, discesero per recar&i alla inesca, lo scorsero, e, di nulla dubitando, causa l'oscurità, lo chiamarono perché andajso con loro, rredevasi solo a oualche s=ua stramberia. Fu solo dopo la mes>sa che venue fatta la lugubre scoparti'.. Un incidente ferroviario Trcviso 11. — II miffo che dovrobbu arrivare qui alle 11 da Treviso, a 30 metri circa dalla nostra stazione e precisamente al ponte della Gobba, deragliò. Nessun danno avvenne, grazie., alla. lentezza con cui procedeva orr.ìr.i, ma i viaggiatori dovettero scendere e andar a Treviso a piedi. Tutto ciò causò un ritardo fortissimo sulla linea di Venezia. , La misteriosa scomparsa di un professo! e Broscia II. — 11 professore Mor, vedovo con sei figli, insegnante calligrafi;» nolle nostre Scuole e occupato pn>.so la ì'rovindio, dì Jirencìa iu qualità di (stenografo, scompariva impro\ visaniciite non lasciando di sé traccia alcuna. Mentre qui l'autorità ìifoiravaio, giungeva da Cremona una lotterà a un mimo del Mor, con la qualo questi diceva osore ormai stanco della \ita e aveva deciso di farla finita. — Vado a gettarmi nel Po, soggiungeva, e curerò il Modo porcile il MÌO corpo non venga ritrovato. Le indagini fatte a Cremona a nitll.i hanno approdato: tuttavia, dato il carattere eccentrico del Mor, si spera ancora che non abbia portato a compimento l'o nunciato tristissimo divisamento. L'orribile disgrazia di una bambina Torino II. — Ieri sera alle i9, nel vicino comune di Albugnnno, mentre i genitori Villa Battista e Luigia si erano recati momentaneamente nella stalla per accudire al bestiai.te, lasciarono in ca^a tiv bambini, uno lattante, uno di quatiro anni e l'ultima di otto. Quest'alta):» era una bambina a nome Giuditta. Avvicinatasi al focolare, non si sa come, 'e si appiccò il fuoco allo vesti. Vistasi iu pericolo si mise a gridare ad alta voce e fuggì pel cortile. Vistala colle vesti accese un tal Barboro Virginio la rincorse, la t>triuse fra. le braccia e tentò di soffocare le fiamme, riportando forti scottature alio mani. La ragazzina purtroppo aveva riportate orribili bruciature in vaiie parti dol eri1 pò e nonostante lo premurose curo apprestate dal dott. Razza di Castelnuovo, prontamente accorso, la poveretta fi»..; va di vivere fra atroci dolori wt;im,u.f alle ore 2 autimeridiane, lasciando i.eì più orribile strazio i genitori. (per telefono e per telegrafo, Uno scontro di treni Piacenza 12. — 11 dLrett<>7ll |)i\ivt uu ute da Alessaudria, ad 1 J.m dalia htiu.one di Piacenza, ebbe un urto col treno merci fermo. II macchinista Forcheri fu ferito alle gambre non giavcm nu. A chrri merci luiouo bpaks^ti. NELLE TRE PUGLIE (Lettere, cartoline e tslegramiai) PALLA PROVINCIA DI BARI BARLETTA 11. — Pel genetliaco del Re — Per la campagua vinicola — Circo equestre —(Izsir) Ricorrendo oggi il genetliace di S. M. il Re, tutti gli uffici pubblici e molte case private sono imbandierate. Questa sera vi sarà piena illnminazione a gaz per i corsi principali della città, la caserma ed i quartieri militari saranno illuminati. — Finalmente la vendemmia qui è finita ed è stata soddisfacente, sia per ia quantità sia per le qualità e sia per i prezzi che si sono praticati. Serpeggiano giusti lamenti da parte dei commerciantij circa i trasporti ferroviarii, perché, ci viene assicurato, bulle banchine vi sono a deperire centinaia e centinaia di fusti pieni di vino mosti), che aspettano la sorte dei carri che difettano. E perciò il Governo, che ora amministra le ferrovie, dovrebbe, senza altro indugio, intervenire e adoperarsi seriamente a che questo deplorevole stato di cose finisca « presto, per evitare discapito e danni enormi alla classe commerciale. E dire che finora la nostra staziono ferroviaria ha spedito circa 2700 vagoni vinomosto, per lo più da 18 tonnellate in men di un mese. — Continuano le rappresentazioni sempre affollate al circo equestre Gatti, con programmi variati ed attraenti, tanto da soddisfare il pubblico. Ammirevole: Mis Mary nel suo lavoro equestre in velocità; i celebri ginnastici equilibristi CaroliOddoni; il mondiale ciclista M. Schichtholz e Mis. Elly De Salta con i suoi carini dieci gatti ammaestrati. Al valoroso direttore gli giunga gradito un bravo di cuore. CONVERSANO 11. — Inaugurazione deil'anno scolastico