di Per i profughi y' SP ne vanno al locale ComiUvto di At=eistenza, soli, a du«, n. tre, ud in^T* famiglie. Giorni sono vennero dm: coniugi allineando a scala i lor tredici figliuoli : il vertice era. una < listo, giovinezza quindiceuae. Tutti ì profughi portano l'abito, la j hiancher.i:i cne indossavano quando furono cacciati ebbi suolo funi co • t risto, { lironia! • per teunti anni, ed haaat> M.J1 •:n"so l'ombra, del doloro i; della fame. Ogni miseria, ogni sventimi, i,nr,te la. guerra, che non FÌ combatte alia, frontiera, ima qui, orgogli vinti, conaggio che «aste, una lotto, insistenza :icernita corno una battaglia, e disperazione e pianto, ,tu.tto convelle 'Vi., aL Comitato di Assistenza Civile, ove lo mani pietose d;;ii!no quanto possemo, come possono: HIC[corai in daaiaxo o vesticeiuole di Mmbi. luoaclieria. » coafiorti di parole, ili pròtraesse e tutta la pena di non poter fero abbastanza. Vi sono povere donno profughe clic lamio perduro casa, maxito, ogni benessere e, sperdute "in un ambiente BIUOvo, ricoverate olla, meglio, attendono di tìare alla luecirclecopyrt 3» cxcn£uia già tanto atttesa, per cui*, oggi più non v'è posto ne l'augusta, casa ospitalo, non v'è culla, non v'è indumento, non v'è nemmeno il cocce per attenderla. So di unsi, piccola lattante dichiarata, morta di tubercolosi, #ma eo anche che, avviticchiato, invano «n'esausto sono materno, seppe la fatue. ' So di un profugo di cinquantodne anni icfee li» dato alla patria un figlio soldato ed ora, non potendo trovare lavoro. si offre ooxne volontario, purcnè la eun 'famiglia, numerosa abbia un sussidio, possa vivere. E so, indicibile, strazio, di famiglie che, abituate all'agiatezza, nascondono la ' fame in un sottoscala, dormono sulto. . pfeglia e non hanno il coraggio dì mostrare i lono cenci, di chiedere. Sono stata all'Istituto di S. Anna (Ove quelle buone suorcirclecopyrt hanno ricoverati "cento ""brmbS fra ì quali non pochi profughi. Li ho veduti: taluni non portano • nell'abito le tracce della, miseria, ina ttri — circlecopyrt sono tanti, i più! — sonoiperti a* mala pena di una. sola, vestic'ciuola., senza colore, in cui i rattoppi 1 dicono la. paziento ed ormimi vana opera delle inani che debbono provvedere o. ì tutto. *IR> portati dei grembiuliui offerti da mani pietose o tntln quello piccole infanzie sono anelale ;i. pini, per mostrarmi lo teppe, i rom mondi dei loro esigui od unici indumenti, In. loro miseria per essere preferiti nel b. scettri. E so di due bimbi che non poterono ! essere ricoverati, perché scala e semi ' nudi. Dovevano tornare dopo twer chiesto alla carità cittadina, le scarpe o l'abito che avrebbero "dato loro un ricu•voro ed un pasto. Isort sono tornati più Forse non hanno avuto il coraggio di chiedere ed hanno nascosti i loro ple< dirò, nudi nel loro tugurio. 0 buone signore di Bari, fortunate signore che nion conoscete arli stenti, che guardate orgogliose la vostra iufanziu. satolla e ben vestito, guardalo cuachw ì;i J miseria. 0 la fame. "Andato al Comi hi! > j focale di Assistenza, ai varii rinoveri <ì:i i •bimbi, alle varie ca.se dei proinfjhi; guir j date la grande pfiiga ed in essa vedete j il dovere nuovo che s'impone a tutti. Nello vostre caso v'è sempre qualcosa ! che ha servito, che non serve più o • (jualcosa che serve, ina la cui privazione non vi sarebbe di soverchio sacrificio: date. Tatto sarà bene accolto: vestieciuole di bimbi e lenzuola^ ogni generi» •d'indumento e di biancheria, per ur>tna, per dorma, nuovo od usato che sin j troverà sempre il $£p posto. 1 criteri che regolano la dispensa di questi indumenti sono basati su ripetute visite alle vario case segnate fra ìfs più misere e su accurate informazioni, j Non sarà offerta, vaira» Fecondate 'Ju. pena che. vi stringe il cuore al pensiero cìi questa nostra gìorio*.., ma tris tisiima {jucrra, fecondate .!";im3ia 'per tutti i vostri soldati o per un enro soldato lontauo, siate ''degni di loro, di lui. Pcnsiusno ai profughi. Il locale Comitati.) di Assistenza è insufficiente a questo nuovo compito per residuiti dei mezzi di cui dispone in proporzione dei sempre rinnovati bisogni delle famìglie dei soldati, il cui numero aumenti ogni giorno. (}ììi un.V chiarissima, penna scrisse tn queste colonne allo il suo palpito p>;r <|ucs("i nostri fratelli sferzati sino a noi dall'odi1» nemico, cria una propostn, ha tracciato un progni mina, rii assistenza cui con. nobile slancio ha risposto qu:ilche offerta. Ma occorre che tutto le forze sinifj Hisciplinate, orgn.nfzxau\ dirette ad una assistenza costante a tutti i profughi, fin, coll'interessare ad essi chi può migliorare le loro condizioni, sia. col cercare, anzi creare per eesi lavoro, sia poi fare ^ sottoscrizioni apposite mensili onde assicurare il pane a questo vittime «scare del:. ,, OUo non d:aino il loro sangu,., ,_,. ,;1 Ulano tutte lo loro lagrime. " Ohe i profughi non abbiano a maledirò all'ingrata patria in quest'ora in cui 1 Italia si prepara eJla suo, grandezza! ossere orgogliosi delia nonfcm, T'ariate, mamme, f'n v/«tri cuori ili pitxxili ouprì ; apri)'» »na. t^.im di bontà, Giacenza di corrispondenza militare! 11 unirlo riunite. turi. !" j* LI r»m™. in. KH i p:i»vi :il di la del CSUKII" CI annii,,;1 in f>;.i •"• i 1 • •• 'ir.'iho ,. : '. t> <h na prrvno o di mi risparmio v. •<,„ UùimU, un tfn,s;:>fo,ru> spoetilo per'»'1 ''^ v«* : . . . samtuino alla costanza drU'olTerm, così j corrisixmdenzo <::• rifirno ciaJl:i, zojia • ;> <w.r<> inviare, Ufi ,111da renderla, intìusilc, «ì irtìfAiino il pri • puerr.i, noti potiiT/ riTjpitrin! e «lin!'.,.. :A IMinistcn» doli'* I'ÌIPI: nio sacrificio pel bone <ì<;ìi;i, patria. M'i r»iiit.»i.n i'ii>i j>.;'=rcriiccnri che avevano ' decisioni <!,;. ìTrii'ì'ri •.•'• vr li ' Società Elettrica Barese ' I signori utenti che eftVttttoranno il tvfl ] sloco il cìieri covrente sono intrrnssati Hij dennjmaTG in tonipo utili! ni nostro ufficio reclami in via Argiro X. l'2.l: tutte le variazioni ùi tiunsio.ilio in caso contrario saranno litPUHti responsabili delle possibili: '••ni degli apparecchi misurati", .; •• . •• ttricn. Locasi : (.'Rpa in Motiugno t!i vani 15 compresi 1 j softarii. <" 1 ."uà a T'"'>"7.illo di vani fi con <•>?!;ni <*<• L'in, fa per i suMidi alle famiglie dei morti e feriti 1 T, Bimbi di B;j'i, nh<: «.vi'Uì ucsli ocelli e nel <;uijre tutta J;>. «?re.nti:t dtL noi st;ro ciehi, scrivete ti'.tila «toria, «ii <|iif1 st;i nost.ni. n.ssis'v.n.za Ja più ìxd'ui pairirirì. i la. prima pa^rin». 'della vostra viui.: t Ave Fornari Chierici Dti. Nini o Ncm; J1 o.'Ti'iri, «ii.'.l (toil. | prof. Lutjn, ci siinn Tiervonìito lire «.•ii'.quo • per i priffìsrlii <^ (jimlo prìm;i ohhr'.i'i'if. • mensili! por tnfctu la. <"ÌIUTI(;I. dolici gin.'vr:.. ; X. 'X. Kni.ei.tR lini cirqiic «la, versare! "'•uìotriuj. (hi, Unri. i qui HUIQ/AI.. I '.l'a.lo corri«poncieu/*i. <> tenuta, a clispo | _Mll.l*CVI'l<. f.Ì7.ioji" ik;rl! ifjr^i<\«njui ctoilo nm H ;ìl) '•• tri'""''; <!'•!!;>. ui;i. j ;>!!<• '" ' •'» alle 18 (^jx^rtei lo |_ ''• <^:'r, 1 • li'li"!. . .i^re)». r il'i/io'i'.1. •• . 1 —••.•«•.— j cubito un jrr> j II divieto di comunicare con lettere i 'cfcuti prum. j 4.00 il qainfi. •.' ri ft •••" FATATI;. a,Mt.ìa n. >• VoudeM • l)irig«rsi : nce. i'a,.>;..ìii~ìt.à del pnv ' (""''r!e!T ('e^e l'Uglir. Ma 7.oii5t dì fir;intitì pio1 Gabinetto di cura i, <H Lavoro tonno n>,i.ss((. Si offrono 1?4>~~i, ^ V', fìlif • i tt.iidì n i per iiiurt.i e xeriti dlr.no «A *«» notizie militari uando Siu:>!cnio lui Vist.o l'.'irt. 251 (.j.f> pt o«]io dì Vincenzi» Volpo. sa •iwlnk ìii>.;li'i A. lì: l'i />"• ' eriMio jiiili i ) '• il IUM' :>'<T:'a ; '•'15 il.'.) a Giìts«.:f \isto ii Jl. itrercto 2U i ifiSi. clu; <li;:'.iiuui. i:i i.stiv' ivrm il ^_^ . «•.•••—— lurritorio «Ielle provincie <Y\ •"M'naio, ì)v La Duchessa d'Aosta! y^^^V^J^u,,^. T . ! r.ini; <> <;'ue!U> Oei comuni costi'.)'! o dello Ieri. seri., iirovrmrnw <l.a lhindixi. ,r;<».. >•,,;.. deirAdi'iaUcd. imnhò «U uitt.u lo •iiriiiriii ,S'. i'ortrzzi: dichiaralo in isttito di resistcn/'i. zia, /^T>f>',\ visiti il it. Dficrcro "> tna.c^io ì'.n~, .'ella Crocci"0 '~>"^ CHfi 'ii''hiani. in istuto di p{\Kr. le provincie di Jìolotrna, Kavcnofj, e Pota. ordiniamo: . iirìi», quj,lità .1 !.. | COMÒ, professore pareggialo in oftolmo [ nei jri..rii; <h' .\ci.'.,(. ! Rina e cllnica oculistica. ' ; i Coadiuvalo dal Dott. Dujatorre Michele j ,.^..el,. riveli!' ,til'. I Visite, operazioni, cure, misurazione! ri' ..,:" . \.,,..\ (•.'..') ! vizii (h rifrazione con nuovi appareccl, " , '' ''' i pcrlVzionali eco. tullii eiorni dallo 7 $. ni '"' : :{"••" ì «ile 1'» e dalle 1S alle 2(). (.•nnjì!:. 1 ...<]u.uv; >t.ii,».u" ìkinioincu; : Si dispone di camere per ffli op«;rfiti. , ATiiriro..irsr> N'j'iicMizo; MontTone Dotneni J " •» . «|% »„»*« ' co; Di Giovarmi Felice, (Acerna) ii"..>i ' * Ual IU fl5O8'w .«<•> linffadn; Dì Maio Andrai, (Ctwtt;!i »"•! \'illi»o Citpitanii». Via Ci isauzio 135, 3o,rj, I oansi 1' «jimucistì: pri«m> piano e rpzROMA clic il Consiglio di ' ' ' iWéx I i t M Pittili»! ninti li m.\ Turno domenicale delle farmacie Jìossn.. L'Av.gusla Signora, che viagtiinra in forma prhxitàssima, occupando eoi si>v \ frtnwxM. tilla. niili/.iii.Cliiiiii(|iif! niilitn.'i'o o Ha levriere senza padrone abitante municipa.k! M in via Ata.t0 noi territorio del lìegmi (iiclu;i.rato in istato <ìi guerra e nei tenitori osr.upati d;i.l li. l'^eruito, spedisco. conìspondonz.1 per rjim.lsùisi clcsf.iriazinno. conf«uwrvti notizie comunque relitti ve albi, fprzn, al la preparazione, all;i, difesa militare dolio Stato, olla, dislocazione e movimenti dello truppe, alla disciplina., allo stsito sanitario delle stesse, j avuto ieri la visita di 1111 cnr. indipendentemerite dalla avveniit.i. conse ! alto, dal manto grigio, con coi /.;. gna ni <:o!iscjjnatario, per il solo f;itto ! ;>ir:ii;i cinitr.'is^f^no ^ con. m: JX;Ì/..> di delia. j?i«,'di?.ioiie, 0 pi*:sibilc (ì<*i\v sanzioni ! <aìfina. evkienteiufale spezzata., di oii all'art. 4 della lejrp^ pi ni«irxi>! I^a 1 iella b^tia sii ir.sta.U:>U!. nella stia Saluti «Ini C J. i 1^'5 n. "JT.ì: Kalve la più trravi cauzioni' IÌÌIOV:;. diiiioni. e uoa UIOSITI d?\sHeoaiuu aai rronte idei Codice rena!.: per l'Esereito. OVo il! rio di andarsene. .Sicché il brr rn Mentre si combatte per la grandesza fatto 'ostUiiisca una forma di traàitnenfo j non può che tenere a. diapi'.1. w.l 71 ,.._.. . . .....• , j,jyjrorjo j[ levriere.... sobbarcinduti a.| ;ui> urta, vettura /taion speciale del diratto ,"u, poco dopo il SÌU> arrivo ni recò a prandi in mia delle salotto del Restaurant della Ferrovia, insieme al suo gCìiìibuiomo d'onore marchese. Torri giti ni e fui una, d'int&. Verso le 21 /« Thióhessa d'Aosta ci ritirò nella ,?ua vettura per riposare. Starnano visiterà gli ospedali della nostra città. Malattie dei Bambini Oi":i ìircstcraniio servizio, le seguenti | I! Dot:tor T. ANTICO <là con.»ulta7,ioìn " ituu'i giorni <3ali« 8 i<lie 10 e dalli l;ì ali» !),,! Ojvo, via. Xio'.)l:u .'>0. H ln t>;i?R ria ^elentano N. f>rt. .:.donale. Corso V. F. 125 ..\i;.i.a:'i C'irlo ."r • ''"".Ili ó. y l'adovsivii. vii ('. •>, : Qn/vrantii. via IM.»Ì:7.L>ÌII ;ì. Q'iercin, vin. Spasa.no 120. » Sabatelli, strida S. Michele 1. » Sisto, vi;». Napoli p gndesa e Vomire della, Patria, schiacciando do\° f'p>"un?Pioi A At d do\ il secolare nemico i soitouoUnA p? | p Cliiunquo. nel modo prevo1 mantenimento.' l dte di jmilitari del... Reffij. Fanteria.., Compagnia inviano i loro caldi baci a saltili pi <;cnitori parenti e amici tulli. Sergente: Bove Giuseppe — Sacchetti Ivo — Pesatori Umberto Stroveglia Arturo — 'Migliori Giuseppe. j unto jieU'articoIo precedente, spedisce eorrispondenzo contenenti espressioni anche • Incassi daziar? , di zioni rii {Tiltj.iendio per zione e i <.orpi niilitari, oppure oltì. se più JK;mt.txw a^ipartencuti nl'.;i, lui... anche nou <ktemiLaa.te, è passibile fc ' peno di cui aìt'art. 1T8 Cod. l'<ìn, j izioho delle 'i;.iera1 Lìtruito del mese di lu<»li<> •isprezzo <• di vili1 1911 " }.. 208.830.91 . per liitonic.••': • mtroito del nicsr: di luglio . . 101.*> " 177.U44.(>9 ! C/0 3NC0N/I Corso V. E. 56 Comitato Regionale Croce Rossa j Art!':'"" — chiunque, nello stesso modo. Offerte di biancheria pervenute ' 'Jii' s"11il <ìiJ>'a (lo!1<1 Sìato ° S1']]o Oi>eper l'invio ai soldati G.1.V. «vv. Mauro D'tTrso. .'•no nel luglio ls)15 L. ;>!.I! concorso a medico delie ferrovie ! SPECIALITÀ SVEGLIE TASCABILI OROLOGI PER POLSI SVEGLIETTE da CAMPO RIPETIZIONI ETC. GIOIELLERIE OREFICERIE PER REGALI 'Distintivi patriottici p/ovata n'i: • • i • ! iii;; •re)iU*d(SÌ.tmie ia )'>ui'>nwneit» per 0 mesi. Il Tetrigua.ru >•. partito ieri ppt Civ tevecebia onde ìrab*imt.m yer l'Isola. La Duchessa d'Aosta a Lecce l.B'CK. .11. (D"An:ifl) — Alle • • '":.."'" • ; n i in Brtwii, In. Duo; Sur», A!t«:v.^. ì.,:.•,! visitò pii di r:iuri.'j:i, r^rurt'Oildu alle «re 14.H0. Ilo colossale incendio a II palazzo del Parlamento e 2800 case distrutte $ ' KALON.i.COO 31. !;"' Si. rko\'i> la mìil/À:), elio 1111 grami* incendio sajpjii;» Itiundì a. OostatùlnoiK* li di6tru?gcndo 280O cr.b". II p:ì\a'ixo del l'arlaii!»'!!!..) s'irebbe te «•ndiif."). OR piroscafi isfhn liltiii ti affomfah 1 • 31. • opeellj razioni militari, uot izie diverge da quelle GABINETTO '10 1Ò0 Torri ì i (..'<>::.; *, ....... ivi.;.'^ ili .Aiufut.n <.'Li.' 50 i::i:ii;iiii% 50 nintoiitU1. Sr/.ion Croee Hos^fi. Anuria 228 'dati i olio sono portale a. conoscenza del puh1 <lfl concorso n.i jx).!! v;waiiti di oie ! so. Bari 1 paio] Wico J^l Governo, o dai Comandi dell'E! di . di. reparto dell»! Ferrovie di Stato. | pezze da },itìdi f.e'v;.'° ° <Ml'A™\,Ui, ovvero, da, sull'orj 1K... q,,e3tu c.'.niuj^faneDto. ! ,tn., li,, , „ lordine iruhbhoo, «nillVononin. niv/AnmiÀol r • • ' , • i mie. AM.,,,,,,,8, o m aìtK f.,Mi;,; • ^ ip^^^'^fj /'* coiumiss.onp PX riunirà il trmrpo .,' P'9 •iti. tiaici.erJcq.iii.lt . ..sera comuuqi.è j *" '*. «fr11^* «^ ^P;«n ^iirertruB ct>Tn; DI jiezze jezze da. piedi, l'icrliitolc ilei wiv. Oronzo Lenti, Noci J'2O <'aiiii''i(j per infermieri. Corso scolastico estivo gratuito presso la R. Scuola Normale maschile Raggi X e di Radiumterapia DIllETTO DAL Dotior GIUSEPPE FATO igettore Propr. MARTINO CASSASI Gerente Respons. LEONARDO A turbai;., la tranqiuiJU.a pubblica o aliri. | partmieutelo con»». Jfasolini, o,.iwu)«Ui ""*"f ' .,,,.,¥. _ !„..„. . , _ ••menti d;umegc;i;ui pubbiùri interessi (. sani Lari: prof. comin. Alfr«!o Jìubino « } Corso Vltt.tm Angolo Via LomOai^J 5 ] Stab. Tip. dei CORRJERE DELLE PUOLIlinteressi, v Rimilo risppttivumcntc con le sanzioni contenuto negli ftrt. 1 e 2 della leggo 20 giugno 191."» 3i. 885.| Art. i. La cognizione dei re;Hì sudi j detti appartiene, ia ogni caso, ai Tril>:.:;i;ili ! di (ìuerra^ 1 prf>f. , Gacta.no Bemabeo ; del caj>o del j * < ìc.lib' Nei Telefoni 'ii.riti il ''J.'» inag, , rniui..ff>riali del | • •H'avviso tl.i. noi puhbììcato • '. rebi.tivo mi un concorso t> :;. •:, :i.i. •,,, p!i»cso ),i. nostra Pcr (I':^tti'O posti d'inp;jiocr« ijfir.unnji! :i. N..rìn:>!<. <>,, e:. ». ; i,^ ;. ;,i,rri.'>. 1 ^i"' ni.ziono dei Telefoni riolln Sfntn. ci «i ' un <o l'o.s di.lui. •no u(jquyiiU«.rlo tutti gli aiunni «•.POH), wuato .so promossi nel eiunti.» se rimandati ad. ottobre. •r.o essere ammassi altresì tatti 1 gn>rani, interrii o privatisti, delle altre scuole medio di swondo grado (liceo, ginnasio superiore, istituto tecnico) soLunente però se presso gli istituti die ;''••' '••••"•••• • ;,» o nei quali KÌ —•••'p <• di licrrjza. non ii ),\, ebp il ''I O Chfì £;ÌÌ :!•:. . . bi.'i.'io luogo doj'io F.:i. cr.«;','i.z;nne <;YH ra,, n.llo scopo v.lw. JMSMUIO prend^rv : anche i candidati chiamati olle un La gara popolare dì nuoto non avrà più luogo l'ufficio sjijiitvi'i <ii Xsipoh" on.v. l'orli e d^I ris''" • • v •••:ialo di li:.:ri < :v. l'al'undi. Per pubblica moralità Xo'l = . 'di'.i.uf! di ieri *"ì. 1 _'<ì ; ie St SreL^iii 1 Le cembri cure di Saisomagglore si effettuane da Mane• < i,.^Jflt^r^J Nf^mbpes°S0toriio Idealmente trani|uHleAller|hlPiii«it ? ^ 1' *. e pr pvb; iilCase mobiiiateiistoraitt! per tutte le condizioni sociali , .;\n:i^il:,i.,;,.11iriarimpalrlutft H Per informazioni, 'Guide, ecc. ^ Arr«talo per maltrattamenti contìnui ! ^*OmitstO lIìtCr€SSÌ ÌOCdll' ai genitori Un oor<"> di zioni ' • I\r,l iv • •1 sui strio di In via, Gioacehino Mumt vi è uiroffi ! cina. di fabbrofurtìaio di ivi Sabino Fcr ! r'"ni. il quale è un onesto e laborioso ; ciri estivi di lozioni. occorre fiol'1 urti do ; ; manda in rirtn. semplice con. i'indicfi'/.ic.uso | ry.. \. delle mntrrir di cui si vur.aimo i^ruire leJ l'M (.eroI(j7.i"i.i cs.'i':!! le ]ii.;U,erie professi'inali deli «fluì) FH • lieo. P ••;.::iin da rj*ialsinsi 1n>s;i. <•• 1 gie, giov.uùli mi. aee.ojio il so«pir<ii'.> ;\.iCOÌI •'•••• u'iì in'io. sarà «lìiii.rO col | nunzio e quei giovMii <:lta iiveviii1 r"' l'n «il;.far. i J10 un figliuole ventitreonne. Do ; che è il <•ont.Td.rio di lui: T'nya.boii" | jc i '!•>, jii'epote.Dte, maticsco. l)<)"n'«,ti> <"• «tato \ i^l ] pureeehie volte in eare*;u> per 11wlt.na.tt4i'•i prtn esalili. aiHumuilo degìi ubbande.: ipati;) fi?!' •••os^iitc, h;::i ripreso i OT!) liìliit ,,y 1 iti:/..; ÌL Lullii'.I C l'alieoSO 1 lavoro <:oai'ortati (biì'u'i sperau/.a di poter...Ringraziamenti reali' , . T1 ... . , i gua{:iL';':'r<' ini p'isto della s;r<i. U 1 residente del Cansiglio ha dirci! L'I. S. Ideale p1!ò essere Tuo.Iio.n, to 01 Sindaco.'il seguente telegramnin: ! <1A ;IV.T ÌÌIU'.AOIÌIIO l'.inlor'; sopito dei 1|rj. •^inda.co — Dai! 1 nlri nuotatori e jtoò bei',. cli«j d'ossor ss.ìfi. Sua Maestà il '!•'•• .:..^..,.;.. ~> , r;(. 1 mik',a. fra. io UuiU a. laii'/i"." i' ••"'•;: • '; tadinaaBi. del i< *„ i «ppcllo.... TU;I. fri pianto suo Ceuiui.r. <• <JVÌUL. ;>••• titUÌUi.» SUIed allora , . co.1,), chi cii uvvtìvn fpiartuo si giimpcviv j n. il "non. •pln.: idtrn. l'itiTiiu.i'atjiitc T>. tr'itfi) ii) ar vr't.. r'ii l'i sii.... ,.i_,i.Hj(; o fin. soli I 'iseito dilli»* CH'^IÌTÌ, ih | vtiiiMi i,!n;i!i!;i i.i, liìiori.à provvisoria, ieri J ) c;i5"i. "del Ferrinni «i ririelot Avviso importante Venclesi un Elegante prospetto # negozio con porte di ferro, fende ec • li J)on:iU' ! •113™ e:<>!ta.iaccesson. ,xn J rsppcllo.... TU;I. fri gjvnj, <. ' . 11,'i ilo :ìrJn!'ji'\ i\ .;uit * Wu "> Ja, al im« gmndez Ieri, dinanzi al doloro dì una madro ohe ba. creso in ti, a suo conforto ed orgoglio, tre baldi, o bravi, figliuòli e. li offre ora, alla pntrh, <usì, come offri•'"bb<> !:' •.!., io ho sentito "'• iirì '' . "ismi.) di nuiniuio. iht; iBiiWnio UiÌ pu^iio <,.. ^ul cuon: Irrt.stm pirvolo cri\iOnt\ ,<,;iy<l. jr,L.:l;. •., Ilo seatito chu noi dobbiamo run<: ."1" nostri bimbi, non l'orróre della gin,.,.. .), tutto le miserie che essa e™" ist.il:.,,re nello p/ctr.i'. ::\"I«,I 1. .. .' : profugo che libo che ba famt^ I nostri bimbi debbono da*e qua.ì»_•«. noi dobbfe.tno «' . . •'.'••ì (qualcosa. Vhn domani, a giicJ • • :, il ricordo conl'uso sia ui bimbi xlvo di UKI. roseichiara: quella, di ersero ,«(n,ti utili, <iu,isiii i> piccini, yuell» di. potw Per i Iv' stata fi.! ì clirttb;i, uji.j. ibiuto In. I' p!1!' iur., il! Uiirtii. Ijli. v'H'Ct.U!i.i.; l.ìi Jii pivni'"i invin.: < 1 e i * n, ; •. I'iVU.i t <.:•.'..:.' ; ;i;.; vili,".:.. (J lincili. « ficaud,,. !e pittile ìrriguieni l'I i \ 'VrifS iTi • j Liomo v»?.nudii'» fti nsro ! ìutinicazionAÌ ù;t!!c i(Tif j lo che date L ! monto .'• imi in <;o} ' •! i*'.ii iu:'..» ili . . ',.'.1*0 ' arorto e PÙDirigersi dal €orso Viti. Em. 15 BARI Fornìtors MinfsttfAgrt lilinetto a Vapore Artistico Industriale Ditta S. NATRELLA ^^ i_ ftn*!* BARI tolto Ih*» Os•ìV,:\ ^. X, ili copio io Il.Uj, .laro hi•li prò ì ••""•'• (•"nani !''oi f>d ;i«ìi ordini .ino quindi per quoirlist. «i effettuavo r| . susci• * arato • • V/O. Buona usanza 11<.•»;! ^j>:riìi:n .,t, ; li.;:;•. jl 'vru;t;i;.:ri.'i^) e];;! potrà j dalla i;icoltii che con jra dali Ucoltà o { ceviajriO u data al Governi.) di con' ^ ,. { .[ Per i bambini poveri e malati i •tt.n r]oì Irambini poveri ri..,;,i... f..>i!ortino por fi mei 'itti Z.l, MOBILI Specchi Vetrate artistiche legate in piombo eil otto»* I Lastre di vetro d'ogni genere. i completi fcKi.rro j' ia miov.' correrò ..se anche por irruraziom j rt0 ottettitai.. uuu [jortate fra i .'J e 100 litri. ì a^iniiiuto secondo, dia priutri, urar.o o ' a.ssi<t*Miz<; chi/inviebc e oculìstinln; 2f)S9 ! per la stessa TI rtrnf. Sin". l'Ambniaui.io: .bdunùii presentati HI ! .U proi. Ali reti:; ;sf. <ìa tala beneficio. Il vantaggio rii questo contril^ato di ?t:ì,to. sarà risejitito specialmente muie | 3 2K) regioai 'Jitillo CJU::;Ì scarseggiano 2 corsi j eiali 7 •d'acqua dotali ci ricca pori alM; 0 ?ar:i ! StlV parti'olaniieat'..! sinprVvsariti) in o^ni parto ' .. "., pi; •"! ;,• inni ammessi alla nutrizione latrii h.tte s Comitato di irocrra. Vi La^ Diffa, atendo rimesso a nuovo l'impianto del suo gran* dioso Stabilimeno. rende nofo di evere* i suoi vasti d«|w*iti rie S'ri?!'Ì icaraente ass.orfì(i in lutto quanto riguarda r«i»mobigliam€nfo ti la \ genere dal più modesto al più sfarzoso.li ".inloi'tr • si a cu.ro ««*> ' ' ì! c:'ìlvrj'•' do1 I0° J'anteim delia) ..= <5« prctìtaìc 210Ì;^tf|V'ìl'r'*riUd ™ÌK!tte lirC 5 ^'(J^*i j .: l'rcccdi^nti 2!. oìitra >''''" 1 Ila ,UJ!U Rilievo ojraneoluira, : Labriolo, Haira, o.<" MW Vlii' • ! nonni; da ,. , 9 , „ ^ r . f^ii«| Notizie Commerciali .^•hVi'^jrmtTpfùafST&lo:L!^^^P r'ìF1JNGHI s«««ur / :1 pnic.rK» ottenere. ! i">nW>>'Vil. • 1,t. Oamera di Co.mmrrcio <:omunica: , da coir, '.re il coaci GABBE FOBTI B'ACCXAIO ÌÌV prr ! ostruito in lamiera di tm su! pozzo, garantite .contro B fooco ed ogni gì U'. !;f.n,r *(.Tu...tenente j ero di violazione, tempre premio 1» Deposito nu vasto assortinsnto, j, "Osram infrangibile „ II nuovo filamento trafilato liti assicurati» la vittoria alla| Osram so tutte le altro a filamento metallico, conservatole il •ero la Lampada più economica. Piccola Cronaca Impermeabili l'rejro la .S. V. di f.ir qurfsto norme :il li»r;i!o biffini copin di ! fienio Olì 1 m della, ii (Min. rio iuacrii'e ucl Foglio Con riferimento alla, note, pubblicata '•fjPic K. 173 de) J.1 •if. noto ohi» Ì an.cho dri r^rCUUIll .\ . ( *>, l: >U. Latte Condensato Locate Triulzi pronto in .NÌJ.JIOH fjiifilsiasi qimnn'af.ivo p:v«so 1 Giovanni de Grandi e Finii» cetit* 1* ora oousnma una lampadina Osraiu da 10 candele 2t Voiiscreazione). 110 — 150 — 220 — 210 Volta da 5 — 10 —16 — 25 — 60 300 candele3 forma a pare o ?: ' chiaro circlecopyrt smerigliate, Deposito e vendita escusiv*: N. di M. Carbone àgi ?2 lari Domenica 1 Agosto 1915
DELLE PUGLIE DoaaienSoalI39'1«SKSK> irs»*^. parenti» i erediti agrari eoa le loro ' : Francesco Bernardi ha soste» tvazneato la prò .. ed Iia aggiunto 'io di projit tei dottor videro ta' fi piccoli salo intanilo axi UI«Ì. discussione» .ullc operazioni del Banco di Al sig. Cartoccio Brunetti Brunetti Francesco, nonno Sei caporale allievo sergente Brunetti Carlo è pervenuta, la seguente lettera: « <.remilissimo sig. brunetti, Da parte di siio nipote ho l'aita e {dolorosissimo incarico di.avvertirla cào oggt 05 luglio 1915) mentre si recava tutto allegro a portare un ordine fu vitmenaclisti tati di Credito interme•diaxi. 11 contadino TedeacKì ha proposto intanto di costituire ima commissione leonina per lo sttidio dell'estensione del Credito Agrario e un'altra per lo studio dei ;"iaTori pubblici da eseguirsi. Jja* (proposta .Tedeschi <•; stata approvata .iti parte, per cui " una «ommissioae per lo . • , .. . (for•niate dai direttori a. presidenti dell'Isti•itati locali, «ou la partecipazione dei si;gnari Francesco Bernardi e "Pietro Saxto;ris), e « è deliberato dlnviare ini voto ~% ù __ . — .— ^_? • —^ .#*. 1 K^ _HB ..È.— ,m .^1^4 ~«*fc rt^ *i ^ W^ SÉ *T#*W 4^ •**• ~l T |~| '* tilt Modi al Governo ad iniziativa perli citi iti i c p 'sonale 'dei sol prescienti intervenuti, sen.m impegnare le commissioni da essi rap;j*resentate, perone si facilitasse il cotnpijt dei lavori pubblici deliberati, p e dei lavori pubblici deliberanti. In I$£ÌOKJ £1 sindaco ha letto nn tele,fpannna del aottoprefetto Terzi, .pervenuto al oamm. di P. S. cav. Barbarcelo, <±a riguardo alle pratiche per il aanalone 'CaxnaggioCSappetta. Una tentata estorsione * Àtann giorni addietro pervennero del3e lettere minatorie al signor TommasoJjeamUi, con le qiialì i componenti diajxi'aafloeiazinfn» a delincpiere, nominata «la •roano sanguigna» richièdevaao — pena la — in, somma di lire 10 mila. Il sif «emetti oomiuiicò le lettere all'an,. domandando la difesa dagli at• .. dt.n malviventi. Intanto, per consig|j.o avuto, scrisse «una lettera alla «naa»<i saagnigi»» diretto all'indirizzo airuto, amoero uno, fermo posto, Andria. H. informata «abito del fattaccio _... ...;!„ servizio di piantonamenl Ii t dIeri, mentre duo j,]wui«»Bui) alla poste a ii•% corrispondenza indirizzata a n<«idonitno, in attesa, del plico ntenere le 10 mila lire, ve.;i arresto da diie agenti in brigata di Barletta a nome .v.f;sco e Luppo Giuseppe. •ili autori della tentata •. • "alle strette dal eomm. Barbangelo, confessarono . .:. e deeilinaxono lo .seguenti fé nana,), ita,: Sardano ^.ntouìo fu Leonardo contadino e Catino Vincenzo fu .Già* comò, barbiere, ambedue impreghidicati. Una fatale disgrazia II pecoraio Giuseppe Marzano di anni •• > i..r.r,,i,,,;tr, ^gj proprietario signor .ria, fu Nicola, mentre, at•• i, con una pesante secchia rna delia masseria di Saa • ••i volato con te, teste, in giù i estratto cadavere. ..,::•..• •• littori'Francesco MazzoFxaocesco Sardano hanno fatto le ;.._.r_ sanazioni di legge. tento ciì aver servito volonteriameuti; la Patria. Le sia, egregio signore, col SBO dolore partecipe anche il mio, quello dei miei e suoi superiori e del reggimento tutto. .La f"~ "n'ras saia per ordine del .Comando .crimento seppellita in apposita, ii.3i.. <.,,'«. sarà fatta espressamente. Inviandole lo nostre vivissime condoglianze mi sottoscrivo 1 iav.mo Caperai ìorierc Alfredo trippa» D. S. — Iti conpiego ciò che fu rinvenuto nelle sne tasche (sono una. lettera, ed «ria cartolina della famiglia. La lettoni h bagnata di sangue!) A 19 anni è jaorto sul campo dell'onore, povero Cartoccio del quale; tatti ricordano l"sirnor lieto, l'intelligenza vivaSergente maggiore F. Mancini Un altro fcostro concittadino, il s«rt ANNO XVI[•RIO e (GASA DI CURA PER GHffiURBIl E BINECOLOSIA OPERATIVA) \.. DIRETTO DAL Dottor GIUSEPPE ZUCCARO ?1 H Chirurgo Primario dell' Ospedale Consorziale f 15 A. RI V$a Abate Glmma, 2SS L'Istituto ha sede in locale espressamente costruito e con tutti i requisiti m derni d' igiene e di tecnica edilizia. Esso e fornito di tutti i Gabinetti indispensabili sussidio della Chinirgia: anatomopatologico ed istologico; chimicoolinieo e batteriologico; Eaggi X. Completo comfort moderno: Bagni Riscaldamento a vapore Ascensore, ecc. Servizio regolamentatoGuardia notturna, , Pensioni di I.» classe. gente mag!*!~' •nnoesco Slanciai del... ferito all'avambracciofanteria, sinistro ali;,:..,.: ,,,io il fuoco nemico redu mangiare ai eoinl«.Itemi. H valoroso giovine — c\r,t i*. qui dui.ti.u id di l'lt g il suo periodo di cura ± ttii d q l'ulto starno a.p aooni±Qae attenzioni degli amici percho tutti haiino SBputo, a tra.versfi notizie private, il mirabile., spirito «li abnegazione .e le non poche prove di sangue frcdd>cre tìi valore mostrate dorante le arditissiinc fun ""zioni nel recare il vettovag'li'i.jnenfco lungo la Itooa del fuoco. Nuova lista di sottoócrizione Ecco un 6.o elenco di Putignano li Comitato d'assistenza civile in crisi .PUTIGNANO 30. In seguito a malintesi il presidente di questo Comitato credè opportuno rassegnare le proprie dimissioni. i L'altra sera, dopo discussione, si inoa' rioarorio i signori arciprete Losavio, prof. Mnrtmeili e «hi >". alii di foro r.ratiqi;i dice aw. F.ienza diincs I ckc ìacarìcati delki, loi'o componeuti. il Comi tato s"orain: FOGGIA Corriere di Foggia Per la scuola tornitori Bella ScBQla Profeuieaaie % Si»,, FOGGIA, 29: Riamane, neil'atda dalia. Deputazione» r>jvinciaJt", ji <• radivn'i.fn, una, Oonimis'ie oomri' .idarx» di • •sideiitfj fji;ll.'i. J)' •i, y>c.r int»'.iid^iHÌ a cui si accingono lo darne, specie in questa ora suprema per la Patria. Kgli, vìvamentq applaudito, finì inneggiando al Re, alla. JI;i.rina, a!l'E?ercito, all'Ita!i:i.. Nelle ferrovie Saienffne f.ECOB, 29, Tn. ciu«sti. «riorni ,., personale delle Salentine il regolaanento organico approvato dalla Commiflsioae del l'equo trattamento. Una R doppiali} •••jantencm il diciiiatan••CPMÌWR persie yì osservi, <»1 «uo.