e distribuzione del premi nel collegio pareggiato — Genetliaco di S. M. il Re. — (VìdìsJ Bella e solenne è riuscita stamane la festa dell'inaugurazione dell'anno scolastico e della premiazione nel nostro ateneo. Il gran salone, graziosamente aduni ibato, era gremito di persone. Vi hanno preso parto S, E. Monsignor Lamberti. il cav. uff. AocoltiGil Biagio, consigliate provinciale, il funzionante sindaco avv. Ramunni Vitantonio, con gli assessori dott. Berardi, Pascale Saverio e il segretario avv. Vavalle Francesco, il VÌCPpretore cav. Ferrari Giuseppe, il corpo dei professori, il direttore didattico di queste scuole elementari con gl'insejrwui ti e molti genitori degli alunni, lì bel sesso era largamente rappresentato. II primo a parlare è siato il diruttore piof. L. Rinaldi, il quale con perfetta competenza ha svolto il tema propostoti: Studio e disciplina. Egli ha saputo COJÌ bene delineare i mezzi per raggiungere il line da meritare lunghi e solititi applau:1. L'oratore ufficiale, prof. Vavalin A • tantonio, con una eloquente sintesi storica ha parlato sulla Evoluzione, dilla ascienza nazionale: elaborato dibcoroo e molto ricco di storia u:\ziouiile: il colio uditorio n(iii iut r.ituiuato di applaudite il gicvino e valente oratore. Xeg'.'iiucnnezzi c'è slata della t.cflta mus.i( a brillanteniente eseguita dai pinfrsso'i C, Pahaisani, G. Saragò, Cardia, Miltìiiu, Di Loono e Giannini. In ult'mo una scine; a di bravi ragazzi ha cantato un belli!'•uno inno. E' seguita la premiazione che è siala bella e commovente, gì scolio ì pii'uuuii venivano tVey;iati di medaglie d'aigoutu dalle autorità e dai genitor. presenti. Si può dire una festa ben organizzata o per conseguenza ben riuscita. Xo vada iuue ai dirigenti dolio istituto. — Ricorrendo oggi il gHtietliaco ùi i'. il. il Re, ii palo/zu di città,, il coll'jirto e tutti gli edilizi pubblici ciano imbandierati. Nel campo socialista lilceviamo: Barletta 11. lii.i ,a Sigt.oi Direttori, La |M'go v.iiii p",hbliciro nel suo pv;V j imo guui.ah iu ,,<'grt'iiti due ìigli;. iJi;r il modo iundn c.iìif ò d.rettò il ìinnimsnto socialista e proletario locale, u;i ritiro declinando tutto Iu responsabilità, litorali e nato iati ohe j,ei l'Avvenire potor&cro tuoadoii1. Con o SP'JUÌ Vii., D'Avi .p.. Bel sslp i! Is(oaviv2 La proclamazione tlell'avv. Luciani CASA:,[.\S_S]MA I_>, _ jM, K(111fcu •< t<>;npo lori a ria^umorvi 1' avvenimento della proclamazione a deputato del uoùtio coiltgio dell'uvv. Luciani. La riumone riuscì imponentissima, citale cioè j.rcvodevabi e meritava il nostro, omai .venrisfimo rappresontantf al Pariaironto iSiiaionale. Lo simpatica ii»,ua <\>] J/iciam. i! M,,, caldo ailasnnanto <l.nor:oprograi.n,,ii spesso interrotto da vivissiuii applau^,' conquiso tutti, BiKhtì quelli che uou „vendo il bene di conoscerlo Ufisouafmente, attendevano tnlo occa&ioue i c>lormarsene un concetto. L'eletta e numerosissima sohieia d mterveuuti, tonnata dello più api.caio v licnponbanti poinoualit.\ del Co'lìtyn. riunitasi nell'ampissimo salone di ime"'u' Asilo Infantile, c,,n pi//>» soH'irnù1 nj'a liisoguo il! <\l, (i,/(< inflri ,>.<• < u tiii»iasticamei)ts> uiv'amjiv.i t.i'ndM.itu i»jlitico del Colleg o il cuv. avv. Vito l •:• C'aui. Senza prolungarmi in [,n,;>i;c , ranicni, che d«l rvAo riti,: iu.i,iH fiori alla ìealtti pn^ ,o u! Hlko<.,,ii^ La sala, urti.tlcanii'iiio ;ml nudici, rigurgita d'intervenuti, attendando venuta dol candidato, fissam por io l ) Sri palio ere+to por l'oceRiot e. ca su .inaurando bandiera ù.u u>',<>;, zionali il nomo di Vito Luci;1)',. •il"!.il • U illlt1 busti dei nostri annui ìo\:.,u: |llu. d uu j;uiiulo cl tutela o .^'Asiano ii pi,>M*:ii0, •iustaio del Lo buon.., tutela o !.ilviiguaidia della volontidul popolo indipendente, con fine pensiero è sta',., apposta nel centro dolio sforni.) dol ..sii. e 11 comm. Maliardi propone di procedere alia proclamazione del Luciani prini i ch'Egli giunga. A ta!» ,uyo riii»n • ,. cibano uoniM.ii;,, ,1 IV^.leiHo duT.ÓMartedì 13 Novembre 1906
.

Devi aggiornare Flash Player
Per sfogliare Virtual Newspaper hai bisogno di Adobe Flash Player versione 8 o successive.
Clicca sotto per scaricare la versione aggiornata:
Get Flash

Help

Pagine

multimedia

Password dimenticata? Clicca qui

[ ]