ìitó. dui personale rone, del n v. del p Però i signori Marchese Romana:" di 'id sui mozzi necessari /ione deliri, scuola twr•i) Altamiira ;:, scuola dignitoso, <ir spinto in ;•! do di nou '•• ' • diei diritti acquisìtì. E, <li fatti, vo regolamento è una paro!;), jrv ed i f '. i •• ;Ì.1 Ì <:>I o . lame» tn non iiaiarra , 'il Governo. Procedo pon» jn<">ì> l'assetto del personale nei vari f.oiw/.1% «.tiretto con £clo e competenza dal nuovo direttore ing. Canw poaovo, e apprendiamo elio per avere nua razionale rii visiono <lol poiponalo in ordino ai jioxvi..i (ronfiimi. ': sf.jvto testé tnv sìocato a, Triodo In. rm'iù del r*rsoua.lfj viaggiante, potando così espletarsi i .servi zi /lei treni con tnrni resrokuì. L'altro giorno mentro il tremi N.o 11 francìo le ragioni per intensificare Fopeitt del Ooraitato di Assistenza e rivolgendo ttti W M ffihè ii Oa tjutti. cstWìi pr^Mera affinchè oezionoli momenti clic attraversa, la cara Bafcria si diano e.nergief «5 c(p£$x>(£ j3o>i narfl per «piante) 5 xvp'im, possibUità &$ ciascamo. Segni siiEistesso tjjgomento SÌ eomm. Sansoaetti, e da iiltiino presa la pa.roia, Toa. Btana.Tola, il quale con voce commossa e con. mirabfl» eloquio degno della circostanza, o del nobile fine, inneggiò all'Italia e alla nostra etierra. Tittoriosa, feoendo caMi voti affinchè ,per; dijii la, conoordia degli aaiTni nello sl bio o mell'aanore verso le fiaaniglie dei i li h btsfcri wi,lorosi che combattono 1* oltre il confine. In seguito, il Prefetto e il aepttferto sitarono; la Gassa Agraria e la Congp di Carità oon l'Ospedpite e l'erigendo coverò di Mendicità, lodando Tordi»e e' la corretta «MMiinistiaziQitcirclecopyrt dei importantissimi. Vi trasmetto oopia di nmi cartolina. Inviata dal fronte alla famiglia dal eergea* t.o del fonte ria, sezione mitraglÌB,trici, Toffiinaw di Bello, ten giovinetto di trajisiìa\'a sul trotto Seoli l'uglio forte velocità', pere Ori in ritardo, una nonna, Francesca (ìuruly, inopinatamenta .tnv a favore del locale comitato di assistenza civile. Una tantum Somma, precedente Municipio di Monopoli Monte Affiatati di P. e ?. Corran, M. Camìcia Congr^azione di Carità Giovanni D'Ongbia, Giacomo Stifano (dall'America) _ • Giuseppe Masulli • , Fratelli Lo Savio Bott.'G. Caracciolo G. A. d'Erasmo Federico Sfagno Giacinto Muciaocm Gaetsano Russo Ing. S. d'Ercnia O. Balmitessa Pietro Manfredi fu F.sco Parroco Vito Loru^o SS. Sacramento Prof. O. Masulli Baccolte nelle Chiese . • Raccolte ne]]circlecopyrt scuole C. Susca Famacio Gentile L. 4743.65 1500— 200.— KM).— lfK).— 50.— 20.— 10.— 10.— IO.— 5.— 5.— 10.— :.U.35 9.95 5.— 1.0.— Te Bitotto Un valoroso B [TETTO 29. questa città ohe aveva y t IÌ tinicirclecopyrt al fronte è pervenuta •ttera.: ^jjrii.i Pietro Fasolf. quantx> nìi riesra doloroso, è pur j ....\n i.,.,ir. /,„„,,..,.<>rt. rome suo figlio!de]..., Totale Contributi mensili precedente h. ••,,, 4. p/iiii;, ...oa. .il grido fatidico 'ia » condusse il OTO plotone al•'.*... ,..:••> procurando grande scompiglioj&elfe file nemiohe. Già stava per raccogliere il frutto del suo eroismo, già raggiante di gioia ritornava, fra. noi con <m" gruppo di prigionieri quando chic palle dell'insidioso avversario, vhp. nella, precipito» fuga inviava l'ultimo '•> di rabbia, lo colpirono e cadde • <. •< col nome deDa. Patria e 'dei suoi . ea,ri. f «ntt.'iiffksiali della brigata «Regina» <••>•• : : di lui La pregano di rassegmir: .. ... • perche egli cadde come si con\ieo& aa un soldato del diritto eterno. 'Magaretti pel... fanteria Meledandri pel.... fanteria Da Canosa II lutto d'un collega CIANOSI 31. D n,o.>t;r<*> raJorn.**» ofUTispondcnte da Callosa, sig. Giuseppe .Basto^ <"•• stato colpito da nn», doioin?;». scinsrum: la morte i;:u. ;UJ..: Inip. Dogana '7.— iv. i). Stasi 5.— Totale L. 222.— Un soldato morto improvvisamente II soldato della, "M. T. Intini MichcV. di Carducci, feci'hi * •• •••' doi» i! nelli, },.. . ras<:elli J>.! Vincenzo, 1. per bi! l.o:,:urK>, sacx;i'rki, prof. Marti'..pnrdo, prof. Ma, i Matte o. Leo ja la paro!; ••.:••, Iyoliva l'ran • anni Ì6 alle 3.20 mentre tniusitavy, dalla nostra stazione, reduce da Brindisi, per recarsi a Castellana suo paese na.tio, per motivi di salute perché affetto da malaria, colpito da paralisi moriva improvvisamente in «na delle sale della nostra stazione 8"° non ferroviaria, tra la più viva commozions e rammarico degli astanti. Fa prontamente trasporte.to alla caserma di fanteria in piazza, ^. Antonio e stetmanc avranno luogo i funoivìU a. tjiese della troppa qui di' presidio. 11 poveretto lascia, la moglie in islato interessante e 5 figli! _ ^ D& Gravina Sul campo dell'onore ORA.VINA 28. (Vcritas) Ieri sera venne ufficialmr.ntc comunicato dal comando militar*! a. questo I signor Sindaco la. morte del concittadino > Duro fu Michele, della clasao ceseo, Albano Vrincenzo o Totaro Vinceasso non hanno creduto opportuno dimettersi da componenti i! Comitato. Si confida nell'intervento autorevole del sindaco per la soluzione sollecite di questa inopinata crisi. ., .,• La crisi del Comitato di A. C. di Pixtigoano non è atta manifestazione di concordia e di solidarietà nazionale: non è neppure una manifestazione opportuna... Come tale è in oontretsto col patriottìsnK» della, popola.zione putignanese, par caii va risolta sollecitamente e radicalmente pel buon nome delle città. Oggi occorre eoncordia. di opere di sforzi di sentimenti; e non crisi ed equivoci dissensi. (N. d. K.) Da Santeramo in Colle Un eroe ' ; ; SANTERAMO IX COLLE 29. Ufficialmente è stata comunicata la notizia clie il 7 luglio, in seguito a ferite riportate in battaglia è morto il eaporal maggiore Terlizzi Angelo Raffaele di Dotoato e idi Negoziante A nm, rivolgendo Fui timo suo sospiro alla madre ed alla Patria Valoroso giovane, pieno di amor di Patria, «i distinse molto nella guerra Ilalo'fujoa, e il 31 ottobre 1913 fu fregiato di medaglia, ed ebbe un attestato del Ministero della guerra. Lavoratore onesto, pieno di virtù., richiamato alle ermi per la guerra Itolo Austriaca, nel licenziarsi dalla madre sua baciandola, la incoraggiava: «Mamma, il Ile chiama i suoi figli, Maogna ubbidire per la anaggkire gloria della Putria nostra» «Viva il Re! Viva la. Patria!» gridava agitando il fazzoletto, dallo sportello del treno in partenza da Santeramo. «Mamma carissima, coraggio, tuo fila sua vita, sacrificherà il Da Fiss II cuore dei nostri bravi ufficiali VACANO SO. J891, Giovane forte e pieno 'dlentusiasrao patrinHico fi battè da valorop" Della guerra :'i. distinguendosi T: • .••.'»ir» "d ;ir'nllw presa di T' •• Rfncrasi. • ni.jtil Jl.llri ;!.. >j.|l. ••i.llp. OStilità '••• '•! pwjr» < rii u^irtsm.o dei suoi giovici ;I<Ì»H alia, «iitesa delia Patria « per («:.<) «i immolava sul campo dell'onore nel i ' * lli Alla, desolata moglie di f'i • prode sii! catti in il ca.pitano dl R <U> l'a.rdfirr* <""•<"<! >icci Teresa" • • morto da :i ha scritjiti; Li,.... compa¥o n tr> ria: • • • • . : • • • . cnarito, • • doto• • i1 \nvxc.:.! ., • • <li:bbo ' di Diu, f(>i ••rre. . forte dcKi•inico vostro : (iiiu'u soldato, va• :.!.ia, degno figlio del• • r.;> .»„*<. Vi sia ! i forn• .,„ . ,;.. Ii.« inedita di e, di nn valoroso •.^Ì.Ì vendicarlo con tutdall'odio, che niitriaino •i/iìt^irf: n«:rriM5O. irte di tutti •: .••• •••• '.sii ufficiali orni A' p luglio. ita di conforto Marenghi *)r« Da IVIooopoli I nostri eroi sottotenente 6. Barletta ltnuidiun' <• intuito (tttadin<:> e il pensiero che. egli vivrà, eterrmmentc nella pagina gloriosa, 'della storia del nostro nuovo risorgimeato italico. Da Ruvo T La guerra in Cadore Jtrrvo 2'x 8«rivo il sottotcueuto Gibcrtì ni genitori : prò al Parco avanzato '<l'arX per modo di dire; da.Uà "• "s " arifh*' la. notte percor'•ntinaia di chilometri in ••!:'!• ini delle IH | UH SC.UO• il CODi l'alio, Sono S^IJ ti.crlw'ria. <li del nostro per , esempio. . tato a a; Jocalitft, ohe è in terreno austriaco. Stanmttina sarò a P... e cosi via di seguito. In certi momenti il mio colonnello credfi <*he io mi divida in quattro pezzi per «ff^ttuarf», i va.ri ordini. Mi. sento brno, godo ottima salute. Però, appena, appena, riesco a tubare tre o quattro ore di sonno hi notte. Sci notti di seguito non ho dormito per adempiere tra corri] > di fidiK'ia. La. mi'i rfj fettiv;». i :jir^ il fnexro dom.'Mii: in 1 •• rò subito il mio .... >:i pochi collii M' • la pii.'!.. ...... . (jj .') Moni.';. ; '' •'• di (Jon.. nisuo sangue per abbattere il nemico tiranno» scriveva ai suoi dalla, zona, di guerra. «Padre amatissimo, sono pieno di ar' doro e, di fede, e vinceremo. Il nemico ha, paura, di noi, l'affrontiamo impavidi ed a viso aperto», continuava a scrivere alla famiglia,. Con questa, fedo il piombo nemico lo colpiva a morte mentre fra i pritni conquistava una posiziono dominante. Alte, famiglia addolorata, ai genitori afflitti che pregano per lui, per il loro eroe, f chft rivolgono calda, ardenti; preghiera, ni Dio dell'Esercito per preservare dal piombo nemico l'altro loro figlio che combatte per la «tessa, causa giusta e santa, vada il conforto di questo. nane*. Un valoroso "' . ." ^ ' >'ANTER.'U1O 29. Ieri lo )'appreb<jiil,i,Dti d*'l ( omit:itr> femj minile, signorina Fi il v in. F'csarini f \n. | signora Manicone Caterina, cou la stipe j riore delle suore della carità, suor Marchi j ca, compirono la missione pietosa di uo j ittunicare alla, iamigliu, di Cecca. Dotiate! la inori e del loro Giuseppe sui campi della ' gloria, uwemita il 20 del mese volgente. Era un giovane forte, una vera tempra di,soldato. Aveva combattuto nella Libia, da valoroso e qtemdo riti maggio T.'.U (iva per quei vertici dell'Alpe che ' protervia austriaca, ci h;i, con; gli, pieno di t'erte e d'ardore, giura.wt. ..Le avrebbo compiuto il suo dovere. Lo assolsis generosamente. Dopo Katuzzi e Terlizaì, ò il terao nostro corji;itf,'j/dino che <:;id<, croi •amili i ';ui (nomi verranno iattori d'oro nel libro della nostra ^lun.i, sono i fiori più belli che s'intessono alla perenne corona dei prodi di nostra, gente;. Santeramo è orgogliosa per aver (luto loro i natali. Coni lori ienze alla famiglia del prode caduto. Corriere di Treni Corte di Assise TRA NI 30. prima, quindicina, di quei»e, cho avrà li.ogo da] •ro p. v., contiene !e seAlla aiglierc proviti direttore del > IÌIÌUIMMIUBULU :. I nostri militi della "Croce Verde,, al fronte _ Ai dirigenti della, Croce Verde di Foggia, è giunta la seguente lettera: «Con questa '••'* •• :•'••••• •':"• .:•• ; del nostro silf.;. stiamo sempre ;,..;... i.,i<,.j. .. ,,„„,;. ...aoggi, dalle trincee del basso Isonzo. mandiamo a voi i nostri fervidi •••'i!;. Noi, sani ed intrepidi, sfidiamo • o u. fronte alta, senza paura; i ••. lui mai un brivido ed un fremii ;è lo guardiamo con aria di snp.^....^.,.^ e di sfida, come se non. ci trovassimo in ore di ^battaglia. Confidiamo di ritoma*circlecopyrt paghi del do\ero compiuto, nella nostra città, portando con noi i ricordi della vittorii, e facendo sventolare radiosa la, nostra, tara bandiera, Che nói, con animo pieno di gioia leveremo in alto al grido eli «Vivi, l'Italia! viva l'Esercito!». Baratto Giuseppe; Già'Iella; Barrella. Da Margherita di Savoia Funerali per un eroe MARGHERITA IH SAVOIA SO. Oggi nella Chiesa f .anno avuto luogo solenni t1^,.,.,.;, , ..; suffragio del giovane studente, Luigi Russo di Giuseppe, soldato di fanteria cho ha offerto eroicamente la sua vita, in olocausto alla Patria. Abbiamo notato la presenza delle autorità locali, di molte signore e signorine, di molto pubblico e di nn picchetto attnato dì guardie di finanza — al cornando di un brigadiere — che rendeva gli onori militari al catafalco, eretto appositamente nel centro della Chiesa. LrBCCls" Saluti dal fronte Dai Nitovi Confini 27 luglio 3015 77» tfrwppo M Aerostieri Vu^licnì, appartenenti alla 0a Sezione Aeroslalicu da campagna, inviano i sàlnti più nffetversava il binario, o Barebbe sta.ta mente '• s»' l.i prontezza del Capo Dei" , •. Ori tettimi Vincenzo che guidava qut:l titano, non avesse una volta prevalso ad jigiro in modo dì arrestare prontamento il treno non ostante la, forto r>endMiza deH:! linea.. Oa Villa Castelli Ingente furto .VILLA CASTEIiLI, 31: "Di notte tempo, i solili ignoti, dopo aver scavalcato un muro di cinta circlecopyrt scassinata la porta d'ingresso, si introdussero nella abitazione di Goliaudro Ant<mio, o da una cassa, rubarono lire 7000 in biglietti di Banca. I carabinieri, informati del furto, dopo le prime constatazioni, hanno proceduto allo arresto di due individui, sui quali gravano dei sospetti. Da IV! aiti no Furto MATINO, 31: Da, persona non anoora. identificata, il 8igor>r Quintino Giovanni, fu, l'altro giorno, ai]emerito della, somxna di Uro 2500. I sosputti del <;<».rnbn!o, però che ti erti, •• no.. Contro < , . . dati sospetti. ÌITO su persona arante il gior;iao i più fpaDa Campi Salentina Assistenza Civile CAMPI SALENTINA 31. comitato di assistenza civile, in, questo comune, idi dl la presidenza del Abld tuosi ai patenti ad amici. caro far presente che è fiorirla 'la nostra salute e vivìssmw il nostro entusiasmo. Cap. magg. Madaro Salvatore (Novoliì Soldati: Miglictta Salvatore i Trurmzzi) — Ix> Stirdf> Onofrir» (iU:n'trii'ila) — Parato Co ' •"m.n<'5iviila, Fontana) — "J\1. . s Salvatore (Novoli) — Di L<io Vincenzo CAlbatoura) — Piani Marco (Alessano). Corriere di Lecce Gli esami per dame infermiere nella Croce Rossa LKCUK, 30: MXA. 1 Torsera, uoi loculi del Comitato di sraioir; dcllu, (Jrocn lìossa, ebbero luogoi giudice del mangiamento aw. Abelardo Lxw.tezì. 'funziona egregiamente. La sutffOscrizioiie per quote mensili ha dato lusinghieri o soddisfacenti risultati avendo raggiunto fino a ieri la sonuoop. di circa lire 1300. In questi giorni poi,. l'avv.,cav. Pietro Calabrese, per impinguare 51 fondo dello offerto per una tantimn, con atto geiicrofio ed encomiabilissimo, ha donato nn vifceàlino da Latto dnl quale il Comitato sì ripromette ricaviiré una' discreta somma avendo deciso di fare una lotteria con premio del vitello al vincitóre col numero estratto £ sorto fra mille, corrispondenti ad ai trottanti biglietti che si è quasi certi di collocare in ragione di lire 0.50 ciascuno. Ieri sera intanto, lo stesso cormte..U>, iniziando l'opera di distribuzione dei sussidi, sii proposta del presidente, ad unanimità, deliberò di erogare |g. favore del Corni tato regionale di • Bari, della CroCft Rossa italiana, lire cefifto mensili a cominciare dal corrente luglio e di continuarc tale erogazione fiso a che persistano In condizioni attuali del bilancio. SitKvramcnt^ e vivaarvento plaudiamo all'opera, flMI'nw. Lucrozi « di tutti i membri d<?l Cr>mit.*i.to che con ulto spirito di abnegazione e di sacrificio portano tutte le loro cure ». prò delle famiglie bisognose di coloro che, sui campi della gloria .crwtwt t«rvr> f Vincono riti nomi san ii rit I' •••• dello. Patria. Da Massafrf Solenni fniriii si \m\\ lo per > Ri g ancoiia venti anni, tatto fiiooof e ii per la santa gujaria; ,, Capo fratello, Jmentcirclecopyrt i nemici oéctooo. Ti gfcrrm* 18 facemmo 1500 prigionieri, e*l K> OO5 nostro reggimento ed in compagnia fti tutti i paesani oravamo in zae7(zo. La nostra mitragliatrice fewì nn faooo d'inferno. ed io col tenente demmo l'assalto SOIIB mitragliatrice netniaa, ed io me la prei;; <ìa im sergpnto maggiore dei loro ohe ni' dette la mano e gridò: «Vira, l'Italia», i oosì fece anche il tenente, che ai abbrar ciò col tenente austriaco. Io corsi dal nostro ooknmello ocirclecopyrta ]&' mrtragliaArice conqtùstata e col sergente maggiore. Il nostro oolonii^llo mi baciò; anch'esso. Caxo fratello: finoia tflrtfto va beno edi to biim dì lte h2idì alte, mamma ch2 fraiello \ io sto bonissitno, pregasse ger xxua. Cronache tarantine visita isiiì §ÌD. Cerri 8 Eettd» ai cantiere navale Salerai TARANTO, 2TÌ '' . (vistato dalla cenannj Giorni or soneo» il coiua^iclajatcirclecopyrt dcHa pi&n za snaiittiina, S. B. l'animiraglio Oc~.n, » fii[ E. l'on. annmiraglio Bettole, si recarsi al locale Cantiere Salerai e gpani gher. AD'ingrfRso principaj'" del Cantiere fa* roao ricevuti dal signor Dario Salerai, tìaj direttene tecnico signor .Guglielmo Galli, Glanoo TSsUemi e.dal canr. I due illustri arotoirapli visìtarcao fca«iente le officine "ed. i >neravi<rìiosi nari, e noitarooo, ool pili vivo to, il 'modo iaappuntabUf) eoa eoi il Gaatiare sotto qualunque rapporto ed ì| sistBinn. di larorasion»» sec«ido la, tecnica Jao^ derni», e le ultuiuo naigi;ii2ie[ ,circlecopyrt Ì licirclecopyrt LL. KE. Orjrri e Betfx>lo, otm q che li disf" Tiaxoao tir la loro al gettai' te signor Salerai Barn» Ancbo il paese è lieto deli» visita itìfctei,' <l;t, <iiw< rìsi più. •«a.icwosi e lyiù autorevoli vcomiriapli dell'Asolata italiana al O.au)i«ra 8B) lerni o Spangher, p^roh* essa, dimostra lui (inalo alta oon.sicteKMdow. f> tenuto i'antìcoj Sfeobiiiinento »nv»1p di. vai Irfiporano, da ooiì sortono imporbantissimi lavori, aoa secoarii' a (quelli dei primi rinomati Cantieri, rnywpiilff del Regno. Dopo l'ordinanza del Comanda p«r la protrazione di chiusura degli esercizi S. E. al vio&^uasmiiaglio Cerri, i.:;i.tui delle ii>;irm He! [ t:\ano aUeso al.•pnrlite dai clot•' L Teodoro t.t: Coiui'.;iJ < lì r «te < 15 i,\ gueiiti citu.vc 1") fifffcrnbrr: Pedona KdtKirdo tìi Corato. liut;. 17 aicotti n;i. lonUirio. Difensore aw. l'jifcjiiia e: Cro• Omicidi1) per "ri. uvvf«%'iti • CitV. Lui.... . •!!Jx^cc, Prc^kicnU: ; tuneutrf colonnello Udii" ct.viilkr* jirof. K<^bastì;i.• iovo medi; I;. Michele '.':i;C: Rossa, Pepe medico ùolla, O. lì.. UÀ; i; dutfc. Domenico sotU> tenori' dr!!a O. R., Verderanndj dott. iiruiaci'.' si'itotenente farmacista della 0. il. Le signore e sÌErnorìnc clic si presentarono agli esami, risposero molto bene allo, floraando e inoltrarono di :ivi,r i'r>>niienta,to il corso non assiduita o profitt',. Tutte riscnspero quindi nvrrtni.i <ii"<'i <i;i]la cotnmissionc cs'iruinatn <> l'approvaSi g n ori ne : l'ep« tuta., te de! ?•• 11 i hnn ' (?.!•(;. litari. : tutto' il f< folti intr» • dai'due cmblc rofi reduci vr> licenzii : eoio. Se;;,! Il r.'irilettn • • od liio riilil'i' MASSAFRA 30. nceri ^on^oiata di Sanili hrri'iì .solenni esequie l'i •.:(terra.. ':i iiiMversnrio d^lla mor> e. tutto il. clero rrwsn solenne di 'ifori.tà civili e mine fon le bandiere, •eligjosamente rac•>. cne ora avvolto l'atri a e della fìlo• n o. la palma. • ? di picchetto ,ìrlS nostri vnloi pò (l<:!.l'nnoi"f>, in bre(; ' C<n<S. ^f'.^MCf'. Viriocibili. perrht; ••biscitaria deliri Da SV? otto la Varie Nel n «làmio i "OTTO!,A 30. "M. HVM.UW !•••a. CAÌI lotlcvi .!<ffi/Ii fì.l Cili' •Issi.sten/. •i ."UDiini Da,. iole r:i:insi> <••, !,•. (: Teresa, Conti: Aciuita, ,U>: OIUHIÌH; AI del", Do ' Mt> !•!'. s ai gir iato che •|iddio pr."Hif.dita.t ' ra. lesioni e • <ÌJ Caori, ave Tarau ti uo GaeSalvatoro. Bluetti •thio 8alv; o Da:Ui. Omicidio per Difensori, aw. I <M.tenncio i pnuti fi In "J<, Clcmentiua e ìu IfJoinì Teresa, Lippolis Fanny, Dopo ot 'Andame .'ai, pani augii Parco a al J; 1 dam<' Di ilari Vùiceiizo, Turi iirl?:i Vitn T.r.<:ir,'r.: ir. presieduta dal cu.v. fJ'AUii eanoellIerG Mitoio, i)iuc«. a tùna.tori •a,i'o . >Trl i qu. dai i valli.1, I'U"I,I,'ÌI;IIII>, .) « varrà o B;i.rborio. Gl'incassi li' " • '" por sera, sono Comitato di ;H'bnSW). •.vi i ii,., Yamo •.croni. Ladi ciitsi bO lire • allTi Cassa del te in eapo della, piazza militare, con recente ordinanza, 'ha prorogato siao alle 23,30 l'orario di chiusura dei ristorantì, | caffè, <ìei bare e <tei negozi di commmtiw bili: ba pure permesso che i teatri e le aaru le dei cinematografi rimangano aperti stnO] stessa tua. Par tale concessione et aajj la. pioasiaia apertura dal Politeama^ AHiambra col debutto d'una. iBipoiteutti» Cw d'operette. . Per lo sgombro delle zone di mare; tenute dalla Società degli ostricoltori' Circa un mese fa, il Comando osittuiro •*•' cordò un perentorio alla Società ostricolbo4j per lo sgombro delle zone, di cai la Society medesima è.'in possesso senza la rinnovaaslcirclecopyrt. no legalo dei contratti. Tare ora che, essasi*! do scaduto il detto perentorio, l'autorità mi4 litare iatenda procederò maoo annata itó sgombro delle acme in jjojola. Al riguardo, stamane, il eottoprefetto J uff. Bonfanti ha lung?itnente eoaforito otì^ presidente delia, Soraetà degli ostricoltori^ ing. prof. PelJè : però non si" coaosoono gl| ut^oordi presi; si dice soltanto che ì soos più influenti della Società medesima abbiano chiesto al Comando militare tma. pro> roga di pochi giorni, ina ohe però tale prò» ioga, aempre stando alle voci che corrono non sia stata, accordata» S. E. il vic.eananH raglio Cerri tien fermo a fare rispettare laj sua ordinanza, e perciò le zone dovranno e8j sere sgombrate senz'altro. ! Unico deposito il carte di parati dei Casa falaìreca il Torino CARXOlIkRIA Modesto Damiani BARI —Via Piccinini 100102104—BAR! Vììagazzino ingrosso e dettaglio a questi al Corpo ti va. bra'. le 1 •t. Gabinetto per la cura delie malattìe di Ottcciìio Naso Ooia Bottor Luigi Pomari Specialista, .qiit A.= ?i.teuio nella I\. Clinic* OtoI.MrioLari' : " ' "'".iiversità »^ Napoli, "V.'ÌÌS1!! ''rovinci&A^ Apicella. p^i ìSorcioniuti m ìttoitetta ha ripreso l'esercizio proteiésiouale la Via Principe Amedeo 8 Bari VisiteCHu'eOperazioni ognig k dalle ore 8 alle 12 ditlu, jtostro concìttfidino, <iis~o flclla impurj di.sUxnl.<j diilLi _<;Ut,i. tanxy. delia istitsuzioa» « U«i aobilu ufikiij 1 ìàd H'OBicipia, piarlo il l'reietto, laiattie interne II Dott. V. Mastronardi già medie* chirurgo negli Ospedali di Rpnia cori numerosi diplomi di perfezionamenj to, riceve per consultazioni in malal* tie interne dalle 11 alle 13 in BM Via Melo H. Domenica 1 Agosto 1915
ELLE PUGLIE ANNO XXIX Bari: Corso Vittorio Emanuele, 102. (Conto corrente con la Posta) Per annunzi ed inserzioni riuolgersi esclusioamente all'Ufficio di pubblicità dei Corriere delle Puglie •• .— Via Sparano de» Bari, N. IO9 ===.—•= PREZZO DELLE INSERZIONI spazio di Une* dì 7 ponti — Quinta pa#m 4op« ubrica av*#tf1Coomilicatt|' a ostate, { i Le nostre operazioni dallo Stelvio al si sviluppano metodicamente e sempre a noi favorevoli II comunicato ufficiale Roma SI 'Bóììettìno JV. 66. Dal Comando Supremo. 31 luglio 1915. Nell'alta Valcamonica il nemico ha rinnovato, nella notte sul 30, l'incursione già fallitagli il 15 luglio contro le nostre posizioni presso il Rifugio Garibaldi. L'energica azione dei soli posti avanzati fu sufficiente a ricacciarlo. Nella medesima notte, in Carnia. nuclei nemici tentarono due volte l'attacco del monte Freikofel. Furono entrambe le volte prontamente respinti. Nella giornata poi le nostre fanterie, validamente appoggiate dall'artiglieria, iniziarono nella zona del Pai Piccolo, una ardita offensiva che portò alla conquista di una forte linea di trincee austriache. Il nemico subì perdite assai rilevanti e lasciò nelle nostre mani alcuni prigionieri. Tuttavia nella sera, ricevuti rinforzi, esso contrattaccò verso la Colletta di Pai Piccolo, ma fu ancora respinto con gravi perdite. Sull'lsonzo le operazioni per l'ampliamento della *esta di Ponte di Piava si svolgono con successo. Distrutti estesi tratti di reticolati, la nostra occupazione si é allargata a sudest Sungo le falde del monte Kuk e nei pressi di Zagora. Nei Carso l'avanzata delle nostre truppe va ora urtando contro una seconda forte linea di difesa, preparata dal nemico ad oriente di quella da noi testé superata. Ieri, dopo un'efficace preparazione col fuoco di artiglieria, fu iniziato l'attacco della nuova linea. Yennero compiuti sensibili progressi, specialmente al centro, ove le nostre truppe conquistarono alcuni trinceramenti e presero trecentotrentaquattro prigionieri dei quali quindici ufficiali, tre mitragliatrici, molti fucili e munizioni da guerra. Firmato: generale CADORNA hessa . abbia avuto danneggiati parecchi | pezzi e abbia dovuto ritirarsi, trasporj tando lontano quelli che erano ancora in (•condizione di sparare. Sull'imbrunire il fuoco cessò e la fanteria ebbe ordine di marciare «H'assalto. Ixnpetoasamente i fantaccini arrivatalo nella prima lìnea delle trincee nemiche e le conquistarono. » Gli austriaci si ritirarono in altre posizioni.. Allora noi uscimmo dal nostro riparto, e botto la guida dei nostri superiori, cominciammo a svolgere la no* stra opera. Avevamo tutti quanti il bracciale della Croce Rossa e poi una grande bandiera bianca con la Croce Rossa, distintivo visibilissimo. Ma ciò non ostante gli austriaci ci tiravano rabbiosamente. Le conseguenze non furono molto gravi Non avemmo morti ma parecchi, tra, i quali io, rumano feriti. Il fuoco non durò molto perché i nemici furono cacciati dalle loro posizioni. I cannoni, un paio di peazi solamente che avevano lanciati contro di noi alcune granate, furono completamente smon tati. Dei oliali binaci jrigiiiitri natili ma sono riacciuffati (per telegrafa al Carriere delle Puglie^ TORINO 31. Due fra gii ufficiali austriaci, che sono attualmente custoditi nei nostri forti del colicirclecopyrt di Tenda presso la frontiera italofrancese, riuscirono a evadere grazie al vestito borghese che indossavano. La loro gioia però fu breve pecche un Il Partito Socialista Italiano Coscienza Nazionate e gli stranieri Ilii liaiifo di mirai slranisra If? telegramma da Tenda cheg due ufficiali sono i?tati riacciiiflhXi. 11 Altri ufficiali di complemento ROMA 31. Il giemeiale medico Penero di Cavaller nella Direzione dol Partito Socialista *enm. badare li aflinniiisui ili DB giornale frara (per telegrafo al Corriere delie Puglie) che ujj ..' intani ente «il 'artito italiano >• <.:nu sarebbero state di contribuire :i. rinforzare l'azione ìiv ceni inaio di mi:"«i IÌ .i u.i meno. Aliodi " aìl0hi ughe) PA1UCII, 30. ' grand enfiiti'> lì Cris do Paria, un giornale settima , socialismo ti naie specializzato nella, pubblicazione di ; singulfirmentc J rftuporo seguì una, violenta esplosione dij colisi» <lie fa il più grande onore ai '•irdì che dirigono il olà. Kssi notizie e rivelazioni sensazionali, riferisce un'offerta straniera di denaro ai socialisti italiani, per sostenere la. loro campagna pacifista: offerta che fu sdegnosamente respìnte. E' bene anche notare ohe l'offerta fu l'atta prima che l'Italia entrasse in guerra. Il Cris de Paris precisa la data: il 17 maggio, dopo la catastrofs del tentativo neutralista, dell'on. Giolitii. Era il giorno della convocazione a Bologna della direzione del Partito socialista. K a Bologna arrivarono tre stranieri, che parlavano tedesco ed uno dei quali, un vecchio, fu riconosciuto per uno dei decani del socialismo, noto per la sua partecipazione a molte riunioni internazionali. I tre stranieri intervennero in seno alla direzione del Partito ed il patriarca internazionalista pronunziò un discorso di caldo elogio por i socialisti italiani. E qui lasciamo la parola al Cris de Paris: «La direzione fu espressamente lusingata nell'apprendere ohe l'intero mondo proiettano, salvo, beninteso, la maggio1 ranza degli unificati francesi, ammirava ' ed amava i «compagni» italiani. Ma ecco il Patriarca dichiararcirclecopyrt Inaspettatamente che uno sforzo così bello meritava, di esser sostenuto e'd aggiungere che anche fuori dclì'Internazionale, vi erano degli amici delia pace e della fraternità «mane che ardevano dal dedi.!,:ivo che le convinzioni che li «vcvjno animati ^ino ad allora, potessero ersero considerate come una. mercanzia da vendere e da sfruttare. Xon putendo prendercela col Patriarca la. cui grave età. il cui passato e forse anche la buona, fede ne imponeva loro, i socialisti italiani mvitaroiK) energicamente il <: kamerat n » retour d'Amèrìque ad usciru dalla sala, ciò che questi fece del resto senza la minima protesta e da uomo abituato a certe avventure. I tre anabattisti presero il treno j»er Chiasso nel pomeriggio di quello stesso giorno, smarriti per lo scacco subito. Avevano ragiono di esserlo perché forse questa offerta brutale e offensiva e una così compieta, sconoscenza della loro buona fede di sognatori ebbero «ina qualche influenza, e contribuirono alla «rassegnazione passiva r¥iou cui i sooraHtf d'Italia, accolsero, dopo la mobi]it.i.zionc, il fatto compiuto T. H paradosso è tutm verità in ; Quando al disopra dei pregiudizi eh* tengono avviale Te intelligenze, degli er~ 1 ror' tollerati per venerazione all'antico,. degli abusi dei pubblici potc; : ••'• • figo una Verità, per consegn • • battuta, derisa, vilipesa, voi a.» paradosso. Diceva Cicerone: «... qui,, admirabilia. contraque opiuioneoi o. ab iis paràdosa, appellaatnr.» E' ì, co che si accinge a diventare ftiri'alia^ il piccolo genne che si faaà tronco or, goglioso, la favilla, d'un incendio, la lo», va d'un destino. Noi eravaoa» oxa tnrb» tìi ^ in lotta contro un governo Tisoafc. Chi' analizza, nx>n dewe nsam circonlbcuzior.i, ."mentire a sé stesso ed agli altri • •" : Timo dei contribuenti ribelli, n.r ili fede nell'impiego cJie si ; nostro denaro. Battaglia ed era di trinoee, di agguati, di gaz . nm Leono è stato messo, come annunzi» il i (1'rio r'; aiutare anche pecuniariamenttBoUettino Militare, in. disponibilità. l '"•eia.hsti italiani. Scaza scorerò, fa fi comando jrejierale della Sanità è stato per ora affidato ai maggioro generale Claudio • Sforza. Lo ?tc«so Bollettino contiene ta nomina a ufficiale di oompleaient» dei professori "De Lollie, Salvtxniui, i'on. tìni•mond», Luigi Lodi ex direttore della Vita e, del collega. Toiletti. li pi^iijuo dei suoi uditori il Patriarca presentò allora, agli italiani imo dui «noi compagni affermando che questi siveva, iucontnito uelle lontane Americhe delle'posta la quale si prestava a gravi sospetti del Partito Socialista ROMA La Direzione <1H partito non so scirclecopyrt i mezzi fossero p, timi da una parte o dall'altra, qiuik» d«n fini, pagare o wo, fosse più aurfbigucirclecopyrt, roa è certo ch« la term "d«l Diritto lift aveva, creato uno vergogiMeosncnte »TTR' zionaJe circlecopyrt cavilioso, quello fiscale. Ad mi tratto In, lotta è ces«afa. Trr la primn, volta il Governo, ad un fitse ch'era nella f'1" ^"13a turba diventa.!"», popolo, le ha. • • iKmaràtmente milUi, duemila milioni e ii ha subito avuta*, e so allo stesso fine chiedesse dieci mi: Haa*di, e questi fosforo il supremo «B.«.. crificio degli nltiini averi privati, TI &vrebbe 'del pa.ri. Lnscìateiuì dunf|ue ror,statere anzitutto questo fononi min ali;; lurtit tocinlista. uf ficiale, in risposto alla pubWifcwiane del mente conmjovitore, subì. di bli tusuamo dei n«str, eserc p Cris de Paris, ha deciso di pubblicare l tusiasmo dei nostri esercì'Cris de Paris, ha deciso di pubblicare _ il verbale della riunione cui il giornale sfc?: fiotta: l^meglaawn» delle lolìe «tfraJ««« a<v.fiTiTi» taAine e contadine, tanto p.« n^t^r^francese accenna. Kel verbale è detto che una signora, di Chicagp, di •:••' ' con Camegia, offriva, una 'fori •> per aumentare la prop '• • piwiiiia nel partito socialisti! età,. IH respinta. <Ì fu deplora, ii'flic .si fosce potuto f.iie una proUlna ila ni il fallito attaccosu Pelagosa ROIVIA 31 L^Agemtfa Stefani,, comunica: < In Austria il fallito attacco all'isotetta di Pelagosa è stato definito una ricognizione per la quale graui perdite sarebbero state fnflitte al nostro personale di presidio, e fra questi il comandante ed altri ufficiali. Sta di fatto però che è stato riceuuto 11 rapporto dell'operazione, firma» to dal comandante, rapporto doue è detto che noi abbiamo aouto soltanto due feriti; non ufficiali. "fi* poi quasi burlesco battezzare quale ricognizione di una piccola iso* letta* che apparteneva prima al nemico, un attacco compiuto da dieci unità nauali, sbarcando forze numericamente non inferiore a quelle nostre di presidio. Centi sono stati ripartiti i rinforzi ricevuti dagli austriaci t»«r telegrafo al Corriere delle Puaìle) GINEV.1U 31. L» 'Tribune d« Genove ha da' Lubiruia: Sull'altipiano di Dobcrdò gH "italiani. ( per ^ poter procedere ai loro lavori di ' "Jrtiflcetzioni, mantengono un • fuoco di fi.rtìglieria intenso coatro lo ])Ofizioni i;e1 iiiche. Dal 17, Su. uu iVo.'iir «H J2y chilometri, gli_ Italiani himno aviuwato .per cirea 7 hil l'TwMi/o P 10 sui restanti.'« «nilometri(Hi oafcoL'i gli austri <:« 80 Imi Dal 'IH '•OUtiliUtun 'ti'oii 15 srioni > coni del Ì'J/.HJÌO Pa un ricevuto nitri . vìoi(.nt«. ripartiti ootnp segue: T)HB divisioni sul fronte Piaval'odgoni, una ìli visiono e mezzo, sull'siltipùuio di Doberdò per difendere Trieste, una, «ìivisione su MonfaIcone e ima riJla, onnfluenza. (lell'Jsouxo con la Diina, al fronte austriaco ivm telefono al Corriere delle Puglie) K:MA 31. Il Lokal 'Anzeiger riceva dal suo corrispondente al fronte austriaco In, "hoche l'attività degli aviatori italiani è grandissima. Essi cercano sovratutto di tagliare le dietro oomunicazioni austriache per ferrovia. La loro straordinaria attività si è^ segnalato, più specialmente nella regione di Nabresiua. K' la prima TOlte che il giornale tedesco si occupa dell'aviazione da guerra e che ftnplici barn ente uè riconosce l'efficace attività.. GII austriaci sparano contro fa Croce Rossa (per telegrafo al Corriere delle CATANIA 31. Il soldato Fortunato Hfarietta, ferito, scrivendo dal fronte, ha. narrato che gli austriaci, costretti a sgombrare le posizioni, si vendicano degli scacchi, che subiscono sparando, contiari amento ad ugni oonsuefcudine di guerra, contro i soldati e gli ufficiali cui è affidata una opera di pietà, opera che essi dishnpegnano nei riguardi indistintamente di tutti i feriti, si;mo italiani die austriaci. lì MarJetta tra l'altro ha detto: « .11 riparto di sanità., al quale io appartenevo, stava dietro le Irmeee occupale dulia fanteria sulla sommità del monte. L'ungo In costa erano lo powi/inni Tiemichc. j rasi .'.io ni foltissime. J lato dclhi ii.iti.ii,. '!ì!!;> 1;> "iljfrì ,,„,., ,,,r I( ' f>P«io fc.' qmv.,\o il ad un troioo sergente di Corata ROMA 31. F~nj 1P rirto(Hipens»5 al valor militare. oonoease <ii motti "propria dal Ite, è quella a Tomasiochio (»io\'aiini da 'C'orato sciente dei granatieri che >nrolontariametite, sotto una raffica di fuoco, si spingeva in cero» di due reparti dei quali si ignorala, la sorte. Sebbene gravemente ferito al jiotte, da,j solo rien.fcrava in compagnia per j.ortarc: le notizie richieste, soddisfatto di aver compiuto il .suo dovere e gridando Viva l'Italia. Trasportato nello barella e. l'a.t*o meglio ;J, fuoco u<:rniui volle • .•• o rioiandare i parUi imiti pcj sporli iautilinentc come egli diceva. giugno 1915». ;;o w.tf«' apri <lru";'> (|ili> '01 t vo le trii t' l:i moi'i sse sui piiu •'•'••' •"• 'LI COlllllli '' ) ?: !|!aniento • fu leirione. scoppiarono proprio den'iiii;iiii!«> la iì nemica rispochc Por la comma it della milìzia territoriale (per telefono al Corriere delle Pugli») ROMA 31. AI Ministero della, Guerra, sono affluite in gran numero, e continuano gior.natmente a giungere, numerosisisiiue dotoande di nomina, di sottotenenti della milizia territoriale. Sta di fatto elle qualche l aspirante ha dovuto attendere un periodo di tempo che pi» essere sembrato troppo lungo e ciò ha provocato mjrmirose raccomandazioni e sollecitazioni in alcune delle quali è asserito e deplorato che domande presentate più tardi abbiano avuto soluzione più sollecita di altre, presentate in antecedenza. A tale proposito è utile si sappia che si tiene rigorosamente conto dell'ordine cronologico dell'arrivo delle domande al Ministero, * purché pervengano rego laniiente documentate. Quelle invece che devono essere respinte o che danno luogo a carteggi per incompleta docurnentaiàone prendono il loro turno allorché sono perfette. Si sappia anzitutto eie le domande non devono mai essere presentate direttamente al Ministero ma. bensì al Di. stretto Militare, dove f»H interessati potranno ricevere tutte le necessari e informazioni circa i dk>cunicnti che devono corredarle. E' altresì utile far conoscere che le nomine di ufficiali della territoriale non sono nel numero liinitai ho so furono sospese nell'arma di .cria o dei corpi del oommtósaliaìo e di amministrazione non vi è alcun timore che ciò abbia ad accadere per le .altro anni o corpi. Gasicene chiunque, avendo i requisiti esitt h \ ià ft l I CIUM itili talÉia alla mm CATANA ARO 'Ai. (g1. sai) T dolorosi mcssitggi ebo cjnotidiaiwnneiit/O. ci giuugonii <la Ifissù. dalk terre nostre consacrate dal nostro saujjuc ci portano i nomi di quelli che uou ci anno più. Sono notjzie ehcirclecopyrt lacerano l'animo di tanta gente, di tanto madri, rii »;>>'»' "riioi., rit:i. 1:1. di cui fortezza! rjti.fi<fii tniMMf/i;;i iii'.'jMia, clic potrubiic ìa.ru iiòcko dalle labbiìt «il coloro che sou [n'ovali <I;il dolori", qiiitlclie malodiWell'Esfremo Oriente lai co !• • • IJI'Ì. lOlMt lini'ili' fji.nno pur w)i , fhi" lij.niiii ;in'"< c;)IT ) n usi l'i u Ivi >• ,1:11)11.1:1 di <''"ìi. Scalta; • di UH. fnuit nopoli fios Quel che dice l'ambasciatore de Gier» (per telefono al Corriere dells ROMA ',o rii Ruf.>ia, si inquiij]t;.fx*hè gàungq attraven' to di proterva rtb<'nì«?«» Ma lasciatoai • • . • ' StreJ é considerare oome sii I^VISIPÌI c.hrs noti" si franga più, eces» s>d mondo la questa, sfmt». ootnuniiorie d.'in'< :: • •<. Stato ed il popolo. Swanrv dr • . ieri ad oggi, noti • • ! <»scieri2& che sì ...... • . • verno e .popolo debbono senti n% ^ parte, ebe una. fpRMMÌe wasdono r . a.vrr base nel fiscalismo, • ' «a per la propria, staro t* . •: , ha. birogrir» delia. «ooK^kme Vii i •• wut'i a,btjmi. Dobbiamo 'Cwisoiidaxe fa. •.«. ijoi^ta, da.r valore. aJl'opeua. oacapìnta, •<>• ITI.! ufi"" —~~~ 'ino spìrito d"; " ti'va, d\u • • 'no Sformo di • e dì bro*•':'•!•• Tn.m irtene» 1/aiBl •. Giors, < l'alle;.!n/.a. i Fin <\;\\ ]>!l.i>r\ di rnor De lato KUIguerra, oui|'if.'"i egli • • •'<•:>. il. (•iappiiiie e la Eussia hai: )i!a'i> i vim.nii <lella loro ami' • • iì jinui <* unità di i • • .!••••• definiiìvarnente <;ÌIÌÌ^IÌ.'H«> kuit.'ini e doiorosi rieordi. liifiiii i! <;i.!n>viMf ;ì tr'.)\a attualmen•ìi la Germania, brillanti opera, Coskjehè, an•iìA.i i,i. •..(,.• ..• proprio trattato, il Cii.tppone •'• alleato della Russia allo moriva il Hs luglio col .sorriso della, sua| stesso ukAo ch« lo è l'Italia: la lotta gioventù sul volto. Ci raccontano che «;ra dui più aril primo agli it uoati'O Giaeounno dimeutosi, ch"oi\i assalti con cui aveva, vecchia. con la guerra di Libio. Ci raccontano cAi'tvAì nuel giorno, nveva sproiiodi. i «noi cixmpagiii all'assalto e clic uscito ultimo dalla '(riucea, dopo aver con lidi motti e eoa allegri incitamenti fatti itóeho tutti, cadeva all'inizio dell'attacco colpito in fronte da i contro il nemico comune. palla austriaca. Ma cuwri, il giovine concittaTi COL; . vitali i;. possono la 'Ru'sia. stretti Ili '• minacciati nei loro ' * so nemico, non • ,:=<! medesima e indino Sa eroe e ciò è bastato per conforto per tutti. Tutti, capevano *|;fio il samruo catnn1 zarese non si saj"elwtì saieutito ir le lutiti gloriosi1, in lucci i, il tano Scalfha'o e del d';4 oapi("tporalu Giacomo Sinopoli sono una ]ÌV, itra. L'1otiosa, di stos*mguc capiù inulte terre nostre. ria ili t labrese liauno s'.j 111/>> co! (per telegrafo al Cmriare. dalle Puglie") ZURIGO 31. Si legge ix'll;i. fra.rs'ia di Franoofortc: II giornale tic; • • '.; S^ra) da Bucarest aiinunzia. • tampy preca lu<uv .. ' •' > ' ";a <^li interessi clli' )la.!i.:i.rii. '(.'osi il grioruaJo ~y.itl'.nli.<". dichiara essere, impossibile clic la Grecia assista tranquillamente all'occupazione di territori slavi da r:;r!.'> dell'fi.'iì;;!, Lmc.dir ];<. Sorhi't etima ideutifii <ìi vedute in questa grave e terribile or;i che sia toavagliando il mondo per colpa della Germania e dell'Austria. L'alleanza, dunque, di fatto già esiste. L'ambas(iiitti;)ré è (passato poi a (confermare, la aua fedo incrollabile nella vittoria della Quadruplice. Le notizie dal! fronte italiano provocano in Russia ili più schietto entusiasmo, e aumentano i i r ti dì simpatia e di ammirazione i Ma sempre nutrito per il j ìa cui turione ha rilievi 1 \1 "Oovernw bn: fmmft, trnt^fe» centrare gelosamente xa •"'• • plina> «wnomica, ni « voluta di questo organìano oonie se bmqxie t\ì\o *i\ fanietn.o V.i 'iì meccanna. enrorow rii» ridicolo • ;•' tn" ispettori por biaan.o l'interesse delte. cr> .deve •inveccirclecopyrt ridurre qii«".r alla sun, pift semplice esp';x ••.. I mezzi non nstaeotino noi al no?" ne. la coscier<.7ja, tutta nel P;i.ili noi nnr'ì.t pubbl* gra,nde7,i,.i. «.,^i,wini costituita da mille e m. 'noTìfrue. una Scv'osservei" in su lo sviluppo* agri col' .strie e dei. commerci. Pi qnn&ta, eostitunioìie socàle, io Stnto vn promotore e sindaco Nazione ohe. deve fa.!"1» !••• :. . .• : Guai a noi ?*• ' ;•« confine f»»1 reitiiK iale, e guai a, noi lìti: q prescritti <> rh« \Vx q fatto regolare i ^ regolare doanandu, «iant «* suo tempo nominato fLidl Lo >• t.'itia. itolieierà i ì mente da quando, o.\ lata, li t'ode ai trnftn.f.i '«> Balcanico , som) imtÀw meno ogni giorno più efficaci e di grande, aiuto alla santa causi per cui combatte, la Quadruplice Tntesa. le dimissioni de! ministero giapponese per gravi accuse di corruzione (per telegrafo al Carrier» dette faglie') TOK1O 30. I < di corruzione, portata contro il V; . nura, ministro dell'Interno in ooc.f ! periodo elettorale, produsse DI. , ^ impressione nei circoli i.'ii" i'~;i f'b!"' W'\ '•<">']«cgnenza. le diniì.v ;!)Oìt:ttO. L.i, uai . • • 'He dimissioni di Oura, ci: da lunghe riunioni del ^.,ivi:!•••? "io dalle dimis.iiojii di UHIi i ti kliì; hi licito !lillCtt4itO. <+li f. riuniranno probubilincntc domani per deliberare sui. coodflle Uni*'" fi;. >i.m da cui ma s'è astratta. Ilo in odio i • • ti, elio senza degli studi f ' <m procr1»' • • a «sii i '.'••• • ' . • ZC ti • •• dovnu» • "il. • . ••),.. trr, aiKunvi liligauo tra d'i ioro per t'or* inar.'!'!o. ?ià piY!"nrtonrt imriorlo alla .ociali^ Stato. Il mio. veti ìrt: e zione: i!. motore <• 1>UÌ da, Frati ari bo airianperatore. •sta por la corre llkdia Domenica 1 Agosto 1915
CORREBBE DELLE PUGLIE I>MBWB»I» 1m A:$™fc» 19U del CORSIERI BELLE PUGLIE Ryton, II Diavolo biondo (Riprodozione vietata — Romanzo di Jtah Stanco) fn Mal PARTI ?RLMA L tiri «dwfcectiw» i «mmett > io dei d< lift ; oano, uocidono jiSa? fi fauno pi 1 «sniffa, qua uio no/i cn.mmuuivsi quelia notte Inttura volontà rime te preda ad aa oroessivo nervom<nno e, Ire <rV questo il TUO'e un «tei solito. Nsrtemmiam il buon Dio dfl1 inq I'XXU < h » ^ H buon. Iha, nasoudo on poli/io OfliT. pBQBStt* Hb» gli <<onT r 43000 lti • <> cfaP C^ atroci » <3ea»i beot compiickti j'•«Hjfza ' Ja \ct *gfc> ai poliziotto di balle s>pe I bwrr M >»»er e i stiai Rii1 mocci li rato «'"Ili. stia giacca la • 1 <rdf>Uy. Uve» gLA aveva ''tito t stiizia, eh coraggio e eli suo capitano gh avera p >u. „,,,,<. u.i«, splendida carriera. .Inme^, swra forse, rieutacinquu anni, iJm.iino < orsa» poicìn' non era facilr giacucjae letu di quell uomo Alto, torte, sebbene non troppo robusto, avevn tino da quei vm indecifiabili, cho a Volte spandono sulla persona, una stanchezza semlo !• <i \<fìte bnl^i ! uile e j \ ilio brii1 i ntugui. In <x'jt i Bior s<Tnbrava< «li < nqiK niato da \ia'mij>rov\ ! , se ivanile < >stro cn la, n.im a^ da mn di ftfKvza, mit.j< v,». ìiva di ••in borbott»Ta. JIMOMS Farle?, Ja.aua.ad feste» e a M nastra *rr»«ar»3i fsenstat) fi < W cazm3ÌnB.v% lentamente !>..«« iv > tascate A te* parte 1«Ua poilzn, N". >fask è djweaHfe* 1» «jtìsà «i«i "dantnolaéoi « AtilB «sgiià. di &j.at.*Orjs«U' E 1 file <w aa saao dei T>nacw»ai raafrico ' SalSL™ Bel cn+o «Ito nel opto bvs^n « *^ol orti» oogl coni, fjwasnto njarciinn* ' 9 Ih drìjnjqn«nm elei veoobK> mnr 4 watul» » KtabOirsi in America. Ad j tista. niente, mente' Si | JO» TQ«« chc?U portava allo ini pò olpo l"r <o i <rr\,i uv<U\<i il IIMI Ji For '3 ,id Tiri fwseivatoro anche superficiale tuicoc di lunghi *• moJUpbi i viol <n. l J1 tendeva IO ormai più al bsanc» aveva g^li oi^hi piccoli (* ^fu u>ii pruiuudi MIM 1U1 ano < i ni ilessorcirclecopyrt m coloro cui si lo labbia, sottili e pj'li !< s1 iar unente al sorriso: UJ sor«irea<?tico. di nomo nt•^•••rnza, rii Jame* 1 o^loy era "tota •,.•>. i burrai o= i o sutucientacneutt. ro•!iaji/c3ca, come a, suo lemsK) <.rnidiche•• 'io ì jiostu j"tturi * 'o et Napoli, da tin dil'lirn tJOTnn »i<ìt.<ì IVicoLi PorH, effli T!!<I morte .tei pache, non awva (•rpfìifafco die il no ne, e «juel povero ii'itn«% \ or O'CUrt notivi — era stato fla .Tamt "5 stiracchiato 1 alterato in. p irecchie gius»». ^Jo avem, rispettato sempre e njncn1/f> la sola rachcale" e For » di cVr», chmsnato i .«, n (ni IM npo For*'tti 1 ojJm, a* ^ jriiiw J otroann; a i J t or'ey, ultmw ^ariayione chn a^ 'a i iptcìinto t'(h \ci York doie < a. ,_ in da < u a < i <jtt( .mn r^r] !„» roiio<c< \i Li JLngii.i ingl«sflo i|iwato ii'i lijjlio di Albione con J ingcprno smgcilarc di cui la Xa.tur.1 lo aveva. dotato e la grondo cperienz«i arqinstata «tarante ti^e^i^ifnya ei\vcatMro<r.i vp, '"i\a ben .i i Ut ni' d non ÒOVIM ti"ppo il i 11 f JIóuriti, ih v.i i) n Taiibi/ione !a "wi i i.i, i ri una sol i il >ui tu'" que^tet. sua aviditét Idi ii«3Ìie//.<i nuli piovrnim da. un wnf>o d'ignobile \cujUtii < eh t j^oifctiio. Infcantti VÌJOI prvncli<" i tempi mutano uiaae pul pa."iC «lei dollari, \UOL che la cattiva. «Ipila > fia ci3i James si cpedfra | iK'rsojruil?ifi> lo j>ei~f ffiutwp davveio, trii i i il td.lXo ( he (rti motto l^inpo ! riuscì i^n n^so duro p<»l nostro i In < iin^Uu «iiiiii cecidio iiliiì€nc> v^ati TTif tVn t^ntando nrl fm^tempo, con una degna, di piamio, polizia, dove a*fi*n la "rienrezza di potei fo,re caxuer«t Skt niiUe cJiilicorta riovotto superale pi ima di iaggiunyi i» lo scopo FinaJin. n(*• per n/i ccrtri "emno reso al celebre poliziotto italiano Fetrosmo — a,Ilora ew^«atò ottenne quanto desiderava" la "badg"> delia j>oli/w aef^rcta luccicò ilio sptìitito della SIITI giacca ! delJ» .ut ma, e coi pò alla sua p !/pnto,ndo di enml.i, e o di supenaro il s«o prot^ttor** Petro^ino le cui prodezze già sviacitavano ramuniBciaoc di tutti Ala parcirclecopyrt che la ««attiva stella» per*egtribaeae ejonoiu il nostro Janie^, p*rmet>tendo òhe <uc ommettessero «olo dei «delitti * tu pi dissimi» secondo Ja fipicsi ospreasione dfl sBn soliloquio ritento aJ principio di questa capitolo Vel quale James Forley XA«ifc5<amk) bestemmie, Jmnes Forlcy a.ì»eva risalito Csuial Sti^eet ed era giunto ;i fk)'3rery, una delle strade predilette, dove '•ì adirava %olentien durante le ort nottsaxae Tratto tratto si arrestara dinBTrà ad un Irreale so^pHto ed ag'ur/itv'a Vurtrto poi upmiadeva il caamruno a passi lenti Sfoi,1a^a> il suo maininolo ' i v.iorili"n di òhn mrrmtrnvn st?rhi(i sui gradini di qtiakJte )«,ku/,o, m attoggEumìnto pui o mono oontiemplativo o distp^i e aiddoiuuntJiti di grosso li {r.iitng<?\ti .igb "uni di j oppure intuisce «he «ternani 1* miseria, indoceodoio al dalitt», gli .tdere nel pohswtto il «oo più nemico ? Forfey, peicoiogo pur materni jnsuierava >m xòaadiaaate qaal un rt;itìdKÌa,to al delitto. * < i ritro*emno!> — «ca. il aMtoale ch'egli rivolgem di uofato straccioni, ofkraobè li scacciava a date <• St resisftM» un po' è per f chen i ma firmami» col znbaze o eoa agli pepy nei «VJII un f ti «ano poo ortodo*ar> e «crrgha\a gli altri con ped'i*». rh ki"i ia\ ino il 3*^X1(1 I >.)«; ilwm<li [Ki/ittih agli oìtn.tigl e curri i><jtlx> !" ])W twsc se n*> nudi vano «jetizn. prolteru prno'a e svanìvaino nelle tenebre delle ne adiacenti. Si e sempre delti die gli onesti non baati'> .ilcun ttmeo ttella polizia e dei poliziotti: ma vm nvipiio < osi pei oir seraJnb, pei diseredali del cnondo. TTn accatto iti ti«ma sexnprc di rronte a uti pwli/utio, anche quando ha la coscienza bianca, come Paroma d'una fanciulla. lattante ' Forse la sua miseria lo rende viicirclecopyrt così; ss Ueì reatOd «gE trorara gitistìastas» e dignitoso che VXL wcMno, nell'iad^WMa, cercasse eoa ffaahmque BI?X/A> di ragno» ciò tlìd un altro pjwsriede fw» al «a' perElno L'onore ' . Questa pa»la faceva » (inre .ìftrno «>Vn1ey tertte le vtrfte <iift doveva ripeterla con oafaai aoDcirclecopyrt sui» fiTippxbe a «jualche manigoiao. In verità'il suo pesaruTÌsmo eXB> SpS, VBBtCVOlC. f^Ta thè CDWI e l'orrore? Un pré , frmdizn) socra!'» T/nomo na*c« dwoxtcsUj, vale a dfw spregi adi cato; w ta jpax Vowsto 1° f« »ok> per canvexneuza u, per paum. Ptuadetema TmaanD joiù paro. il irro specohio dfilte. lealtà e dell£M rettrbiMÌiBe Scommetto eb^'egii avrà ootn! messo « col pensiero » umunievevoii lui! t, e paxecohx assassini.,... E v*o frtrao difle • rema, moiule » tra il pensiero e MMÉC> • i»? No' — .Se wa desiderio catti*circlecopyrt nonJ si cumpi», Jaon. <" per nriaericwTdia «' ri i dbb p, p coltri oui dantneggeiiebbe, ma per pawr deHa vendetta da lui o della giustìzia .j > X < EHI lEUUB^H^ IZZ3 » x < più. ricco ASSORTIMENTO in lana, cotone M Via ÌEZ3I I.EZ3 Sparano (d 155 imi ertilo iMeg «» iti atw vere*WÌ8YPBILI8 tt i &A.Ì qpedin *l mio tndlIO bottì^M* contro assei «SO prepomto tpenfiro Ll tu thi Lt ^oipitoiUyu eun'ttdt intuite» Anetna. Dinttor* METEO ospedale. ccn i *u!ìiUì feixpre splendidi nel'fc eor« dalla SIFILIDE afs rseenU oh» t»rd'.T 'H tutti i imfdi inaggiormenie m o»o m qnalnaga» modo smnnnistratl B. DNIV1B8ITA DI NAPOU | a, DNIVEBSITÌ DI HAPOU delle mie procedenti oMervMir.n IIXiIS, coaferuo che qw 1!» h* dei minuto cotretaàtgco, esssnio il!«>,r!nie<110. « 'eramsnw efflcaca BeUa era» dei1»_b •noi componenti boa eonoserati e specificati. Il\md«\ •pe'aatoeBte m «laegli mfernu eh* hanno, bijo s»tirto rronorzionare i va »°o <" «cooppiara «J tratt»nj»nto gpftcifioo quello to meo rtoostitnente. Napoli — Vrot. dott. eomm. DONATO CJKBOO, Prof. di Pai. • Chn. Dermo«lfilop«tio» nella Begia TJnlTPrsità; Direttor» d«l v Dii rio Celhco GovernatìTo. , B«1J rs iiisreriienti in tnodo < be ri*t.'ìj gtomachi d*1' m •VM*B occasioni 1 Napolirrof ciunm TOMMASO DH AMI0I8. Uir»ttor<» dell' latitato DermosiiiSopaiaco del' 1» JR. Vmvermfk. 8PDS*< r» dfl B»»no. i rronorzionare i Tato! °r«*a unm i ito ne haatarotonda nello BCOIIO «ano De delia mia Cllnica /«a r »*lle frequenti man/esa.? BBCO oa «• r(>fios.fiJ d« o da » le prubi) vie ieip<t»t< re < •iu.li o*nlah«nntjch»» de C eh» 11 «isrnor D. N. Mi ddisposiiio' emmit Ho tasto l'ANTISYPHILIS tu dos Indi ridai ti da $orra«> secondane aifihticà* e n» ho oonttitato unii pos tiv» azione curativa. Dott. Ugo IMPBBAVOHL iti fifflodermopatia, Membro dalla Goal esaminatrict pel conooriii n«i B<krcnsari Celtici de! Btgno Bto facendo largo «sperimento del iac ne sono assai contanto e coi Per tutto ciò che riguarda la pubblicità del "Corriere,, fino al ÌQ corrente rivolgersi all'Amministrazione del giornale (Ufficio Pubblicità). «• Bag p. DORI or»»*. ••—"•""• Q0m N. 0* Mitarotonda L,. 4— par patta L 4,00'— 'iìmqm m L *> (past%?f*!± ****pato). i Lbri FtocQJ6 9^ vu BapLaboratorio FarmaoeatocQ ± p — Napoli Proprietari di Stabilimenti CASeVILLÉCASCINALI gli mwndi rateati dalleBOMBE INCENDIARIE da arfoplain npnuci. provvedendovi m tempo utjle doli' ESTINTORE d'INCENDIO ' PJLOOK.,, adatto spe< ialnn"nt«> negl incendi provocati da MATERIE INFIAMMABILI. COSTRUITO INI BRAMENTE m ITALJA Cariche di ricambio 'i'UA'l lil'l'I. in caso di sinistro V< ndita P<1 ostmziono in catti meritevoli Adottato dallo II l'emme dello Stato, Presidio mi liiare, autoritì comuni o migliaia di ditte e privati. OoiiUu la ai ATTESTATI d'ogni parte d'ITALIA a daU'EHTEEO a rii^poiiaione. Prospetti fi, richiesta. — PREZZO U.NiOO — bOlAS LIRE S« Per ordinazioni ^^unto adegnato. Ut mm l ii mHEmhmuo hm 1). Anemia Nevrastenia Usaurimenti Convalescenaa Insonni» Inappetenza RISULTATI RIERA VIQUOSI r a base di formiato di ferro « cola l'appetito si risveglia • . H •* ,. le forze fisiche e intellettuali • ~ + rapidamente si rialzano l'intero sistema nervoso si rianima. Questo preparato va forma ài liquore di gusto a quatta e lìmpidissimo è il migliore fra i preparati moderai tonici ^—~*. traenti, raccomandato dai più illustri dioici per ÌA SO* tolleranza e perfetta assimilazione da usarsi in tutta le stagioni L'Od viene preparato unicamente noi Laboratorii». Hugo Petersen e C.° Napdfr Via Roma 418, primo plano. Trovasi nelle principali farmacie dei Chiedere §U attenuati clinia Domenica 1 Agosto 1915
Canzone Italica L'avv. Ernesto 'Mando», sindaco di SanFavero. posta ghiaie ed uruto. ed fuinoa fprvrnto di itn.lÌ3.riit«;i, in quest'urti, grande ,," s^Vtiìif: ucr la. Patria nostra, dando ' nìlh sua Musa. ha. composto • j Ma,;i:rì',c un pocznetl.o ctì» ha intitolato: • ..;ie'i:i. jn t.oSO 1;. ••Ari.ne poeta, glorifica la nu. •''••• Coti versi smaglianti ; • spirito o ai sentimento desaavo ÌDKÌCUÌO «igu ultimi avvenimenti gli episodi! più sentiti _ dei nostri tempi/ E' tutto vu succedersi di fatti n di coso die fanno eurrure per il corpo brividi di «itasìasrau, o trascinano ' la. inetti/ >ì ìlntnxfua, a, tutine tux&'.mi è tut• to un divagarli wiitinuo rii cpisodii che A perdoni ffcaiiO in uomintu » coso e t'orins,no mi insieme subii min o grandioso clic ci riempie di odiiti o <ii orgoglio. La «Canzono Italica» è un poemetto in 10 lassa di 30 terzino ognuno; e vedrà la. luce in questi ^l'orni. Per gentile concessione dell'autore, il nostro eorrispon<!onte da iSnnsevcro prof. MLlone Antonio ,'ci invia, oopki, affinchè i ièttorì dello i nostre JMglio possano per primi gu.staro ed ammirare ja bella, poesia. 341 essa tarmerà, assai più bella o gradita •fju&wk» MÌ pensi che l'avvocato Mandes, ò un ferventii .«"ytilìstn. che in quest'ora •rii pcaiidn ci" *•<> Idee e spirito rii parte, s'ò i itttt sua all'avai) I gìia,r<li;t. di. tntfcu lo manifestazioni po• triottiche ed ha, converto n dirette tntt/c . Jo sue «iicrgie por Ja •concordia dogli animi •e por la granduca, della Patria nostra. Ora che il tuo poata. è a la tua guerra j olii qui rimano — alunno — per cantare le glorio tue elio in ciclo, in mare, in tori», g romano? Vesso su balzare dal San (iottej"du a. Porto l'alo gentQ con ranni in pr.^no pr;) f.ii •!••• andare. JJn palpito d'jimoro onnipossente avvino» tutti: in ogni coro trema il desiderio più che foco ardente. JCtalìa! Italia'.... ii giunta la suprema giornata del riscatto: non veduta •ohiaman lo Ninfe, su da l'Alpo estrcaia. H priverà italica, salute! ifagfgio Jia portato lo sua rosso rose | per lo tuo donno atletiche, nociute. J £ e'adontano, ni fianco le tuo sppgo j e s'infioivi.iH> 11 petto lo fanciulle, ' il crino bianco hi vegliardo annose: «u J« iacito bane a *u in culle fjuÈrule soni) ropa d'ogni racso cha crascon tra, li ontani o lo betulle, i E, tra. il fiorire del tuo' bel paese, ' snuda la. spadu. forte, aramonitriee j « cessino r>or lo ìrarbnro offeso. \ 8ia la tua spada d'iunocenzla nitrice:! rossa la. punta, coma KWQ ros.se; > l'elsa, fogli» d'ulivo n. la. pendice; di» p;aeo solo eli iodi da 3e fossm rhù soavcral, domani, non. voluti.... • Contro il tiranno tutto Jo tuo posse.. \ Q primavera italica, salutai n. \ vanno su! oamix> dell'onor, tra spalle, a offrirò il petto per l'Italia grande; per le tue sacro beude, o Libertarie. li nomo loro in terra e in rn&r sa spande, su pel deserto de l'azzurro immenso, o il trono sa di spine e di ghirlande; sa di sangue, talvolta, e. come incenso, su l'altari) vermiglio dei Penati. e offerto al Nume, in olocausto intenso. Tu che combatti miri agli antenati; a, Carlo Alberto; a 3'avo tuo, gagliardo in cento mischie, in mezzo ai suoi «soldati; e forse nel tramonto maliardo do le foreste carniche, tu avvisti con la bluse scarlatta il gran Nizzardo elio con j (mille OTOÌ — oerto non visti — si gettano col solito ardimento insiema agli altri rossi.... ai socialisti clic, o buon Vittorio, in questo rrran , cimento si sono stretti tutti intorno a u;: che pianteranno il tuo Vessillo a (Trento; cho grideranno: Viva l'Italia!..., o Ile. V. Noi paseato di forra rì conforta l'i (sporco .insanguinato imperatolo elio pi;to e armuor'ja più di cagna morta. O strozzati acli spalti di Belfiore, sorgete da le fosso roantovauo eh'é giunto il giorno eie l'impiccatore. Tornino a Trieste l'aquile romane: dal sepolcro è ballato Pier Capponi ; suonino a stormo l'italo campane. Dove eei, 'l'ito Speri? Dai cannoni tu parli ( — Per lo macchio i rosigaoli levano in plauso mistiche canzoni — ). Scarsclliai, ^5amln;Ui, o buon Tazzoli, Bernardo du Cernii o Carjo l'ima, vedeste mai pi>'i luccicanti soli',' è calda — 'Al primo colpo di cannono • ha vinto su la morto ed è tornato I a la lotta. Il tuo cuore di Nerone, ' vecchio d'Asbur^j, ò scosso ed ha tre j inato | la prima volta.. Lo credevi spento.... or egli viene di vendetta armato ' nel tristo covo tuo sanguinolento : j ha ne le mani on canapo: sì sa; ! quello d'allora!.... Te lo porta ji. vento' su lo grand'ali do la libertà. ix. '_..; E vanno da la gloria in sul sentiero.... i* Salve, Salandra, eba salvasti i lari i da. 1.5 ambagi do I'UODII» di Dronero. j ^ erigono da la reggia e i casolari I e lauri o mirti; il baciò su ];«. fronte' t'offrono i nostri Numi Tutelari. .Vanno Io schiere ardimentose e pronte | e tu le guidi, o grande ceneraio, ch'hai nel pensiero lo divino impronte;; 'tu, Carìfrn;i, con raan sacerdotale, ci riconduci ti l'agoni .ita terni, ai sogni *do l'Italia imperiale: e nel eilenjio la più forte guerra combatti o lascivi»i tu, da l'Alpi ai Mara, i nostri ceri cho il tuo petto serra. Avanti!... avanti!... ecco Trieste appare;) circlecopyrteco la figlia con protese braccia, sotto l'infamo giogo secolare. Avanti, o schiero! con lo. lama diaccia fendete, proteggete, distruggete: fato do l'oppressore opime coccia. 'Avanti ancora! limpido, vedete, risplendo i] eolo su lo terre amate, deponeta il fucilo o raccogliete filari no lo valli profumate: infiorato Jo rio do lo sorella citta, per tanto tempo incatenate. 'A notte, Italia, le sue donne * belle ti canteranno un magico rispetto, r. dormiranno non più schiva ancelle etrotto abbracciato al tuo materno petto. Manda dal botro iserdo il suo grugnito j addietro millo appendici del gìonsaJa sao la bicipite aquila epi turata «: !"."rarÌT> La fottio, rii New "Ecafei nei chiodi <• t»ul portone di granito GMteste nostra alfine f> vendi aita: issato al vento tutto )e bandiere, genti d'Italia; l'anima « rinata. làdornate di fiori lo costiere; _ pavesate 1« navi: il tricolore ~m sventoli eovra l'Alpi e lo scogliere fottio, '" prriodico italiano cito «tal on qiian.» «li ee«olo wde la luecirclecopyrt raetropoJì americana. simbolo di Speranza — » m» Fedo Amore. II Diavolo Bionda è un romanzo moderno &om atti 'cita narrativa, al ' caldo ìatoesse episodi, si unisce lo studio drJla. vita bizzarra di Kew Tostala J3t"' tà. cosmopolita, por eceellenm, •'* II Diavolo Biondi «ara letto con Bpocjate godJHJ*ato tìaj , quei, tanti cho SOR vissuti negli Statj i L'eco dei successi lettorari di IfAUi •• • ,; che in qaeet» romanzo vrdrtanjt ! STANCO non è ancora, giunta ia Italia. .,.. ^lim^i ana ioro lantìwia soea* i cosa ohe non sorprende, .«e ei considera ic jUOgh| ben noti, figure e figari gi| che ia Italifl, gli acrlttcri meno caio {. " " soluti e meao letti sono precisamente i Nuovo romanzo del "Corriere delle 'Puglie quelli... italiani, anclie quando xisiedono j in patria! II Diavolo Biondo X. ii „ j 7i n r« T, r r <.. «tolacla ad apparire MUQ nwtare ap> II Corriere delle Puglie ha la fortuna t)eilHicL di prcsentaxe ai suoi lettori, cotoe vera j * Sorgete: ia piedi! Il canto è un'epopea: j c gustosa primizia, uno dei migliori ro j Leggere Ìli VI pagina la firiffl? II Diavolo Biondo, apparve due cmai J puntata del MUOVO la patria è ima: il vecchio invelenito è giù.... da la roman rupe tarpe». Tre Puglie (Lettere, telegrammi e fonogrammi) Il grande Convegno di Roma delle organ izzazioRÌ cooperative peeotiereiscie ile!!'Adriatico sjgnì doila J^irina pugliese o la neces' sita di iiiutaru .la emigrazione di quai ]>esctitori versi» l'Egitto, la Grecia e Ja. Tunisia. | II prof. Don Sehioecbrtti di S. Jìenej detto dei Tnonto o il signor Kroiai dì j Porto S. Giorgio espongono i bisogni pax| tioolari della Marina "peschereccia, dei. j ritli cwitralo e il ••'••'• :• uff. Beldei {;• Veneto. i piwe.i.t<ì:i. <lui] .A<j!ia.tiro nono !tiìt.!! i ri'.'sl ri .lavoratori, i ]riù. j colpiii dalla confla<rrazioirj europea scop. . : piata no! .191 1, splende eorrana la sua ferrea cìucBia. | 1: (crrihiìi ,ianni causati dallo mino djSorset® dal sepolcro.... ( — benedetto j «perse poi jn.i.rn cho tanta, strago di vitti.Vedeste su l'eterna, antica Roma più nimbo d'oro? Il cor le trema . in vi Jlorpidi bone, rievocò ir,, deliri. Jomo qiK .Infine J'on. I v •• sciissionc l'all:i. e l'assemblei ..rr. seguente ordine tic! 1c Associazioni .MIO! n. nel silenzio del ocre, quando a sera raccolti muti nel paterno tetto, innalzeranno al Sijmoro la preghiera,: Dacci i martiri nostri, o Grande, u Pio, in unVwcesa rossa, primavera. Sono slitmicri .là nei. suoi natio, l)i$ilH i Icro sepolcri invendicfiti.... Jionaci il ferro o.Ut vendetta, o Dio —"> esercito di niillo o più impiccati, i'igli del .r«:l,uii, v;i,Jr:03f) <i forte, bimbi dai corpi posti o togliiuszati, lutti eontro lo .«peltro do la rnort«. vi. ; M&ri'i;>ri9 .»rt la via di Monf;;lcone, RII Monte. Nero: ci i'iixjni accesi i" piombo jr^ • "": •"< v •• ! lìvido '.'qnriojìo. mo msiaiu! f (!<•<» «!y, un:), «'• ric.l g iT) in r,iri punti ricH'Adria ! r1.^, t; (!;>JlViitra, «rii immensi ; M.'i c.'ijiKmali ai " prHCa.torj, j •hio!?gio!,(.i, dall'imjjcdita con j •"imi nello ìicquo «i^i•, ; }<••*•' 'h. di» 'tate I .,: «i^u^.U ili TIO : ^>~><ive Federato Sitidiu'^to P<»F . Adriatico e •••ufi «ede a Md^.i:... .t:.'ixi, Barletta, vi ì t:,'i.H<H la ramare Adriatico, Pcsaro, S. BOQC.•!(;: •:!'•!'•! <iel Tronlo. l'orf.^ f*. fiioi.'ir. \>:!"m!r.n:i. (TDÌÌ ^ ;;;niini. \)V:H\: . \... ' :>ifijj (JiìiOU; jlununi, Da Alberobollo Per la Patria AT.BEKOB1LLO 28. 1 C'"N ^! «.•'••, ., Circolo del Popolo» cha so?' • .'^colare fervore, oonlro le, tCl.t ......,.v; manovro dei giolìttìfUli, Filttervento <lc.'irit.ttiia, in guerra, tei, ia quest'or' ••<• —rviaio ò»1 :'':;i, circa ii ltt per i BUIA iu . . •' '••"'• •'"' ':'«iii> popolo scrivono o • • • !«s ardcati di fede e di t . ._v;..;,,. Arrivo il caporal maggiore Greco Àzw gelo; «\i direi tante cose se b. censum ma lo permettesse; rontnnK'il'cvì i\nr «TI, (j| • ;ho noi ' . rira ;m\ pyx tu; in Trifsf.c ire rem e <;. di sai:.,_ . ,.,, a dovuto patrii ri ,;•;!, scoppiaci.. u;in.i,zioii« di interra fatto ì u;'i ari ini hi ' " ' in n ppn i <n lt:jl';i. :. i .Vn'tii.). hi sitiinKiono dei i findu^i • veauo sempre più puà (i •r ragion» di ù;dt> ! .• rnilifwr: . ia, peéoa. verino limiteto o vietal;,', (juasi dfi.ppertutto; sono più di trentarnii.'!, lavoratori ch'i non possono più trarrà il magro pano dato consueta inp lavoro o l;industria della puc CO' VI' spdi'., , . . •• • .di •••tieo, evi fonti pra.venuMite I 3; di j • rccl ::i"or ' Crcfanno 1.) 0hT! ]«"• !a pesca nrll tutU) io ir;fi 2.) din Ì preso n;i'Ari: • :•,' «iavfrno 1 irò va no li<: :tt.:i. :i contadini. ; .i si Unniani a.ti li In npui un'epica. ?x).fi:ì;;;'(,i; B noi bel san: r:r.,zi.oj.ì;i i tri^hi. 1Donaaiano, clona :ii fisli tuoi" ijl qunsto eli"', di jniputu mattino ! irlori^,; vi'rtudo ;ù j^iovaaielti croi: u •osi balzano su d;ii giogo alpino ; a paesano cantando l:i. frontiera: l'iva l'Italia e il <;ra/>>ì,o «ao declino! i issano al vento il tricolor: bandiera non va più. bella ni imondo. Il ver i de dice : j don la dolo» speranza lusinghiera. \ XI bianco: la son la feda redentrioa. \ 11 r.osso; U gantwe <ho dò, la vita ; i. (il oore j <•;/;« de t'affetto è culla genitrice. j Simbolo «di Site rama Fedo Amore j è il TOSSÌUO d'Italia: in ogni rotta splenda; «gni torre sappia il suo valore. >gni • nave, ogni barca, ogni goletta lo spieghi gii l'azzurro, onda del mare, < IH dovo Lissa attenda &u:i. vendetta • •kmdo venisti, a queste piaggio cùiare • ' circlecopyrt chi li volle, labaro fiammante, i le tro uTandì ^ircudi coafidarct i liasoesti da la, morto ili Pallantc: j Enea giaceva taci turar» e mesta i sul od te etrusco, tra. silvestri piante. ! Lo dc'imo «l'Ilio, iu. <j.uel matliu funesto» j r'iaaì;f'.r;ui«i J'UCCÌIK» Riovanetto j . iii virtrulli intesto: ' ri'ài.ja,:". • u' ha io foglie, veri7 • '•''•• aratati, : L'albero a noi U'allora benedetto j elio da. canzoni o pii sussurri ai venti, i La vjrtucio roman:)» i. fin.ivete, f. jjiont.i, i' MI voi l;i Kciiiura. .Voi.] reto su Al.i" di 1" ai dipintore • •' ••. •••'•• • •"• "•• tc.'.'ì ornate. or.t. V;t^!;i<> n''o;v ;' • : '.'.o. su te altiu!,!«.; d'.'l Cadore. avanti:.... gli altri sopolturo daranno ai nostri morti, gloriosi, inseguite lo ìx?!v<\ <> creature fatta d'orciaio; o fori! ed animosi • figli d'Italia: qucsUi. «"• guerra. s;ii,tcogliete alloro. 1 muscoli corrosi ! tirsi. . ••r:T •"!!O più • ' ( : ritto «'li •••[iporai aJJa. ?a"iiiiìhrio ni ! racmdo J.; ....6iìoso di «eiLQ'iestel taio , 11. sindacato peschereccio A'irintioo, eliti '| niccijglie r!"l firn sono Ir; cooperative jx;! scheroccie »ìi lutti) il litorale adriatico, fin I dall'agosto IDI* 'i ;ittua.ro, nr.ù limiti <!ei •tó, no\a lena: l'urto schianta Ja falango nemica.... o fanterie, colonne do la Patria, per voi canta oggi la etoria. No Io batterio si puntn, ad. ogni colpo iia, certa meta: fialtano i. Sortì, furono le spio. 'Aranti I ne la gesta tua ch'allieta, o madro Italia, non a(ù serva o doma: mostra a Jo genti in tua virtù segreta l'alma grandezza do l'auatìoa ficjna. VII. Fimne d'Iiliria <bù per cento miglia foni tra il vercàs teucro dei monti o li gotti ii Trieste, prima figlia ui'so tu j <'u':< vii*."? • , clj.1t/.iu premi, iiiuh • • tocnica por il rieupo;1 <',. .ir,ì, ì.'a.ttro, provvide ad :isfici:r;u^ ti;;(;j , soci ùoìlo tnoperativo ad. essa adonnti ; .alla f'assa >'azionalo lìifortuDi por f rì|.selu' eli frucrra, assumendo n propria e.i; vico l'ini orsi spe^a ncecasaria, n prarnutire ; u. ekiscìin. lavoratore unii, indennità, <,'i Ijriì ! •• i; :•'••:r;nit.à. poribiii•ito lìllà ibi: . . jiAijata da condv.Kjiu • \<) di lire ! in. caso di i.i f.^ VTtolia nVAv:. ..io Adriatico •• I1!UI11' credito voi jlor:. •• ', nj i Jiunoul i, ! Colti i ridUitili •rio veri .urifij reti, hv, ' tiluf'ì sr. •Mio suolo! ji • volta, • te. ^ ir ciano ( — <? 'regioni p.inarciai.io 0 .il. primo • rbiiima il jper monti, coi li, vaii? 1 bersaglieri \>ox la, niaccm.'i. gli. alpini por le balzo err , snidano 'a, paH:Rs;'li;j, iu[am. l'O prime ulturo vengono •gìh , f> Oormons i— oor dei monti o Cervi gnano, procedono te 'truppe ardenti, ÌIIPSC. JQ 'vallo Giu.dioaria e su pel piano, aon sempre ugnalo onnipossente ardore, salgono il Monta .Baldo e l'oppiano, «ì occupano i passi dui. Cadoro: • | là, .Ino la, Octmia, t» Jo gole stretto, Vai Inferno, .Val Digauo; stupore Bell'impeto d'afctacoo! tx baionette 1.... fi «laaicàano, ooa volo d'aquilotti, i nostri alpini, italiohe vedette. P Duca degli Abbnizzi, in questo notti cho odorano di mento e di viole, di giardini di palmo, e bergamotti ; 0i lauri.... attendo che lo suo parole ! vengano accetto da nemica armata ! rfio prenda il Ungo „, tra. il ra/fiar ! "dui soloj no l'onda nostra. Mioi.m, nicpi'iiliwto : ti. colpi '''• iUi; « con lancio di bombii o di siluri. IV. N' :iunl:o if^*> r.i» l'accampamento i' ?!,;: * .••no Emuiiucllo i.'y. iaXoi.:* i. .... iorza ed ardimento. ')• Crn.o dei Sabaudi ha, le sue stelle .; verdi o hianrfio 0 rosse, n, su nel ciclo, .'ricoì'T Io suo iiammelle. tinsero di fc;i:>. Honali lutti s Qori o tutti i baci, d'b li fcoiìt : l:c;:,7.o". la iioordi quella sera quandi £.c,iì alpini. ii di. iJoluro di. tuiia. un... un.c Hi l;i.voruton, .untili, forti <•. : . . iiwli.ssc. il'.iccordo con li, ' !" dello ooiji.'cr.'itivr, VÌ' e' " : r;i. ii,;j)Ht,'tti, stu?,'. ÌÌ ori •'lùir.' ; provvedici• ';'orai ;•. • • • lenire gii. ìrnuiensi. tìau?i H:i puorrri. ; !i'nu(.i> a Ho ma il 25 • me !(>."(), nella sede .N;iziu!Tiil« ••' ••••pératiic. <:u'Si; od. iill:: • no.rt.'.i.n ") ••• ;ni<Ti.M.. .•;;.• i r:i]'prct"''.'nuura .''Ì:;.;:)•I «li tutti i c.'ati'i pescherecci d.cli'A• ''•' • * •' ''' vi ;i, l.'hio;:^i:i, ;t. Caorii:. • lil • ; uri ^ni'ju' • isendo •iitivo '•• '.nvoro pv"'jlta.ut.ij vci'i )!> di ;uri, .""Di*i OtO i Olle > pel esso i ni:t. ni ,' ;•/• p )•'''•• "/ d,f. dal la~: glie Jltl : .].r.i. • ne ••• I.a r. •rveuuti ;. : « propo ; • '..;.• •>•! condì : .riin peschorcoesia n, i • • • ;Ì del Mi • ..uto Vcscuy , duposifci.ro presso l'Jj < trtyljf.o per la, Coópe : : ' > 1 lire 50,000 j ' : credito al f rara dello Stato per ! cuoi sussidi allo t'ami"Ministero deìLi Marino Cooperative, agii : 1 J •! ili. piigliO |. • vieue.... ed i< ... , .•• :, t, '• '•• ;.'cc iivanti, per iridare poi a fcpn1 \;i:. .{• r.unxm'xf umasppe itt casa sua, ai Vlenrui. !» ' '••::! non tniaom entusiasmo scnvooò i, • '•iti Mariam Nicola, Converfino Donic* ^o Luigi «f. i, mie ai to Jfi ••(•> delle • iii.,iutonzio j •.aturo delie : . . JIIO vernici, j eco. ]>or cs.ìerc J ;ctierecaIl'AcMa• ' :* Tf som ! , Annese Yi ..,;.. ...voratori organ •fìl fronte. — M neo minis!"> •R'rflai è stato oggi spedito il sffgiiw :MBina: « Questo CircoU? U.Ì l'opolo esulto, vo\ etra, nomina, cha è alto consenso alla fsr< ma Volontà idei Jxipoto italiano dì redimerà a qualunque ebeto, fratelli oppressi i^y faine giojjo straniero*. *•« Da Andrfa ; Per il Credito Agrario e per la tlisaecupàzier^ 1 • I A.M)JUA 'M : • • ' : li Afadria. a\v. ^.;•. 1,'^ : t'icpidcc'4! rj/'i dì.. 1 voti Per il miglioramento ou,;jlo Ira duo ;;au »! freddo, ni pelo ' :i)dar C'uitradn U'u la «luzoBO italica dic*\;, QuesUt ch'affido al palpito dei ve;i! con voi, «••'••:'ie: ora suporbp, or lievi quct.1 •••"•• •;> Patria, a, V;\ ?,BC r*cn!.' V'~ ' •:>„ !ìor li *> • . : «ai ps E' spezzata, è in. frantumi la carezza cao ti teneva ia prona servitù i j cantala Li canzono di salvezza ;, j al eicl, al mar, cenilo Isonzo, tu. fv: I Vili. • i ! Uno spettro !i guida, non ceduto ! j un giovinetto pallido, silente ! che 'l'infame capest7o ha oonosorato. ! .Gli ocebi Ira, del mare, il viso tnactletste | con Ja peluria delti, Ixuba bionda, i ooa dtntru il «oro la sua fedo ardente, j j~v ;j ,v>.. ..;,:>o,, >u, T<*Ì. .; f,i !;% ronda;' a rartif'iiorc: I da, consigli i corù. bersagliere; so ferito lo fase:.!, jo riacora o su lo navi fa da timoniere. Vota, nel eieìo a lo sbocciar d'aurora: con:'. tiri angelo biondo a.ccentia, addita •icssa nemica.; ogai oscla csiilora. J. . ,..jviuotto cai la dolco vita Wiìlenabacker, carnefice bisunto strozzò no la Giserinti inorridita. li' Ousliclmo Obcrd.iJi: il rriorao ò giunto <'o \:\ ;i;a ;.>:!i»t;;, ;itt.<;t zedonrioao, la i.. ; :> ... .::..•,i.i iu, piedi r, io strapuato "'•lupo parla iHcnturo deiqualo per acti'imaju.,Ì,.,,,Ì., r, sdento "deir^ssumblea, OLI. Mehanzor per il gruppo par':a,• .i.'lii. f'rcvidcnua e delia Benefi! «li^ri J>arì Presidente del Arbitri del Sindacato PeI'.ÌI'.O, l'ouorcvole Chiaruvi; • •••• •• rto Base vi per ia, Federazione ISa/.ionolc dei Sindacati Pescherecci, il prof. Caxliui per la Lega Nazionale dello cooperativo, il cornai. Beppe lìava, il rag. Barbini direttore del Sindacato, il eav. P.rosì/i per le cooperativo pescatori di Porto .'iau Giorgio, ii prol". baivemini e il signor Sghorza per le cooperativo pcaca,tori di Molletta, il. signor Pastore per la Cooperativa pescatori di Barletta il signor Del Zoppo per la Cooperativa marina abruzzx'su di Castollammarv.Pei'cara» Don Seiorx'hf:!.( i p:%r la * 'oopc?;:(,iv,'t. *>>ÌICU> i.nuiaic ili ì; . . l'Istituto "Sa./.i... >• CVedito poi i,i, « praK/ono n, j, deiie operazioni prestito da, c.Hitrarsi con* Iy etussu I tuto, ma ì! ijindawil') .uoa ha, 'i^,. hi cruuziouo di econonnea e tociaìo non i della razza bovina Al vuto t'spreésj dal (ìouiitato 'Aootv,.>. costilmU) tra i veterinan della pro"10, d/ìi IOstr!) fiornrilc .'i:"> TMI M .!;.•>•., ••il qualo ; • fa di Co'.. .. liostra proviricia, conto il»l Alinip',< • : • .•'.,.„, • '• ••' e torcili di razza, per it miglioraru» dell'altoapaento1 bovino regionale, . 1. jirctore . Ìi inza econonne uoa i dell'altoaaiento1 bovin ..«. .^iichu politica, osstado di grande i etato cosi risposto: riteresse per lo stato di aiutare le or Koaia, 26 luglio J910 gujiizzazioni dei pescatori superare 3a, cri! ai presente, giacché nel sospirato doaaj ni quando sì presenterà Li owessità di| pivi.vedcre al più razionalo sfruttamento ! dello nuove zone di suolo acqueo che sa! ranno eortqmstafe all'Italia solo in questi riLmo dottor Domenico Kesta — Turi « Si è preso atto del voto espresso da, modesto comitato, relativo alla distribuzione, anche ia codesta provincia, di tori jnjsrlioratori. f^, {• •' ' .M'^ririo e ii;;.., .ttori di Bar; ,'. V»w ».•.; _• ;•.•:. ,.i i. 111 : iics u senatore ce sarò Ferrerò di Cambiano, g!i onorevoliIia" c.'i; e SDCH— V,.M. ,. ,,Huj_ i lì JJKHH VI C Por;:.j ;;..>.;. iiti, le C.•...;.....«.«i.>>, <;i >';j.soatori di Baveri ria, Ancona, ]!urano. Bianco e Taravt.;> Aprì VA< il civ. Bronzi in ns5K?ÌI>:::. cì.ì io prof. Levi Jtorenr> in il saluto e il rincrrr • .'.':>•••.!o ni cojH,"^r,ti : ' cfidc." ' i. LDÌUÌ !,u',xatti . L'on. L'iigi Lyzzatti mandò uà alfotconsidarazionfi. Per it Ministri! Cottofnri » ~ ~ i—»u.>^, ni iiaiu> aum ui questi Questo Ministero non maxicherà di "dare :•; e;.,'penativi come provano le cani soddisfazione, appena possibile, al voto' •iar.ue ili pv.=ea compiute ja ' codesto Comitato. A 'banda, nel 1SVA, lo Stato,! Con >•—" uei .requisiti di capacita | • io condizione ruscessariai > scopo ixA miglior vati j " ' •Lfli.'l. r,'i7ii.Ti);iìr. \ 'ludo intorno ni •_ j: concedersi drillo ^••' ,,'Jio dei pescatori, ricordò c , u: ' . relazione preFentote dal1 O5i. Abbiale al Consisrlio Superioro dfcì Lavoro, si fo^c. afformato ii confetto Saluti dal fronte j . tesi e, àtó i studiare tecaira»do ha. :n l>er «ui •: *,> il TuPo*femitn l'ìst^ssm uae clic ad f di questa! J vento r Parl.'i. . vori Bari e Solianzj UMÌIÌ dolio diverso •: ..• !.f ri <>rcorresse delio Stato. ! ìiiterUilo iiriroincnto eli onorr....... 2S7ftieùrt'r ' suo giornale volt it VÀI'' amivi pare» fi • wulri. j,s,ini i cui figli in mento solenni1 dimohlraìio <: Sii» ,v^.» ,, •»»»»;io sangue paglie* iti ffiovani; mi cic.i(icrata'.iìc!lc j Co», doviti ti slima Sergenti! Jìiccl Antonio Caporale L<inz>*lk>tJo Mie " '. MftsirprilU •iii:;i di Molletta, e il i Cnri csppngtmo ì Ut* • OCA* Ui entrare tu UJ1| Domenica 1 Agosto 1915
Negli altri scacchieri della guerra CORRIERE GIUDIZIARIOTribunale di guerra TFA'KP.'UNK, : 'Antonio Patito.!i.ltro. uomini Pra russi e austrotedeschi rii in !,«> PAOLO PARODI Pi limili iti Gli austrotedeschi respinti in igni con gravissimi 3 perdite 1 clalruenftf» coU'abbaiidoJW) di Varsavia e! .">.» In ?(,)..; 1 ìa linea della Vintola. * = » •;*. Insogna inoltre cruad;»uitfir'' t.ojr;) • . NHÌd. nn\,1f>. t'in] iM't ni '•& urii< df.ì noconi}t!<:t.tr«: ì! imirtizioiiyimjnto d^! rn> ; ~i ri ;i,natort. lia !*:>ini>;mi;<f<.> ì"tiM"u\ir,i : hiiotnut. 'Miiia Jiostra ri' i,he fu!.«ì»ii*";*. i «/#«* asfissianti .< J *:u* a<w t! rii'Hiìin ?>.d »>t«.n IVAP.1I in Alfazid. (:r ••;rii'tìri Sopì», ^"'i **'**J"*• >*•*à«;ÌJ*». > nkrTritv,. • .,'.•<; ii 'Si con ì Pri' l"1"'' inn.c*cUi<>.t.t,t! OAIII K Oebutwrà. juire Ja, <• ,NHP. C.OTWIIlK'iJKKJTll fìU 'I > ,"1 Vtì RUMA PI (•'n;;«.KrHA ?>("> grandi sforzi •/.,i, <": stancare /(«mbatt.LmeiH.i riesci!» a traversare fa Vistola! ^^^ i^^X,!^; ! ^lìTl ,i* Oneri "iii;i .s< inaurigli a Ita Wninbanlato u., UHI::. utiVill r.i. trpi.j : uvi uuii'•rooplai"!i d«i camp'i'^"1 d:>! ;" ' ••inc.jrato di CHIC . ha bucato .t! •.manate Bulla sta/.iou •>' ^•••'vwrr'repertori •'"'';iii nnl sur». hottos/iàno dalTra. !i • .*7iardi.i .'* etili IJO sgombro di Varsavia deciso dallo Stato Maggiore russo (per telegrafo al C'Ticre dMl/> PusUt) Per la repisizìFoBdei 'officina *»..;, «v.!n*. K ''i/'JO nnvilo««i I'«h<!bnmn fr,i 1a, fit.H, lì'ibbi.i y,. :>>.« il! si .*. t'iuanato 'lai \ Brindisi pi;r 'i;iì«''ifij'! dfgii .allevatori # i !>f.'/,ii:imo. <• AI.I'.O pnbWìf I ; \'.;~!> iip'>s;iati.n, p. tonnato taH Nella roeionf» di Kovtn '1 di \ iirpuvt'i dipendonz/.; 103 t^1 ianr.intc sulla «.lì** sono av ' ine 8l)!.t<)tr:: nirvi f; per vif) Per ii pubblico 1915 30 1915. ìs'ATf. ! Bitl K.t; ;;)to principalnwnte!/•• j ducilo di artigliuna KH' :> imo f.ro)it«.\: _...»...»__ .Tra il yiiiapgio di :• ._ .. sui \a:; j_a cavalleria austriaca [tednschi. sulla d'strt <w y.nv... :it: entra a Lubiino ì nord dì ' ajer iMegrafo al Cùrr,,... '.., futility f'.ASLLEA. ai. 20: Ibrcmn *• smlk». 1' Ir., sci n<: h'iii'J ,>»</. /.^rj/f" *•;. ,7i staziom: di iJ^uvillci . _ _ , ; li'/cft; d'ii'.r. r;jià \ e sugli hnnfjara di aviario»*: *ìi l'h.il j sfati ooTirlaun«t.i ' •" , T' • ' j • i.!n)i..' • ..ili (tlft'iM1;: Il'Ùlif." ii trii àfi^^tj'Uuii sono i lioi'iiuiì ;i! : >' ^u<:n". L.i • ;.... . ^'ìTtiriii t\i rtj rf **fi'A ì (otcrìSff'l ì.*V\'. 3 R. X». sulla re^nisissione del bovini ' « relative istruzioni. •• •.rio, dalla Editri. dietro l'invio di j toU.irL v.tct'n iti L. n.i,'i. jocesso ;••'.' • •• Sulla Vistola, ài due Iati «,tr;i "!''.;ivailr¥ria I.ubliìio. Attività ii artiglierìa, ii e. dì aereoplani PAUidl " fidale) .li <:!HliU!t!'Tif'i drllo ore 15 iiliijf). in ]}'>i:vx;n ili VHPSO.. <«ii a.€r cuti Sii rii tf:di'?sn!ii linnun fiorii •<.,,, • :i.•< 1..11 o st.'tiunr.'.' Sii.iiil". P;ii:l cur .M( ;• ove j mi111:Ì; <•. fli'irn:il;it'> ;I.|I if",i rii ohbc/ìi'•]!/;!. I • !i t'nito eoa : •••.. «.ol'otfnnn | ' 11 a tlissi Ij • in rissa, j cln.Ji tii rl<'ll:i Russia (K.cideoi.ih;,! linea, ove un b:tmfJSÌ.JI ila ruii di I1fl!H'llt<'. d'I o 1111 .<! din.. rv• iuìii, ind Di Gnndia Ro!?a di Anna — Lagna. < " . ' .• ! • di Michelcirclecopyrt — Cari". | «molla Rosa. ,,'e rii Nicola, maei ESTRAZIOiE DEL LOTTO EARI IO 66—8—46—86 FIRENZE 30—76—22^2432 WiLANO 50—58—57—33—32 NAPOLI 3—31—68 8864 PALERMO 45—55—38— 9—70 mmk lb~~ 18 6340—56 TORINO 70—29— 44—74 26 .ivt.fcore KlùnoilPiaski' i! nemifo ; «lai RHH.SÌ. <iai •«ito respinto con gravi pt>rdit«, maj fu aito T> la riva sinistra dei Wrep?; fsso è j l'uniono ^ìto, dopo un accanito comljattinicn • — u», ad ;>•••;""—" nel attore con una j f^' •livision< iiixidronirsi d«H villag: w .storii 'ì"ra\niKi e quindi» a Monte dij quesl.o pnuto a, passare sulla riva destra i cfjf'i (iin:i govrnii'ito In Artois, i;Hi>nio n. S'uii.'i !r>istii1/,;i, aulvaf I/al)irinU\.' fucileria e. vai"'; •Ut. |MT il Winprz. Con intermittente, durante in, )i< s'ì!:jlit,i, eri n IHKl j tri <ii frmteri.i. . ui:H f; riCi'ìi. Jn Annriii". a]l"ini:r;n'io 'ii >•'ìu'irsiata. dai Tartari, | SorvoijIUwr.tloHo o fàyoa ilo : o iì snr I »; nel 156860 di IAJWÌHO che PÌ decise Polonia e della Lituania. vi fu l'wplosioncirclecopyrt di una. itìirui. tef seguita da ima lotta abbastanza •. durante In, quale siamo riusciti a»ì Tribunale Penale di Bari Ili Sezione (r.lirt,?' :;i ;•/.'//•,•,, ini.,) azione lL~Q0MVmCAT0 WD880 ì cùparo l'escavazionc prodotta dalla minii. ! Consiglio KusiHo, Sohiraldi. (;iusepv">: i" Alcuno bcnxibo sono «tate lanciate da; Tozzoli l.orenzo; cancdlUirc, Pr,.;.:,ifl ISTITUTO DI ANALISI Ai'P^^.ATK ALIA CLLNICA diretto dal Dott. Ti.INTRONA medicospecialista in chimica, miurosco pia e batteriologia cllnica. BARI .Telefono 442. Corso Vitt. Em. 78 (piazza della Prefettura) ANALISI ai TJrin» Espettorati Sangue Sacco ffastricoPeciI.atteI.iquidi da puntura Secrezione uretrale e vaginale Psoudomambrane Peli Croste. Ricerca dello spirochaete pallida nelle ulceri sospette di sifilide. Analisi di sangue per la ricerca del tifo, febbre melitene, paratifi, malaria, setticemie strxptococciche, atafilo< cocciche, ecc. Costante* d'Ambard «.«amo della ftin* zionalità renale,. Cntiroazion» alla Pirquet, Intrad»r moreii*ione alla Mautouz per la <lia gnosi della tnbcrcolosii. Reazione del Wasuermaun esa^ae d sangue per la ricero* dell* sifìlide'1. il Wrepz ! Un e^Ribattimento frail Wropa e ii Bug abbiamo re••to il giorno 29 lutti f!ì ostinati jit ' "•icr, noi la. ropinn^ di Sokal, ab; •")i?ij;d.') il ;i«.n.ti o dft duo livio'1' i ' " f'iii.o inìH' ! 6 I® batterìe di Chili {ljlfi>:ndt'.) In e:1.nr,nticato delio Stato 1( (;MISCI>)'«I>: P. M. t Loarcof.'lani nemici su Naucy, con tiar.ui , ll?1';^ f,. _ _ , ^ inaig'nifioantt. Lno deu;ii Pp! ,,; ^c^iutio!!''i •' 'iJto tudeschi, colpiti) '<ìa!ì'i, liOiHra ; iifj.^ta, di v.u l;«,i.».u :;<i<, "ÌHIA A l 111111001? IH flUJj; artuclima, •'• sUito costretto tnl ritorno j i,oro, del rah.rn." *,; lin. i:., n.t fi fiato!? li p<* | GrSflfiVOlB " LlUuUllli " Ulj a p •ender terra, 'tra le Haiec hnacesì e j ragioni Ai ciumanicM <t:i, Komito Agostìxw fu ! PADRE PEPPE p ) g j qnclW tfdcsdic. fili aviatori hanno pò! Damiano, nonr.Lfe di jijtre scwmctte. • l'!1 ' *"ti':<>iro L'are upte.no è Ftnto condotto II r''rib«nale. non risultMido nulla ril t l l r upte.n Vnvlrr. r'co ripl torpt^micro, (UK)nrT^iebc p,ns8O 1;* r i anno I russi si ritirane Elia Vistela ii ssiiiti il wm •• ILcowmciiòTEDESCO\ Laccanita battaglia nei Yasgi y^, HA.Sri/HA ,31, ; ;.' iOMl'NIC'ATO Al. &TRTACQ1, distrutto nella jv.gkriK u«i.miiìfera un • «airico di carbone. ™M,«..»«__ \ Si lii (hi B.TIÌII'> :><l: IL COMUNICATO TURCO \ is < ..rnuiricato urrki^l* dirf: >ul inaiili n.Mid.ui^if, }H«'.ss<:i !'• «olla Cb; fatto dife I» r ' V Lthcnziì. ;Ì a calo assolvo per non aver or, Favia. BASI LE A :••!. i ii artiglieri Si \Y,I. fin V:l.'ll «•.OOlllll' 1.),.. fronte in i'Ont«i.nn, conio tiv\; ; • :i, ali;i. rìcca'oA di un. jìabblici> ! • che non .;i trova mui. Fiitalmcn; ;;csca KfHÌ(i PnIi. ;i porriotfr, si affanna a ctiiatiijirv" :• 1 osi ii.'imn <"• l;i sua T'IKV.I rawv. . ; ti'Tvi all'uvv. lìdia. ft ir : nbhinmo ini l a tvinwsi <tol! A t di Per turi della Rinomata Ditta ili STD! § il! ALTAMURA i!epo«tio iiiia F. MQRFIHI i FIGLIO ViaArgiro 84 .Telef 370 fWi Pì Via f. VENEZIA 45 irli51—64—42 • r, 1(1 *• delj€ posis*mi LÌ zinnia Gabinetto dioico deli® malattie dì Stomaco ed Intestino Ikàt. Vincenzo (ìuaroieri Sondaggi e lavaggi gastrici Pasti \ rii prova Esame «Si succo lastrico — j. *: Esame ttetle feci — Correnti elettriclie '*" tatto tutte le forma. . t! Massaggio elettrico vibratorio. ( lin,, Vìsioacirclecopyrt diretta entro > nonì. lo atoniaco eft Intestino > slamano i nn Annessa C«sa di degenza ! rif.i:;tUi MI ;I;;.Ì, e di regimi dietetici. Via Fiineipe Amedeo 183: •"•••—.•> »> BARI tocjnunua. Tutti i giorni daJle ore 8 ade IO. , ."• ' Si reca a TARAMTO la seconda Domenica de lu metm 8 Afoste a» Motel ii' Europa. Sci vere Sari, pnros. per issare §tj appunta menti. H ' : , f inaio <li n« I lUili'li'.'l.j U, tra l:i \ MÌO rifila WIVM,/,. ! nelhi, Si {'lì htiZZii, di l'r chi!oin«tri. MÌI'.4. he.U <[..{ Uuidauelli .1 2i) ' <wi alu> 1;^ «<™a ' l«ix d^ ( ;^ rhu; purti fucKxi di ^v!i: u'"ri> <* ^HÌUJ dinanzi ai uosirì oata.,.».<.. Kiiitfriu ora d«bolo «i ora • co'i «otto il fuoco delia fiost.ra arti.. vjotetitio. ' gliaria <: della uflisira, Ì&nU*vin. '• • '.. (sif.'t arligli'..ria ha bombanlato. A"°^ Va?K'i i! nemico hu aUtutiiik) «i • riburiMi. un a<.reoplano iif.mio), " rmo"10 ic*ri tK>' pwiìerijsrgio, ic linee di ni»!.n^.tJM.ìok) a rittrarei ed hn susciti j ^m^ekopf e Mdrrenkopf. Si camfaatt'!•> un :>!CtMidKj. acuito da csplosione, ianoor* a>^ tiei ^>rj«i H, corpo per t dititro le trincee ritìiaii.'lie presso Sedul tMi:se:'!in <*<• fjUC'Slif. posizionr. D.iv ;rviaf/)ri intit^i hynm» dwnit») <Ji\',r, JU9 ° !' si fu. t;i. V"' ••''•'• p'.ro tii rivoìt.:!!:, portu iiì. pw*. eec. ^iBottiglia litro L. 4,40 ANNO li _ babinetto di consultazioni e cura per le fn. iii.to OT(X'/;ÌH per <iMitiiT> • ini *TTir nn i r \nr 1 «.:..!?«»«« H.. i MALATTIE BELLE VIE mi e»l. ';>er Le batterie dell'Anatolia hanno!!•••j.fi «uni) penetrali pure noli* ' bombardato le truppe ncni'chc nella re> Kofalo, Boizyuo, ;ii pO)re ji Tekkclmrmi. ! ;^if'Le guerre della Turchia dev» ì"tr: su! mai*', presso la sono sra.fi f;iHi jirifrion»>ri. camino su tutto j 1>l * • 'i'(f <ìi 1:J ,.a.. 111. <|ua Oottor VITO GIRONE ; di jNawoli « Parigi i BARI ViaPicvitìii'iV, p. '.;. '— Tpiefono3 ^' T,ur<Mi:;o. | Urfltroscopi» — Cistoscopla — Cateterismo •• :••"*• :,. j degli uroteri— Eletvroli.i ur«Lraì« — Li,, i. Metodo speciale psr ?<» • ..m dell». Urvfrit i. anche impnbi.Ui rii l«nocinio fier avtiro ì croninfie (qoutte tnil indotta, la sorella dol Magatatti alla prò ; stai Hi ecc. • tutù.1 ì«: abitazioni e' ,i. II iiostio ii COWW4TO COMUNICATO rmr,ff, di Ivangorod, dai due .•Ila Radòmka, abbiamo,; 21. ha da (Vi cirnvunkntry iBSSI ' T isdeschì. jterMstono a. svisare, BAHILEA 31. ; loro cmotinir.'iti, con. informazioni più icontro <3s))a fitnKm. di >ojj ;s(i: ! if> WftTuo uffi^.inli, <:ht^ diffondono nella'1l1Jf|J'A ranaiihiia e »••> dicv: ; starnila, la hapnomia dolio diverse anioni ! prov«»Kiono H j..r<.toro, in consideratone del fatto klilluoso cirumn^u dalia l)n VineoHs e hit spinto il JHa^.nletti a lavorare applica a, questi la, c(»Tidami:),:i^o!'> a Fraitrj'i giorni di reclusione. f •• •' 'ti .Dottari B, Porce•: _mrurgo dell* Otpe dale Consor^iaìe dì Bari. S, Hagoa 9 <*Tf chirurgo degli otptt dati riuniti ed assistente della R 'Cllnica Ginecologica di Romn; Bari Via 6arrybba N. 114 fC«n»«ltaziont tutti i giorni in elintea li Dott.. Magane dalle 9 alle IL Porcelli daini «H® 13 ' l'.U.'ìli.),. • .1 » m.. me f.^rnrinal.» lu. loft* iu11'Aifoip. THV.ÌÌ ' In Prancia e nel Belgio Mirn^^to^b" m*ima àuS*V uìt'ìitrf: attorno ;i •'• : '<"/.. dovv, IftrijiI 'ini iti — Pro èiaiili ecc, ORARIO: Tutti i giorni dalla 3 alla 12 dalie 16 alfe 18. Salotto separato '^cr le >Signoro» (ANNO XIr VILLA MARGHERITA CASA DI CURA •r !e malattie ohirufgìoha ortop»d!ohe e sinaoalogioh» TiUioo proprio ed espressamente costruito BARI 'via ^tbbrescia X. », ) Piazzai e dol Di. stretto Militare;. DIBETT1 "AL Oott. Florenzo Jaia di Giovanni Direttore Sanitario e Chirurgo l'iimari», dell' Ospedale di Convev<ar.o già noadiu«orAdella Clinica Chirurgica e Cliirurgo deli' Ospedale<HS. Maria Z^novì» '" "" ''" '.'«n«";; il, CQMUMOJTO TFVRSfJO La posizione russa ad ovest dei Wrepz rolla IL Ct/MIJNìi'ATO ìS'iLKSE )'Ì n i ella limi li su un fronte di 500 yards <.<;:• ricini. •! ii: sci iì iiHi sino osti. con • riatta n. infir. '!< •'i appena 2i>r '•ojni.wi.r . .interi» lì i fc'il .''hi lH>?nh.ii<Lu%»no '" . iti•»••"' i Ila: <! e a ^nd di ìhr 1 lìlfOIlu iì fronU: >.<*•!!:)»•;•. : ••• limanti. •^if. ii'.'il£,'ì<win ir loro; •iftMiit •|KSHiZHilli' l!''iìj. Io'!• A t'jfrtru»'1 fì..»r: '••.i»r«j a;.; f!in ijìoiii.^Ki e tinti i loro itiiacyjhi. furono rosphiti, Al Petruzzeìli film « Kr»< r>; DELITTO V i « anol.1 O»llI« Jaia r.Mto I , . t Cip "hrtt ai '.l'azione rto tutti i giorni *• prile al 31 . 1. N Ci nr» «il ;itn Wr.i, >'•'! i'i U:.: ..... ;.: «Hit iJ':.* hii mi fronte di "'U0 «.varite*. li citnibuttiincììfo conti»>ii. , Jn j,or»;jhi I.ÌSHI U ,»IMI I«I —»•»»— : ^JU,, iif>spinto una > rhutpxi' I COMUNICATI PRAA'CESI no. di dobolfl «ffof.;ivu, direlùt oonfro !•• Tittivi lane sulle porzioni tedesche ;su<:«i rv.m,^ ,w BUI, <; ^.., . „• «aff) fi <ioin1)iik*nfo d::!te ore J togliemmo loro, malgrado i;i U>r/Ai, ncìlc •' u!<•<.•: ! loro difeso f: i pendii scoscesi <:h<> do' Non bi »ìfrnu!,; in trutta la giornata \ vemmo superare. ; ;r. <w>!Ì>» "• •• Ì r!i f;tn<>ri;> sulla! I 2600 cadavori francesi, <H cui p,; tra [)•.)>« ; larono in queste occasione, non 'e ' v stala abjB^tero ^ài che nella loro immaenna spedale<H; lezioni in Bari a « Villa •«• > tu;!'. 1 i giorni dai!circlecopyrt oro 1.1 allo >. In Conversano nei piomi tii. .Lunedì. MP;1•:oledì, Venerdì • Douiemoa lialla ora i,'•'•'> Sic 3.«0. Per lettere e teleintnimi <hv>i Chinir/io, il kt hi MMlil Direttore del Dispensario Celtico e Medico Primario dell'Oso. GotnorziU /a As ;..fcii((» J«: Prorossori Da T. Ai1»1',..» • ari tutti i giorni ditslu .J « il alle U>. !AR1 • Via Do Giosa N. *~ Villino proprioi argo S. Antonio,» sinistra del cottovi». Per UH ere fi telegrammi Jaia Modi 5JA! Cinema Cavour .'.ioranno le proir Hotel Jsotta j$ Seneue iudcrà Pa La Direzione comunica alla sua rispettabile clientela clte dai Primo Ago,to l'Autobus dell'Hotel comincerà il Seruizio per Agnano Termc. Prezzo Lire Quattro andataritorni raggiungendo numero sei uiaggiatorì«| facilitazioni speciali per famiglie. li;: attorno a O 'ìì (1 ••f.mrrr. szione. 1 BELLAVISTA ""(Napoli) 1 SlNlTOlIO BELL AFISTA !•»<&*« lei oura delle Malattie Nervose KOB sono «nnieBsi inalati di tne«{# Direttori) P^ff ) Pror. V i l Pref. Lssnardo BianeWPer ecbisrimeali rivolgerai ni Ptot Cill S.fs T«M Wrtlì la necessita pai russi ii abbandonare : Varsavia e la linea della Vistola ! (per telegrafo «I COTT.^.I ,,>«... Puaiia) ì'IKli'tnmMin :ÌI Finalmente gli aereoplani francesi, io i k^iraefii designano oomc distratti,. vie sii1 Suippc'. I presvro inve<:'o terra entrò le nostro ,iì•,t..)to i, i,.Hn ., i nee senza .•tecid'nfi e lo bombe lr. .,!..," ciaf»! tu DujJojrquc non Gt^iouari»! :i' • <ytitjt.:j alluri djinno. lri?x)»nTna, rrtal.ir1' ' '••• . ,[•13 Sihu («'fi" f^HÌnf'Ji.1', i friììii/vri. fi.' li PJliirri. ffc'ùiieUi id Aibert».. i Varietà Moderniaimo : LABORATCRIJ entra WCEUTICS Ditta Francesco LippoSis dei Fratelli AndrianiLippoli» F5 A I* I PIAZZA '" /.'/ V. :].',. W..V NOBRÒNK <Ì>1 29, i nostri! Il comandante iella Guardia prussiana morto ! f. UV.ll l'iMT.d.'i. di Ypn"Rou!ers! (Per telegrafo al Carnet della ]\».*d]<'ii;d<>: j AMSTERDAM 31. ?l, ^.'.'f!]! ,ndl2 1T^Ofle| Il 7'e%mp/t annuita clw i! t»n.'n I'ujeìricU;j. : (•. JM..Ì IÌ l ii irvi! •. ••'.ila 4.'' generale tedas</> Von Voa, comandanti' ' il r>oiiv> rV>H;i Guardia <"• morto a \lvtx alo tóiic riporUUl rh^ tr.'irn'i :i!l;i, Hi in, lt.iì' hìi^o, <*orrt'5 io *vH,.'rr;vm fiali.'! tur: I.:Ì * .. :>!.u....!/ M<>Natarri broclik'l: 'Tonici, ìebroricimi purulenti sono cfiìca<" •••'• curate con l'uso assiduo di firn '' an" lieo ;,vb))iir;ito. lv.o .! .o Mjletuli di ri.ultiil L i,i?ila xm< orapaìe e nella tisi puliuonart'. Dose: Per pii. adr.lti duo cuccl'.iaiui 'la c»iTè. allnngati con acqua a piacere a K>* mafo libero (ine volte a! giorno. Ver ragazzi due n.ozzì cucchiaini 1 Domenica 1 Agosto 1915
.

Devi aggiornare Flash Player
Per sfogliare Virtual Newspaper hai bisogno di Adobe Flash Player versione 8 o successive.
Clicca sotto per scaricare la versione aggiornata:
Get Flash

Help

Pagine

multimedia

Password dimenticata? Clicca qui

[ ]